laRegione
laR
 
08.03.22 - 05:30
Aggiornamento: 15:49

Non è un lamento fuori dal tempo

Le lotte per la parità dell’8 marzo sono legittimate da cifre che mostrano un presente dominato da antichi rapporti di subordinazione non superati

non-e-un-lamento-fuori-dal-tempo
Keystone

Sono trascorsi 50 anni da quando nel libro ‘Dalla parte delle bambine’ Elena Gianini Belotti mostrava come i concetti di "femminile" e "maschile" fossero modellati da un’educazione sociale e culturale che subordinava il primo al secondo. Famiglia, scuola, pubblicità, immaginario dei cartoni e media proponevano ai bambini il rischio, l’avventura, l’esplorazione e il dominio del mondo esterno, e alle bambine la seduzione, l’attesa negli spazi chiusi, i ruoli di cura. Raccogliendo il testimone, nel 2007 Loredana Lipperini dava alle stampe ‘Ancora dalla parte delle bambine’ in cui analizzando la società del momento – con la novità di internet – giungeva alla conclusione che nulla, nella sostanza, era cambiato. Questo apprendistato al "secondo sesso", come viene definito nei due saggi riprendendo la formulazione di Simone de Beauvoir, a guardare ai giorni nostri sembra non aver perso preminenza. L’organizzazione del lavoro è tuttora concepita prevalentemente su misura maschile, con le donne che si fanno carico senza retribuzione dei bisogni dei partner – oltre che dei figli – per consentire loro di uscire ogni mattina "puliti, nutriti e pronti per produrre". Dal momento che il peso domestico è sbilanciato sulle spalle femminili, l’accesso al mondo professionale, invece di assicurare pari diritti, comporta per le donne spesso un doppio lavoro, con incarichi per lo più a tempo parziale, flessibili e precari che non consentono una vera indipendenza economica. In aggiunta, la disparità dei salari tra sessi in Svizzera si attesta ancora al 14,4%: è come se fino al 20 febbraio di quest’anno le donne avessero lavorato gratis. Nemmeno la segregazione verticale che ostacola l’accesso femminile alle gerarchie aziendali, il cosiddetto "soffitto di cristallo", pare dare segni di scalfittura. Quando si pensa a cariche dirigenziali, presidenziali o al sindaco di un comune, a venire in mente è sempre per prima una figura maschile. Il nostro Paese non sembra ancora abituato alle donne nello spazio pubblico, retaggio forse di un diritto di voto ottenuto solo 51 anni fa. È vero, l’immobilismo non è totale, in Gran Consiglio le deputate sono 9 in più della legislatura precedente, ma comunque rappresentano solo un terzo del totale (31 su 90), e in Consiglio di Stato non c’è una donna. Senza contare che i problemi spesso iniziano dopo l’elezione, con attacchi sessisti che hanno dell’inaudito (v. edizione di ieri a p. 4). "L’intelligenza, la lucidità, la volontà e il coraggio delle donne incutono ancora paura – scriveva Gianini Belotti –, e uno dei sistemi più diffusi per svilirle è ignorare o svalutare queste qualità per divergere l’attenzione sull’aspetto fisico: le gambe, la scollatura, l’acconciatura, l’abbigliamento. Il corpo, come sempre". Quel corpo che pare non appartenere alle donne ma essere di dominio pubblico, un campo di disputa su cui tutti si sentono legittimati a prendere parola. Atteggiamenti da ricondurre a una cultura del possesso difficile da scardinare: lo testimoniano l’aborto reso legale in Svizzera solo 20 anni fa, la media nazionale dei femminicidi di due al mese, gli interventi di polizia per violenza domestica in Ticino pari a tre al giorno. Sono cifre eloquenti di una fotografia del presente che conserva le tinte cupe di un mondo che alcuni immaginano superato. Cifre di fronte a cui le rivendicazioni di parità espresse dalle donne l’8 marzo – e in qualsiasi giorno dell’anno – si dimostrano tutt’altro che un lamento fuori dal tempo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
13 ore
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
2 gior
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
La formica rossa
3 gior
Bum! Bal(l)istica elettorale
L’ennesima trovata di Nussbaumer e No Vax assortiti preferisce non prendere le armi, ‘per intanto’
Commento
3 gior
La metamorfosi del franco: da kriptonite ad acquasanta
Di fronte al rialzo dei tassi deciso dalla Bns potremmo ripetere: ‘Jusqu’ici tout va bien’. Ma il problema non sta nella caduta, bensì nell’atterraggio
il commento
4 gior
Il grande ricatto di Putin
Con la mobilitazione parziale la guerra entra in casa di milioni di russi. Washington è convinta che il tempo giocherà contro il leader del Cremlino
Commento
5 gior
Valera è la cosa giusta
Tagliare il traguardo del Puc ha richiesto tempo e coraggio. Anche quello di resistere alle lusinghe delle lobby
Commento
6 gior
Rito dunque sono
Siamo in molti a lasciarci suggestionare dal rituale del saluto alla Regina per la sua capacità di stimolare un senso di riconoscimento trasversale
Commento
1 sett
Putin: troppo piccolo per il Grande Gioco
Il summit di Samarcanda ha rivelato tutte le crepe nelle relazioni tra la Russia, la Cina e gli altri aspiranti a un ‘nuovo ordine mondiale’
Commento
1 sett
Erdogan e il gioco delle tre carte
Erdogan si schiera ambiguamente un po’ con tutti, a seconda di quel che gli conviene. Un equilibrismo che nasconde nuove mosse, anche in Europa
© Regiopress, All rights reserved