laRegione
laR
 
21.04.22 - 05:30
Aggiornamento: 15:40

Spegniamo YouTube, torniamo sotto i palchi

Riappropriarci dell’abitudine ad andare a un concerto vuol dire affrontare e superare l’angoscia di questi anni. Ne va della nostra salute mentale

di Marco Narzisi
spegniamo-youtube-torniamo-sotto-i-palchi
Depositphotos
Piccoli (grandi) riti

Fino a due anni fa, stare in mezzo a migliaia di persone a un concerto era una delle esperienze più ricercate. Tutti abbiamo negli occhi la marea umana del Live Aid o del grande raduno metallaro del Wacken. Poi, la pandemia ha appiccicato a quei contesti un’etichetta asettica che evoca inquietudine e paura: assembramento. Il corpo vivo e pulsante mosso all’unisono dalle vibrazioni della musica e dal carisma di un frontman si è trasformato, nell’immaginario collettivo post-pandemico, in una mera accozzaglia d’individui in cui il virus fa festa. Ciò, è vero, aveva senso nelle fasi acute della pandemia: basti pensare alla partita Atalanta-Valencia, ritenuta una delle principali cause della tragedia vissuta nel Bergamasco durante la prima ondata. Adesso, con il progressivo ritorno alla normalità, ci si chiede: vogliamo davvero tornare ai concerti?

In un servizio di qualche giorno fa sulla musica dal vivo era stato sollevato il dubbio che, oltre che l’ancora persistente paura, nel pubblico sia sopravvenuta una disabitudine all’idea stessa di assistere a un concerto. Come se andare in un bar per un live nel weekend o a un open air estivo non facesse quasi più parte della nostra routine. O, quanto meno, non nella forma a cui eravamo abituati, in piedi gomito a gomito con altre persone, in movimento e non forzatamente seduti: il che offre, sì, un’esperienza di ascolto più completa, ma priva la musica della sua parte più istintiva, quella del ballo e del coinvolgimento fisico oltre che mentale. All’improvviso, ciò che facevamo fino a due anni fa ci sembra quasi estraneo, addirittura pericoloso: aspettare per ore davanti ai cancelli o appiccicati alle transenne in mezzo a decine di sconosciuti con i quali per due ore si condividevano respiri, sudore e qualche bottiglia (e anche un po’ di amichevoli botte nel pogo più classico) fino al lento defluire del fiume di persone verso l’uscita. Piccoli riti che fanno parte del cerimoniale profano del concerto dal vivo e che oggi sembrano reliquie di un passato lontano. Ma, probabilmente, proprio il riappropriarsi di quei gesti e quei riti può marcare più nettamente il ritorno alla tanto decantata normalità, al di fuori della comfort zone che molti di noi si sono (anche a ragione) creati espungendo la socialità dalla propria quotidianità e che per molti ha finito per diventare essa stessa la normalità.

Al netto della giusta prudenza, ricominciare vuol dire anche rialzarsi, letteralmente, in piedi scrollandosi di dosso l’inquietudine di questi ultimi due anni e ritrovarsi ancora insieme sotto un palco. C’è chi, forse, urlerà (ancora) all’irresponsabilità: ma bisogna decidere, a un certo punto, quanto di questa marea nera che abbiamo attraversato vogliamo ancora portarci addosso, e quanto a lungo. Riappropriarci dell’abitudine ad andare a un concerto vuol dire affrontare e superare l’angoscia che ha sovrastato la nostra psiche per due anni. Ne va, dunque, della nostra salute mentale. Ma anche, e soprattutto, del destino di tutti i lavoratori del settore, già duramente provati da due anni di stop e aiuti a singhiozzo. Siamo stati solidali con i ristoratori tornando a riempire bar e ristoranti per supportare il settore dopo mesi di take-away: ora, è davvero tempo di sostenere la musica dal vivo spegnendo YouTube e tornando sotto i palchi.

Leggi anche:

I bar ticinesi riaccendono le casse dei ‘live’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
19 ore
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
22 ore
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
2 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
3 gior
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
4 gior
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
6 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
1 sett
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
1 sett
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
1 sett
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
© Regiopress, All rights reserved