laRegione
laR
 
16.03.22 - 05:30
Aggiornamento: 17:31

La destalinizzazione della Russia, compito della società russa

Putin non è Stalin. Ma comincia ad assomigliargli. Nessuno dei due è Napoleone, ma a risentire il verro di Orwell è difficile non pensare a loro

la-destalinizzazione-della-russia-compito-della-societa-russa
Keystone
‘Tutti gli animali sono uguali, ma alcuni sono più uguali degli altri’

Luigi Bonaparte non era Napoleone. Ciononostante, lo diventò. Nel 1852, dopo aver dissolto la Repubblica, si fece proclamare imperatore di Francia. Ne risultò un gran pasticcio. Ma soprattutto diede conferma a quel lucido postulato di Marx, secondo il quale "la storia si ripete sempre due volte: la prima come tragedia, la seconda come farsa". Che poi la drammaticità della farsa possa essere paragonabile a quella della tragedia, o che in ogni caso ci siano delle conseguenze disastrose anche in questi brutti remake, l’assioma marxiano non fa una grinza.

Putin non è Stalin. Ma comincia ad assomigliargli. "Si sta trasformando in un dittatore che ricorre, come mai prima, a bugie, violenza e paranoia", si legge sull’ultimo numero di ‘The Economist’. A casa sua ha chiuso i media indipendenti, minaccia i giornalisti con 15 anni di prigione e ha fatto arrestare migliaia di manifestanti contro la guerra.

Dopo la morte di Lenin e l’estromissione di Trotsky, il dittatore russo pretese la collettivizzazione forzata che costò la vita a milioni di persone. Il regime impose un sistema socioeconomico che qui chiameremo ‘sovietico’ (c’è ancora chi crede che ‘comunismo’ sia o possa essere qualcosa d’altro): economia pianificata, repressione e repubbliche vassalle. Putin negli ultimi due decenni è riuscito a consolidare, sempre dall’alto verso il basso, una struttura in cui si mescolano un’economia di mercato capitanata dallo Stato e un sistema "democratico" illiberale (contraddizione in termini brillantemente spiegata da Andrea Ghiringhelli su queste colonne solo qualche giorno fa). Stalin ottenne con la guerra terre e neutralità dalla Finlandia. Putin ci sta provando in Ucraina.

Ci sono poi dei dovuti distinguo, che purtroppo non rendono la situazione meno grave. Scrive il settimanale inglese: "Stalin ha presieduto un’economia in crescita. Anche se in modo omicida, ha attinto a una vera ideologia (sic!). Anche se ha commesso degli oltraggi, ha consolidato l’impero sovietico. Dopo essere stato attaccato dalla Germania nazista, è stato salvato dall’incredibile sacrificio del suo Paese, che ha fatto più di ogni altro per vincere la guerra. Putin non ha nessuno di questi vantaggi. Non solo non riesce a vincere una guerra fatta per scelta mentre impoverisce il suo popolo: il suo regime manca di un nucleo ideologico. Il ‘Putinismo’, qualunque cosa esso sia, mescola nazionalismo e religione ortodossa per un pubblico televisivo. Le regioni della Russia, distribuite su undici fusi orari, stanno già mormorando che questa è la guerra di Mosca". Ecco la farsa, spiegata bene.

Siamo in particolare d’accordo con la conclusione alla quale giunge l’articolo citato: destalinizzare la Russia è un compito della società russa. Per quanto l’Occidente desideri un nuovo governo a Mosca, deve essere consapevole del fatto che non spetta a lui progettarne direttamente uno. Altrimenti il fallimento sarebbe inevitabile.

"Nessun indugio compagni! C’è del lavoro da fare. Oggi stesso incominceremo a ricostruire il mulino, e andremo avanti a costruirlo per tutto l’inverno, con la pioggia e con il sole… E ricordatevi, compagni: i nostri programmi non devono cambiare, essi saranno tutti realizzati nel tempo previsto... Lunga vita alla Fattoria degli Animali!".

Né Stalin né Putin sono Napoleone. Ma a risentire il grugnito di quello di Orwell, è difficile non confonderlo con la voce degli autocrati russi.

Leggi anche:

Une bêtise humaine

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Il commento
7 ore
Minchia signor Zelensky
Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna.
IL COMMENTO
1 gior
L’altra battaglia nel cuore di Mosca
Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
2 gior
Da Guzmán a Messina Denaro
Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
3 gior
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
5 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
5 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
6 gior
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 sett
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
IL COMMENTO
1 sett
La mondina, il carbonaio e la pomata miracolosa
L’ultimo rapporto Ustat conferma il divario del 20% tra salari ticinesi e d’Oltralpe
© Regiopress, All rights reserved