laRegione
laR
 
16.05.22 - 05:20
Aggiornamento: 15:07

Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia

La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025

lo-stato-e-la-diligenza-del-buon-padre-di-famiglia
Ti-Press
La politica sotto la lente

Che lo Stato si comporti come un buon padre di famiglia: in tempi di magra, stringa la cinghia. Risultati della votazione cantonale alla mano, si può dire che la retorica della destra ticinese sia riuscita a fare breccia. Così il ‘Decreto Morisoli’, che era stato precedentemente approvato da una risicata maggioranza del parlamento e che impone il pareggio di bilancio per le finanze pubbliche entro la fine del 2025, è stato accolto dalla popolazione con il 56,9% dei voti. Un risultato che non sorprende, a dire il vero, visti gli schieramenti alla vigilia della votazione: il decreto promosso dall’Udc era sostenuto a spada tratta anche da leghisti e liberali. Inoltre la base del Ppd, chiamata a svolgere il ruolo di ‘ago della bilancia’, sembra pure essersi schierata a favore del vincolo legislativo che costringe lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale entro la fine del 2025, agendo prioritariamente sulla spesa, senza aumenti d’imposte e senza riversare oneri finanziari sui Comuni.

È probabile che sia stato il timore di un eventuale incremento della pressione impositiva (conseguenza paventata dalla destra qualora il decreto fosse stato bocciato, misura esclusa a priori dalla sinistra durante la campagna che ha preceduto il voto) a spingere il popolo ad approvare la legge che impone al Consiglio di Stato di dover trovare il modo di "frenare" la crescita della spesa pubblica nei prossimi tre anni, in modo tale che le uscite non superino più le entrate.

Il fatto è che ciò avviene e avverrà in un contesto che avrebbe invece richiesto un altro tipo di atteggiamento da parte della politica. Ora, grazie a questo "automatismo" il parlamento non farà altro che invalidare il suo ruolo: quello di poter proporre, valutare e decidere di volta in volta quale passo compiere per tutelare la qualità di vita della cittadinanza.

Il risultato della votazione va anche letto in prospettiva: con una riduzione dell’aliquota sull’utile delle persone giuridiche che entrerà in vigore a partire dal 2025 (guarda caso, lo stesso anno in cui dovrà essere raggiunto il pareggio nei conti pubblici) e un’ampia riforma della Legge tributaria in arrivo, il rischio è quello di assistere a uno scenario regressivo per quel che concerne la redistribuzione della ricchezza, in cui finiscano per convivere un minor carico fiscale per i più abbienti assieme a una diminuzione del sostegno finanziario per le fasce vulnerabili e a una perdita di agevolazioni per il ceto medio.

L’esito del referendum, d’altronde, va pure analizzato a livello politico: fino a quando l’ala radicale del Plr (esistono ancora i radicali?) sarà disposta a tollerare la deriva democentrista data dall’attuale presidenza? Quante volte ancora i "veri" leghisti accetteranno di buon grado di vendere la loro anima "sociale" al diavolo, pur di tenersi buono l’alleato democratico di centro a garanzia dei due seggi in governo? Quanto tempo potrà passare prima che l’Udc torni a bussare alle porte di via Monte Boglia reclamando ciò che, penserà, sia ormai un suo diritto? E come si riposizioneranno a questo punto la sinistra – che ieri non è riuscita a mobilitare la base – e il Ppd in vista delle Cantonali dell’anno prossimo, dopo essere stati sconfessati dal risultato emerso dalle urne?

Peccato che nessun decreto sia in grado d’imporre il pareggio tra domande e risposte.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
3 ore
Da Guzmán a Messina Denaro
Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali.
il commento
1 gior
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
3 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
3 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
4 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
5 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
5 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
6 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
1 sett
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
1 sett
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
© Regiopress, All rights reserved