laRegione
laR
 
23.02.22 - 05:15
Aggiornamento: 16:46

Dallo Stato cuscinetto allo Stato lenzuolo

La situazione in Ucraina pare il prolungarsi del ‘secolo breve’: è cambiato il mondo, non abbastanza chi lo governa

dallo-stato-cuscinetto-allo-stato-lenzuolo
Keystone

Dagli Stati cuscinetto agli Stati lenzuolo che si possono tirare a piacimento dalla propria parte. Peccato che l’Ucraina sia un lenzuolo davvero troppo corto e il famoso letto matrimoniale (Berlusconi dixit) che vorrebbe occupare Vladimir Putin troppo grande e ambizioso. Un incastro impossibile da cui non può uscire nulla di buono, a partire da quel nome evocato dal Cremlino, Nuova Russia, che non è nuovo per niente, ma affonda le sue radici nel Settecento.

Nemmeno il secolo breve è stato capace di insegnarci granché, forse perché non è stato breve affatto: Eric Hobsbawm, che coniò quella definizione fortunata e troppo bella per essere confutata, lo fece iniziare nel 1914 (con lo scoppio della Prima guerra mondiale) e concludere nel 1991, con la dissoluzione dell’Urss. Ma negli anni abbiamo avuto la tentazione di spostarne la fine sempre più in là: chi nel 2001, facendola coincidere con l’attentato alle Torri Gemelle e l’arrivo del nuovo nemico dell’Occidente, il fondamentalismo islamico. Chi nel 2016, sotterrando Fidel Castro e un secolo a quel punto non più così breve.

Sembrava una forzatura, eppure nel 2022 siamo ancora lì a chiederci a che punto è il Novecento, se è ancora tra noi: certo, uno spauracchio e un’ideologia forte come il comunismo paiono ormai emarginati, incapaci di ripresentarsi con altrettanta forza. Ma alla morte della Guerra Fredda e della divisione in blocchi è sopravvissuto quel modo novecentesco di intendere le relazioni diplomatiche. Mentre il mondo si rivela sempre più fluido, chi lo comanda si mostra sempre più rigido. Non è un caso che i due grandi duellanti, Putin e Biden (a cui si può aggiungere il convitato di terracotta Xi Jinping) siano cresciuti dentro a quella contrapposizione netta, inzuppati di propaganda "buoni contro cattivi", semplificazione ridotta talmente all’osso che ormai non si trova nemmeno nella più sciatta delle serie tv.

Mentre il mondo viaggia a velocità supersonica sulla fibra ottica, Washington e Mosca si prestano a pachidermici summit, e il presidente russo proclama la guerra del prossimo futuro con alle spalle telefoni del passato remoto. Fatichiamo a capirli noi, faticano anche il presidente ucraino Zelensky e quello francese Macron che, quando il secolo breve veniva dato per finito, non avevano nemmeno quattordici anni.

È cambiato il mondo, non abbastanza chi lo governa. Le sfere d’influenza restano, ma non per forza devono coincidere con i confini, righe tirate sulle mappe, apparentemente inviolabili e poi rigorosamente aggirate, anzi ignorate, da chi fa muovere i mercati, e quindi i soldi, e quindi il potere (con cosa confinano Amazon e Facebook?). La scommessa ucraina di Putin fa paura forse proprio perché anacronistica e quindi dall’esito doppiamente imprevedibile, per di più in un’Europa che si crede sempre immune da certe dinamiche guerresche salvo poi riprodurle con una puntualità preoccupante.

E se gli orrori della Seconda guerra mondiale che hanno generato il mondo che Putin e Biden continuano a propinarci sono lontani, il fratricidio avvenuto negli anni Novanta nei Balcani è paurosamente vicino. Anche lì tutti tirarono quel che restava della Jugoslavia come un lenzuolo: rimasero poco più che brandelli, macchie di sangue mai davvero lavate. E una pace provvisoria e pesante come un macigno. Chiamiamolo col suo nome questo pezzo di storia: il secolo greve.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
2 ore
L’Udc, la destra italiana e la politica del dispetto
Su entrambe le sponde della Tresa si moltiplicano l’ostruzionismo ai soccorsi dei migranti e le ‘idee balzane’ circa le pratiche d’asilo
Il commento
1 gior
Minchia signor Zelensky
Perché Sanremo è Sanremo, ma non è e non potrà mai essere soltanto musica. Per fortuna
IL COMMENTO
2 gior
L’altra battaglia nel cuore di Mosca
Gli equilibri di potere decideranno le sorti della guerra quanto il campo. Cani sciolti, militari e Fsb: Putin sa come mettere gli uni contro gli altri
IL COMMENTO
3 gior
Da Guzmán a Messina Denaro
Affinità e (soprattutto) divergenze tra gli arresti dei due supercriminali
il commento
4 gior
Tornato Netanyahu, tornate le stragi
Dietro l’escalation di violenza tra israeliani e palestinesi non si può non vedere l’ombra di ‘Bibi’, appena tornato al potere
La formica rossa
6 gior
‘Guerra bbbrutto’
"Esigere la pace" è la presunta soluzione al conflitto in Ucraina di chi si oppone alla consegna dei carri armati a Kiev
IL COMMENTO
6 gior
Soldi finti, pirati veri
Riflessioni sulle dinamiche che, negli ultimi anni, hanno portato al fallimento della squadra rossoblù
IL COMMENTO
1 sett
Lugano sorride alla cultura alternativa. L’ora della svolta?
Diversi segnali positivi, a partire dalla Straordinaria ma non solo, fanno ben sperare nel 2023. La strada è in salita, ci vogliono pazienza e volontà
il commento
1 sett
Carri armati a mezzanotte
La Germania sblocca la fornitura di Leopard, che aiuterà l’Ucraina, ma indispettisce il Cremlino
IL COMMENTO
1 sett
Le parole della politica (sono importanti)
La sfiducia del Consiglio comunale di Mendrisio nei confronti dei vertici del dicastero Aziende ha portato all’esonero del municipale responsabile
© Regiopress, All rights reserved