laRegione
lugano-la-sinistra-riparta-da-schonenberger
Ti-Press
Parole di peso
laR
 
13.05.22 - 08:00
Aggiornamento : 15:38

Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger

Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

È stata una settimana di passione per la sinistra ticinese. Le critiche mosse da Nicola Schönenberger, in prima battuta alla municipale socialista di Lugano Cristina Zanini Barzaghi e alla sezione cittadina del Ps, hanno rischiato di accendere un focolaio che avrebbe potuto mandare all’aria anni di laboriosi colloqui e proficui accordi tanto a livello cantonale quanto sui piani comunali. I telefoni hanno squillato, le notifiche sulle app di messaggistica abbondato. Nel dibattito sono intervenuti grandi nomi, fino alle più alte sfere cantonali dei due partiti. Alla fine dal brusio sono emerse le rassicurazioni di Greta Gysin e Fabrizio Sirica: i rapporti restano buoni e l’amicizia è salva.

Verdi e Ps: rapporto fruttuoso ma tormentato

L’equivoco è stato proprio lì: il timore che dietro alle parole dell’ex leader ci fosse una condivisione su ampia scala e quindi la volontà di inibire l’alleanza per le elezioni cantonali del 2023. Non è così, assicurano i vertici rossoverdi: si sarebbe trattato di opinioni personali. Ma è stato davvero solo un equivoco? Diamo per buono che le critiche di Schönenberger siano effettivamente scaturite dalla sua volontà di levarsi qualche sassolino – leggi: macigno – dalla scarpa nell’addio alla politica. Resta il rumore che queste hanno causato, il brivido di freddo corso lungo diverse schiene. Volente o nolente, ma visto l’acume del personaggio propendiamo per la prima, Schönenberger ha svelato la vulnerabilità di un rapporto che è sì politicamente fruttuoso, ma spesso tormentato. Questa fragilità sarà messa alla prova fra pochi mesi, quando la campagna prenderà ufficialmente il via: il cammino verso aprile 2023 è irto di ostacoli e inciampi, e basta poco. Ce l’ha ricordato la sezione luganese del Ps, parlando di «attacco con conseguenze», l’ha ribadito Gysin, che ha invitato alla prudenza comunicativa sottolineando l’importanza della critica.

Meno personalismi, più gioco di squadra

Intese come quella rossoverde si muovono su un filo sottile, ne deduciamo. Talvolta questo filo si rompe, come è successo nella Città di Bellinzona alcuni anni fa. Tuttavia, detto molto pragmaticamente, se lo sono potuti permettere elettoralmente parlando. Ma Lugano non è Bellinzona. E si torna al solito discorso: nei contesti più difficili e nelle situazioni più delicate, per portare a casa buoni risultati i personalismi devono essere accantonati in favore dell’interesse pubblico, suggerisce Sirica. E con una sana dose di tatticismo, aggiungiamo noi. Che tradotto, significa fare buon gioco di squadra. E spesso, nella storia di questo cantone, è stato il tallone d’Achille della sinistra. Ma sono gli anni dell’ondata verde, è in atto un rinnovamento generazionale. Le cose sarebbero diverse.

Incognita Lugano

I vertici cantonali dei due maggiori partiti di area hanno dato prova, quantomeno a parole e per il momento, di questa diversità, della capacità di saper guardare a un interesse maggiore. Li aspettiamo alla prova dei fatti. Resta l’incognita Lugano: l’area ha oggettivamente raccolto meno rispetto agli altri poli urbani. È solo una questione di grande forza della destra? La critica e l’autocritica, se costruttive, possono servire: che questa querelle sia l’occasione per una riflessione sensata e per una ripartenza convinta di squadra, se le premesse ci sono.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
41 min
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterranea della sedia incollata non ha confini
Commento
1 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
2 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
3 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
4 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
6 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
6 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved