laRegione
i-bastian-contrari
sguardo a nord
laR
 
24.05.22 - 07:44
Aggiornamento: 14:32
di di Elda Pianezzi, scrittrice

I bastian contrari

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Secondo un sondaggio condotto da Tamedia e 20 Minuten, il partito svizzero che più si identifica con Putin è l’Udc: a "comprenderne le motivazioni" è ben il 40% della sua base, contro il 19% del Plr o il 12% del Ps. Secondo il Tages-Anzeiger a influenzare gli elettori democentristi sono le opinioni di alcuni leader, in particolare Roger Köppel e Andreas Glarner, famosi per le posizioni radicali, vicine all’estrema destra europea. Eppure, chi frequenta i social media potrebbe aver notato che ad avere queste simpatie non sono solo i membri dell’Udc, bensì un gruppo più eterogeneo di persone, molte delle quali prima si opponevano anche alle misure anti-Covid. È davvero così? E qual è il nesso? Lo chiediamo alla Prof. Dr. Katja Rost, direttrice del Dipartimento di Sociologia dell’Università di Zurigo, che ci fa un ritratto di certi gruppi isolati che oggigiorno si trovano con facilità sui social media.

Chi ha un’opinione opposta a quella della maggioranza si sente incompreso, tende a isolarsi e inizia a muoversi dentro circuiti chiusi dando vita a comunità di pensiero nelle quali i singoli membri trovano la propria identità. Con la pandemia, il discorso fatto sui media tradizionali dedicato al Covid è durato molto più a lungo ed è stato molto più intenso di ciò che di solito avviene per altri temi (per es. l’ecologia, la protezione degli animali, gli stranieri ecc.). Ciò ha causato una reazione più forte e rigida da parte di questi gruppi isolati, che si sono rafforzati trovando adepti e simpatizzanti in numero maggiore rispetto al solito. Questo è successo per esempio a chi praticava la medicina alternativa: essendo generalmente contro le vaccinazioni, queste persone, messe sotto pressione ed escluse, si sono radicalizzate. Quando è scoppiata la guerra nell’Ucraina hanno sentito il dovere di andare contro la cultura dominante, nella quale individuavano il nemico, e di seguire la morale alternativa di Putin. Passare da una tematica all’altra è tipico di questi fenomeni: quando un tema si esaurisce, bisogna trovarne uno nuovo per sentirsi accettati e rafforzare la propria identità. Spesso il fenomeno riguarda persone intrappolate in situazioni di disagio, personale o professionale, ma anche individui ideologicamente motivati, che combattono "per il bene". Secondo Katja Rost, con la fine della pandemia, che ha spaccato la società dal suo interno, dovremmo aver raggiunto il picco, che ora sta lentamente scemando, dato che la guerra in Ucraina ci tocca meno da vicino. Il discorso sui social media, a tratti fortemente aggressivo e spesso chiuso in singole "bolle", ha comunque anche tratti positivi: la maggiore circolazione di informazioni e lo scambio democratico. Con il tempo, la professoressa ne è convinta, impareremo a usare i sociali media in modo più saggio. I giovani già lo stanno facendo adottando comportamenti più rispettosi. L’attivismo mediale può inoltre influenzare la politica dal basso, per esempio spingendo le imprese, timorose di rovinare la propria immagine, a ritirarsi dalla Russia. Non possiamo dunque far altro che restare positivi!

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
katja rost social media
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
2 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
3 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
3 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
5 gior
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
6 gior
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
Commento
1 sett
A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)
Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 sett
M5S, la diversità di essere uguali
Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
1 sett
Le conseguenze della guerra
Commento
1 sett
Magistratura, se la politica non fa i compiti
Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
© Regiopress, All rights reserved