laRegione
laR
 
25.03.22 - 05:30
Aggiornamento: 08:57

Fuga dall’Ucraina, centro d’Europa

Secondo una tesi, nel Paese si troverebbe il centro geografico del continente. Da lì, oggi, bisogna ripartire per rifondare l’idea di Europa

fuga-dall-ucraina-centro-d-europa
Una solidarietà senza precedenti

Si chiama Dilove ed è poco lontano dal confine con la Romania. Questo villaggio ucraino si contende con località di altri Paesi il ruolo di centro geografico del continente. L’abbiamo scoperto per caso, dalla fiera Olena, una delle rifugiate che abbiamo accompagnato a trovare salvezza in Svizzera: poche parole, ma mirate, le sue. Se questi calcoli risalenti all’Impero austroungarico siano corretti o meno poco importa: stupisce invece che il secondo più grande Paese europeo, nell’immaginario collettivo associato indissolubilmente all’Europa orientale, possa ospitare il centro dell’Europa.

Forse conviene partire da qui per una riflessione un po’ più ad ampio raggio. Che sia o meno il centro geografico, l’Ucraina è certamente diventata il centro politico e morale dell’Europa. Per il nostro reportage nel Paese in guerra non siamo entrati, ma Przemysl – quindici chilometri dal confine –, con le sue tante targhe e lingue, ne è l’anticamera. Un po’ a sorpresa, non abbiamo respirato aria di sangue e morte, ma voglia di riscatto, di coraggio e di estrema forza. Nei cuori di questi rifugiati c’è sì la disperazione della guerra, ma nei loro occhi abbiamo letto un’energia, una fame di vita, che non possono lasciare indifferenti. La stessa fame che anche il pur criticabile Zelensky sta dimostrando in questi giorni nella sua tournée virtuale.

Quest’istinto primordiale di chi lotta per la salvezza deve servirci da bussola, quando parliamo di questioni così delicate come i conflitti e le emergenze umanitarie. E la bussola indica un’unica direzione: quella dell’aiuto a chi ne ha bisogno. Si tratta di un dovere morale fondamentale e più alto rispetto alle polemiche sulla copertura giornalistica delle guerre o sulle responsabilità politiche delle varie potenze, per non parlare di chi nei dibattiti televisivi vuole imporre la propria opinione ma poi non è neanche capace di pronunciare Przemysl. C’è arroganza culturale, c’è ignoranza, tanta. C’è poca voglia di ascoltare e troppa di parlare. Olena invece parla poco e ascolta molto. E ci dà grandi lezioni di dignità.

Bisogna quindi ripartire dalle storie, innumerevoli, non solo dei rifugiati ma anche dei volontari. Quel che conforta infatti, a Przemysl, è l’energia positiva che nonostante tutto inonda la città. Perché questo dovere morale, questa bussola, ce l’hanno in molti. E vengono da tutto il continente. Da Paesi che fanno parte della Nato e Paesi che non ne fanno parte, da Paesi membri dell’Unione europea e non. Questo indica che i nostri valori sono comuni, al di là delle affiliazioni geopolitiche. L’evoluzione del conflitto è quantomai incerta, ma a un mese dall’attacco una certezza l’abbiamo già: l’Europa e gli europei sono vivi. L’onda benefica probabilmente senza precedenti ne è l’emblema. Questa forza va capitalizzata, va tramutata in un rinnovato spirito di collaborazione che non si limiti alle frontiere aperte e al mercato comune, ma che sia veramente inclusiva di tutti i popoli che condividono gli stessi valori, senza fratelli maggiori e minori e senza ipocriti paternalismi. È inevitabilmente una riflessione un po’ utopica, ma noi questi ideali a Przemysl li abbiamo toccati. Che bello sarebbe se anche la politica parlasse meno e ascoltasse di più. Come Olena.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
14 ore
A Palazzo federale trionfa la concordanza. E la maggioranza
L’armonia ha regnato nel rinnovo parziale del Consiglio federale. Ma nella ripartizione dei dipartimenti si è imposta (senza voto) la maggioranza Udc/Plr
IL COMMENTO
2 gior
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
3 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
4 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
6 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 sett
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 sett
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
© Regiopress, All rights reserved