laRegione
astrosamantha-e-il-cronista-fallocrate
Keystone
AstroSamantha
laR
 
30.04.22 - 05:30
Aggiornamento: 02.05.22 - 11:48

AstroSamantha e il cronista fallocrate

Un’astronauta pronta a partire per lo Spazio, lasciando a casa figli e marito, e la domanda ‘fuori luogo’ di un giornalista

Come in alcune case delle più moderne coppie persiste il retaggio di una società che mal digeriva l’uomo al focolare o la donna con i pantaloni, così anche fra i giornalisti, seppur più progressisti, c’è ancora chi domanda, microfono alla mano, se un’astronauta che molla Terra e figli per sei mesi non abbia un benché minimo senso di colpa. Interrogativo lecito? Forse, ma solo se l’avesse poi rivolto anche al vicino collega, uomo, in procinto anche lui di unirsi ai ricercatori scientifici che operano a circa 400 chilometri sopra le nostre teste. Ora che quindi Samantha Cristoforetti ha raggiunto la Stazione spaziale internazionale chissà se non abbia ripensato a quel cronista d’assalto, che anziché carpire dalla famosa aviatrice i segreti del Cosmo ha concentrato la sua intervista in una considerazione decisamente maschilista e scarsamente brillante.

Nessuna indicazione su un curriculum da far impallidire Nobel e plurimedagliati, nessun accenno al ruolo di leader che AstroSamantha (così è stata ribattezzata per i suoi meriti ultraterreni) andrà ad assumere lassù e neppure alle possibili passeggiate spaziali a cui si dedicherà. Nulla di tutto ciò, l’interesse stava solo nel sapere con chi restavano a casa i pargoletti. La semplice risposta? Con il papà, "del resto – ha spiegato – così abbiamo sempre fatto, rispettivamente, nei nostri impegni di lavoro".

C’è dunque da percorrere ancora una lunga strada per quella che viene definita un’auspicata parità di genere. Pare, dopo questi fatti, quasi un miraggio, un’illusione. Ora ancor più dissolta nell’atmosfera galattica. Anche per questo cara Samantha ne dovrai, e dovremo, prendere di voli per allontanarci, tutte, da preconcetti e giudizi che neppure il XXI secolo riesce a cancellare. Resta per una donna invece la continua difficoltà a relazionarsi, pacificamente, con il qui e ora: in famiglia è un continuo pensare a quanto si è lasciato sulla scrivania e in ufficio alle pigne di panni da lavare e stirare. Probabilmente non ha pace neppure lei in quell’angusto spazio, fra cibi liofilizzati e strani oggetti che fluttuano nell’aria della navicella.

La Natura del resto ce lo insegna quotidianamente. Pensiamo alle leonesse. Sono loro che per occuparsi della caccia, alla ricerca di una preda, ‘abbandonano’ all’occhio vigile dei maschi i loro piccoli. Eppure nemmeno il re della foresta le ha mai criticate per questo (anche perché poi partecipa volentieri al banchetto!). Fra noi umani, invece, è un continuo indicarsi compiti anziché dividersi impegni. Perché una coppia è proprio chiamata a questo: sollevarsi a vicenda i carichi e condividerne i frutti, con gli stessi diritti ma anche con gli stessi doveri. E se la moglie o la compagna rifà il letto, lava i piatti, cambia un pannolino perché non può e non deve farlo il marito o il convivente?

Conta insomma l’amore che si mette nella propria casa, nella propria professione, anche e soprattutto nel crescere dei figli. Mamma Samantha dal cielo potrà portar loro stelle e insegnamenti che in sei mesi tante mamme, purtroppo, non sanno e non riescono a dare. E allora vola AstroSamantha! Perché solo quando anche questo articolo sarà firmato da un giornalista (uomo) potremo finalmente parlare di una reale parità di genere.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
astronauta domanda figli giornalista marito samantha cristoforetti spazio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
16 ore
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
3 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
4 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
5 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
6 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
© Regiopress, All rights reserved