laRegione
matignon-trent-anni-dopo-una-donna
Keystone
Progressismo ‘tecnocratico’
laR
 
17.05.22 - 05:30
Aggiornamento: 19:08
di Roberto Antonini, giornalista Rsi

Matignon: trent’anni dopo, una donna

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese

Una donna di sinistra che non spaventa la destra. Dal cilindro Emmanuel Macron estrae il nome di Élisabeth Borne, tre volte ministra del suo governo: dapprima ai trasporti, in seguito alla transizione ecologica, infine al lavoro. Una donna a Matignon: non succedeva da oltre 30 anni, da quando François Mitterrand nominò a capo del governo Édith Cresson, effimera premier che non lasciò certamente un ricordo indelebile nella storia della Quinta Repubblica.

La scelta del presidente è indiscutibilmente strategica in vista delle legislative che si terranno fra meno di un mese: dopo aver più o meno annientato il centrodestra ricalcandone il programma, Macron deve ora scongiurare la minaccia che costituisce alla sua sinistra la nuova alleanza che fa capo a Jean-Luc Mélenchon. Il populista giunto terzo alle presidenziali, che trae la propria forza dalle sue abilità retoriche e soprattutto dal malcontento delle classi popolari, elettorato di riferimento anche dell’estrema destra, non ha esitato a denunciare la violenza sociale ed ecologica che incarnerebbe la nuova prima ministra.

Ma si tratta di retorica elettoralistica. In effetti, nulla di più scontato politicamente e di più sbagliato fattualmente: Élisabeth Borne appartiene a pieno titolo all’area di sinistra, seppur moderata e con malcelati accenti tecnocratici. Il suo percorso è quello dei grandi "commis" dello Stato francese: Politecnico e in seguito École nationale des ponts et chaussées, scuola d’élite per antonomasia a livello mondiale per la formazione degli ingegneri. Come dire che sulla sua competenza non ci saranno discussioni.

Che si scateneranno invece sulla sua impostazione rigorosa delle riforme. Nel suo curriculum svetta quella, dalla portata titanica, della società che gestisce la rete ferroviaria nazionale (Sncf). Malgrado tre mesi di scioperi la Borne ha tenuto duro, non si è piegata: ha così cancellato con un colpo di spugna i "régimes spéciaux", pensionamenti accordati più o meno nel bel mezzo del cammin della vita, introducendo anche nel mondo privilegiato del servizio pubblico disposizioni realistiche parificate al resto del Paese. Altre riforme attendono ora la neopremier: la rivalorizzazione dei salari, l’ecologia, la scuola.

Prima donna a ricoprire la carica di prefetto nel 2013, potrà certamente contare sul sostegno di quanti considerano la politica in Francia anacronistica e squilibrata sotto il profilo del genere. Con questa nomina, Parigi si avvicina oggi timidamente a Vilnius, Helsinki o Stoccolma. Nel breve passaggio delle consegne con il suo predecessore Jean Castex, Élisabeth Borne non ha d’altronde sottaciuto questo aspetto: commossa, ha voluto rivolgere un pensiero a tutte le giovani ragazze spronandole a non cedere, a crederci, a lottare, a realizzare i propri sogni.

Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Emmanuel Macron cala un asso abbastanza prevedibile per poter strappare agli avversari più temibili, oggi alla sua sinistra, quei consensi che gli permetteranno di ottenere la maggioranza parlamentare indispensabile per governare.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
emmanuel macron francia governo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Conferenza di Lugano: ‘principi’ del domani e guerra di oggi
La Urc2022 si chiude con una ‘Dichiarazione’ che getta le basi del processo di ricostruzione dell’Ucraina. Il risultato non è da disprezzare
Commento
1 gior
Conferenza, assenza & resilienza
Una parola magica, tanti (troppi) Paesi che si sono defilati: resta la sensazione di un’incompiuta, anche perché non si capisce cosa accadrà in Ucraina
Commento
2 gior
L’Urc2022, Cassis e la Storia
C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
2 gior
Fedez e la Corte Suprema dentro di noi
Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
4 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
5 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
5 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
6 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
1 sett
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
© Regiopress, All rights reserved