laRegione
la-politica-e-quella-palude-da-evitare-a-ogni-costo
Ti-Press
Uno slancio per riemergere
laR
 
24.02.22 - 05:30
Aggiornamento: 15:09

La politica e quella palude da evitare a ogni costo

È sempre più probabile che questi 14 mesi che ci separano dalle Cantonali saranno all’insegna dell’immobilismo, i partiti tornino consci del proprio ruolo

La palude che si trova davanti alla politica cantonale sarà difficilmente evitabile, è inutile farsi soverchie illusioni o illudersi con visioni fatte di proclami che più sono altisonanti, meno corrispondono alla realtà. Una legislatura fortemente condizionata dalla pandemia nel biennio centrale, quello dove si sono prese le misure al parlamento e dove non si era ancora concentrati in liste elettorali da compilare e alleanze da stringere, rischia di concludersi stancamente con l’unica speranza che la prossima sia migliore.

Troppa confusione anche su buone idee

Ultima dimostrazione, il grottesco e a tratti surreale dibattito di ieri sull’emendamento di Matteo Pronzini al piano di sostegno alla formazione nel settore sociosanitario. La proposta di alzare, in questo campo, a 62 anni l’età massima per ricevere un sostegno alla formazione professionale è il classico esempio di come una proposta condivisibile - superare il limite di 40 anni inserito nella Legge sugli aiuti allo studio -, se esasperata e confusionaria inizia a collidere con quella che dovrebbe essere la prassi istituzionale. Il parlamento è stato chiamato a votare senza avere la minima contezza delle possibili ripercussioni, anche finanziarie, e senza che l’idea - ripetiamo, condivisibile - fosse prima discussa in una visione organica che abbracciasse tutti i settori della formazione professionale. Un deputato esperto e navigato come Fabio Schnellmann, circa a metà dei 38 interventi che si sono susseguiti, ha dovuto chiedere al governo se l’emendamento, in caso di approvazione, sarebbe entrato in vigore. Perché oggettivamente non si capiva. Il livello della discussione era questo.

Al di là del singolo episodio - si potrebbe citare anche il fantasioso tentativo dell’Udc di emendare un Consuntivo -, comincia a farsi largo la sensazione che a volte in parlamento il caso e alcune venature dadaiste vincano sulla sacralità laica della rappresentanza popolare che chi siede nel Legislativo deve assumersi.

Il diritto superiore e la volontà popolare vengono usati come feticci a seconda di dove tiri il vento, il desiderio di costruire qualcosa - anche all’insegna del compromesso - sembra diventare viepiù lettera morta nonostante i molti e saggi inviti a ragionare su poche priorità da condurre in porto entro la fine della legislatura.

Si fa sempre più concreta la probabilità che il periodo che ci separa dalle Elezioni cantonali sarà all’insegna dell’immobilismo. Un periodo che, sommando anche il tempo necessario all’insediamento del nuovo Consiglio di Stato e del nuovo Gran Consiglio, sfiorerà i due anni. Una palude che il Ticino non può permettersi, ma nella quale buona parte della politica sta finendo dentro fino alle ginocchia.

I partiti mostrino ancora la loro importanza in un mondo che cambia

In una società resa sempre più liquida dalle conseguenze della pandemia e dal progresso tecnologico i partiti politici, soprattutto quelli di governo, non solo hanno il dovere di dimostrare di essere ancora vivi, ma anche la responsabilità di attestare la loro utilità, il loro senso in questo periodo di cambiamenti epocali. Strutture granitiche faro della discussione una volta, oggi ridotte alle volte a post e immagini su Facebook o Instagram, i partiti non potranno esimersi dal riprendere il ruolo guida della società. Fuori dall’aula è stato fatto: Plr, Ps e Ppd hanno negli ultimi mesi presentato proposte su vari temi, dal fisco alla scuola passando per la socialità, che hanno suscitato molto dibattito. Ma dal caos deve arrivare anche ordine, quando i temi arrivano nelle commissioni e in aula. La speranza è che ciò avvenga non per un appuntamento elettorale da preparare, ma per l’avvenuta comprensione che la ricreazione è finita.

Leggi anche:

Una grande spinta per la formazione nel settore sociosanitario

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
gran consiglio politica
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
2 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
3 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
4 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
5 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
5 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
6 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
1 sett
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved