laRegione
laR
 
11.05.22 - 05:15
Aggiornamento: 19:41

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità

decreto-morisoli-dicono-contenere-intendono-tagliare
Ti-Press
Un ‘colpo da maestro’ del capogruppo Udc

La capogruppo liberale Gianella ha ragione: la destra in parlamento non ha approvato il ‘Decreto Morisoli’ che impone il pareggio nei conti pubblici entro la fine del 2025 agendo prioritariamente sulla spesa, senza aumenti di imposte né riversamento di oneri sui Comuni, perché vuole "fare del male a chi vive situazioni difficili". Il decreto, sul quale siamo chiamati a pronunciarci la prossima domenica, non è in effetti il frutto di qualsivoglia cattiva intenzione, bensì la naturale conseguenza di una visione ottusa dell’economia e della società. Visione che contraddistingue la conduzione della politica economica del nostro Cantone.

Il contesto in cui si svolge il referendum d’altronde è noto: da un lato l’instabilità geopolitica causata dall’avventura militare di Putin in Ucraina comporta delle conseguenze ancora incalcolabili per l’economia mondiale; dall’altro i due anni di pandemia stanno attualmente determinando un temporaneo e anomalo disallineamento tra l’offerta e la domanda di beni e servizi, ‘déphasage’ che mette a rischio la tenuta della ripresa.

In queste circostanze, costringere lo Stato a tagliare – pardon, a contenere – la spesa pubblica allo scopo di raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità: se il volume dell’attività economica è in espansione, è automatico che ciò implichi un corrispettivo incremento dei bisogni a livello di infrastruttura e servizi; con il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento delle prestazioni sociosanitarie a carico dello Stato diventa indispensabile; di fronte alle "storture prodotte dal mercato che vanno raddrizzate" (Alessandro Speziali, laRegione del 9 maggio), è inevitabile che i meccanismi di sostegno finanziario alle fasce più vulnerabili debbano rimanere intatti o addirittura rafforzarsi, e questo per permettere a un’importante fetta della popolazione di partecipare al mercato dei consumi.

Non si scappa, nel linguaggio dell’economia politica "contenere", "frenare" o "rallentare" vogliono dire tagliare. O meglio: ciò che è implicita nel "colpo da maestro" partorito dal capogruppo dell’Udc e poi sposato da Plr e Lega, è una fallace inversione dei termini di un’equazione fondamentale: la spesa pubblica non dovrebbe essere mai considerata una funzione della crescita economica. L’investimento in infrastrutture, servizi sociali e sanitari, istruzione e cultura "sono i veri motori della crescita e dello sviluppo economico e sociale" (Spartaco Greppi su ‘Naufraghi.ch’).

C’è chi ha etichettato la votazione di domenica prossima come "insipida" e "inconsistente". Affermare ciò vuol dire misconoscere le dinamiche dell’economia ticinese e non solo. Oppure fare in modo subdolo il gioco dei favorevoli al decreto pareggia-conti. Il verdetto che uscirà dalle urne avrà un impatto notevole, anche e soprattutto in chiave politica: a meno di un anno dalle elezioni cantonali che definiranno i futuri equilibri del Gran Consiglio (legislativo che sarà chiamato, tra le tante cose, a concludere i lavori di riforma della Legge tributaria), la cittadinanza si ritrova di fronte a un’occasione per mettere in ordine le priorità. Soprattutto quando l’attuale maggioranza in parlamento si dimostra incapace di farlo.

Leggi anche:

Gianella: ‘Serve più disciplina sui conti, per il bene di tutti’

Un voto per i ticinesi del futuro

Decreto Morisoli, un pericoloso ‘colpo da maestro’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
La formica rossa
9 ore
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
9 ore
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
2 gior
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
2 gior
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
3 gior
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
il commento
4 gior
Jacinda & Jacinta contro il leader testosteronico
Le dimissioni gentili di Jacinda Ardern, un anno dopo l’addio precoce al tennis di Ashleigh Jacinta Barty, sono la risposta al mito dell’infaticabilità
IL COMMENTO
4 gior
Psicoterapia e LaMal, il cerchiobottismo e l’occasione mancata
Le nuove norme sull’assunzione dei costi della psicoterapia sono un passo avanti, ma troppi paletti ne smorzano la portata a detrimento dei pazienti
IL COMMENTO
5 gior
Neutralità tra coerenza e opportunismo
Tra neutralità e indifferenza, così come tra equidistanza e codardia, tra coerenza e camaleontismo il confine è labile
IL COMMENTO
1 sett
Interpellanze in zucche: l’immorale ‘magia’ di Unitas
La richiesta di risposte chiare in merito all’audit sull’associazione ciechi e ipovedenti della Svizzera italiana potrebbe trasformarsi in interrogazione
© Regiopress, All rights reserved