laRegione
decreto-morisoli-dicono-contenere-intendono-tagliare
Ti-Press
Un ‘colpo da maestro’ del capogruppo Udc
laR
 
11.05.22 - 05:15
Aggiornamento: 19:41

Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’

Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità

La capogruppo liberale Gianella ha ragione: la destra in parlamento non ha approvato il ‘Decreto Morisoli’ che impone il pareggio nei conti pubblici entro la fine del 2025 agendo prioritariamente sulla spesa, senza aumenti di imposte né riversamento di oneri sui Comuni, perché vuole "fare del male a chi vive situazioni difficili". Il decreto, sul quale siamo chiamati a pronunciarci la prossima domenica, non è in effetti il frutto di qualsivoglia cattiva intenzione, bensì la naturale conseguenza di una visione ottusa dell’economia e della società. Visione che contraddistingue la conduzione della politica economica del nostro Cantone.

Il contesto in cui si svolge il referendum d’altronde è noto: da un lato l’instabilità geopolitica causata dall’avventura militare di Putin in Ucraina comporta delle conseguenze ancora incalcolabili per l’economia mondiale; dall’altro i due anni di pandemia stanno attualmente determinando un temporaneo e anomalo disallineamento tra l’offerta e la domanda di beni e servizi, ‘déphasage’ che mette a rischio la tenuta della ripresa.

In queste circostanze, costringere lo Stato a tagliare – pardon, a contenere – la spesa pubblica allo scopo di raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità: se il volume dell’attività economica è in espansione, è automatico che ciò implichi un corrispettivo incremento dei bisogni a livello di infrastruttura e servizi; con il progressivo invecchiamento della popolazione, l’aumento delle prestazioni sociosanitarie a carico dello Stato diventa indispensabile; di fronte alle "storture prodotte dal mercato che vanno raddrizzate" (Alessandro Speziali, laRegione del 9 maggio), è inevitabile che i meccanismi di sostegno finanziario alle fasce più vulnerabili debbano rimanere intatti o addirittura rafforzarsi, e questo per permettere a un’importante fetta della popolazione di partecipare al mercato dei consumi.

Non si scappa, nel linguaggio dell’economia politica "contenere", "frenare" o "rallentare" vogliono dire tagliare. O meglio: ciò che è implicita nel "colpo da maestro" partorito dal capogruppo dell’Udc e poi sposato da Plr e Lega, è una fallace inversione dei termini di un’equazione fondamentale: la spesa pubblica non dovrebbe essere mai considerata una funzione della crescita economica. L’investimento in infrastrutture, servizi sociali e sanitari, istruzione e cultura "sono i veri motori della crescita e dello sviluppo economico e sociale" (Spartaco Greppi su ‘Naufraghi.ch’).

C’è chi ha etichettato la votazione di domenica prossima come "insipida" e "inconsistente". Affermare ciò vuol dire misconoscere le dinamiche dell’economia ticinese e non solo. Oppure fare in modo subdolo il gioco dei favorevoli al decreto pareggia-conti. Il verdetto che uscirà dalle urne avrà un impatto notevole, anche e soprattutto in chiave politica: a meno di un anno dalle elezioni cantonali che definiranno i futuri equilibri del Gran Consiglio (legislativo che sarà chiamato, tra le tante cose, a concludere i lavori di riforma della Legge tributaria), la cittadinanza si ritrova di fronte a un’occasione per mettere in ordine le priorità. Soprattutto quando l’attuale maggioranza in parlamento si dimostra incapace di farlo.

Leggi anche:

Gianella: ‘Serve più disciplina sui conti, per il bene di tutti’

Un voto per i ticinesi del futuro

Decreto Morisoli, un pericoloso ‘colpo da maestro’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
4 ore
Conferenza di Lugano: ‘principi’ del domani e guerra di oggi
La Urc2022 si chiude con una ‘Dichiarazione’ che getta le basi del processo di ricostruzione dell’Ucraina. Il risultato non è da disprezzare
Commento
1 gior
Conferenza, assenza & resilienza
Una parola magica, tanti (troppi) Paesi che si sono defilati: resta la sensazione di un’incompiuta, anche perché non si capisce cosa accadrà in Ucraina
Commento
2 gior
L’Urc2022, Cassis e la Storia
C’è stato Marignano, certo, ma ora c’è Mariupol: il Consiglio federale ha avviato de facto una revisione della politica di neutralità
Commento
2 gior
Fedez e la Corte Suprema dentro di noi
Gli scempi in nome dei vecchi valori di una volta sono sotto gli occhi di tutti, ma per ergerci a giudici ci basta che un rapper non conosca Strehler
Commento
4 gior
Passeggiata scolastica e crepe nella collegialità
La rituale gita del Consiglio federale fa dimenticare le dissonanze in seno all’Esecutivo emerse a più riprese negli ultimi tempi
L'analisi
5 gior
L’inflazione segna la fine del paradigma ‘a bassa cilindrata’
Buona parte degli economisti sostiene che i rincari sono determinati dall’eccesso di denaro in circolazione, confondendo l’effetto con la causa
Commento
5 gior
Bisogna sconfiggere Putin, non Dostoevskij
Il ministero ucraino della Cultura ha deciso di censurare musica e letteratura russe. Dimenticando che la cultura non fa la guerra
Commento
6 gior
Wonder Woman e il pianoforte a coda abitano nel Luganese
Un annuncio di lavoro richiede alla babysitter doti linguistiche, gastronomiche, pedagogiche, musicali, antropologiche, mediche e non solo
Commento
1 sett
Dopo aver corso per Totti, ora Tommasi corre per Verona
L’ex calciatore della Roma diventa sindaco alla guida di una lista civica appoggiata dal centro-sinistra. Una figura atipica nella politica italiana
Commento
1 sett
La Corte suprema Usa e i suoi imam
Stati a guida repubblicana lancia in resta dopo la sentenza anti-aborto. Dietro c’è una strategia a lungo e tenacemente perseguita
© Regiopress, All rights reserved