laRegione
stampa-di-mordacchia-in-mordacchia
Una museruola tira l’altra (Ti-Press)
laR
 
14.05.22 - 05:15
Aggiornamento : 09:43

Stampa, di mordacchia in mordacchia

Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un bavaglio tira l’altro. E così, a furia di piantare paletti normativi, il giornalismo svizzero finirà per occuparsi di veline, le comunicazioni ufficiali, e di argomenti che non turbino il tranquillo sonno dei signorotti di turno. Perché ora il potere (soprattutto), nelle sue varie declinazioni, dispone di uno strumento giuridico in più per silenziare la stampa scomoda. Quella che, non accontentandosi della pappa informativa scodellata dai Palazzi, entra nelle cosiddette stanze dei bottoni per verificare, per vederci chiaro e garantire in questo modo il controllo democratico dei processi decisionali. Già. È che adesso accendere i riflettori sui coni d’ombra diverrà appunto arduo. Dopo il Consiglio degli Stati, anche il Nazionale ha infatti approvato una modifica del Codice di procedura civile – una modifica di cui non si avvertiva la necessità – che renderà più facile bloccare la pubblicazione o la messa in onda di un servizio giornalistico.

A essere stato ritoccato è l’articolo 266. Che nella versione odierna recita quanto segue: "Nei confronti dei mass media periodici il giudice può ordinare un provvedimento cautelare soltanto se: a. l’incombente lesione dei diritti dell’istante è tale da potergli causare un pregiudizio particolarmente grave; b. manifestamente non vi è alcun motivo che giustifichi la lesione; e c. il provvedimento non appare sproporzionato". A Berna la maggioranza di destra ha tolto, alla lettera a. del 266, il ‘particolarmente’. Non si tratta della rimozione di un inutile orpello. La cancellazione di quell’avverbio rischia di agevolare il ricorso alla censura preventiva. Certo, sarà un magistrato a valutare ("può" ordinare il provvedimento cautelare, non deve) i motivi esposti da chi invoca il divieto di pubblicazione. Il potere di apprezzamento del giudice non potrà comunque prescindere da ciò che la legge afferma, nella fattispecie alla nuova lettera a. dell’articolo 266.

Si vuole arginare la diffamazione via social? Intento condivisibile, ma quanto deciso a Berna non risparmia le testate giornalistiche online, condizionando il lavoro di cronisti preparati e documentati. Eh sì, ci mancava anche questa modifica legislativa. Come se in Svizzera non bastassero le vigenti restrizioni in materia di informazione previste dal Codice di procedura penale e dal Codice penale che costringono le redazioni a equilibrismi defatiganti. Come se al giornalista che sbaglia non si applicassero le vigenti sanzioni penali. Secondo alcuni nostri politici, tutto questo non è sufficiente. Preferiscono una stampa che non disturba. E allora vai con misure legislative… dissuasive: pur di non imbarcarsi in vertenze giudiziarie lunghe, costose e dall’esito incerto, il cronista rinuncerà ad approfondire. Meglio restare sulla superficie dei fatti. In pratica l’autocensura. Altro che giornalismo d’inchiesta! Tra aiuti finanziari non concessi e ulteriori paletti normativi, il margine di manovra del cronista svizzero si riduce sempre di più. I cittadini che credono nel ruolo della stampa, quello di sentinella delle istituzioni, dovrebbero preoccuparsi. Di questo passo l’articolo 17 della Costituzione federale – "La libertà della stampa, della radio e della televisione nonché di altre forme di telediffusione pubblica di produzioni e informazioni è garantita. La censura è vietata (...)"– diventerà lettera morta.

Questa mattina si terrà l’assemblea annuale dell’Associazione ticinese dei giornalisti. Gli argomenti non mancheranno.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
giornalismo giornalismo svizzero libertà restrizioni stampa
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
22 min
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterranea della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved