laRegione
migrazione-la-norma-la-storia-di-india-e-gli-altri
Ti-Press
Non sempre, però, è scontato
21.01.22 - 05:30
Aggiornamento : 17:20

Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri

Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque

Ancora è un lieto fine a metà. Ma è già molto che da Palazzo delle Orsoline – o meglio dall’Ufficio della migrazione del Dipartimento delle istituzioni – sia arrivato il nullaosta – un preavviso favorevole – per la giovane India e i suoi familiari, la mamma Munaja e il fratello maggiore Nur. Per il Cantone possono restare. Rimanere qui dove da ormai dieci anni c’è la loro vita (a metà anche quella). E non è poco di questi tempi. Spalancare del tutto la porta del Paese alla diciannovenne nata nella striscia di terra fra Etiopia ed Eritrea adesso toccherà alla Sem, la Segreteria di Stato della migrazione. L’ultima parola è, in effetti, di Berna, anche se il fatto che a livello cantonale ci si sia sbilanciati ha la sua importanza nel soppesare il grado di integrazione della famiglia. In ogni caso India, da quanto trapela, resta in attesa. Per lei, alle spalle tanti ‘no’, non è facile fidarsi e affidarsi alle istituzioni. La paura, quella provata in questi anni – sulla testa il rischio di essere rimpatriata – non è facile da scacciare. E d’altra parte, come ci fa notare la legale della ragazza e dei suoi cari – Immacolata Iglio Rezzonico – non sempre le storie sono finite bene.

Non ci si può dimenticare, infatti, che se si è arrivati sin qui lo si deve pure alla mobilitazione di popolo e personalità, che ha visto prendere posizione (forse mai come prima in modo così netto) anche il mondo cattolico (al seguito del vescovo Valerio Lazzeri) assieme a cittadini e movimenti. Una solidarietà e una vicinanza che scaldano il cuore (e in Ticino non è la prima volta). Ma che ne è degli altri casi? Delle vicende sulle quali nessuno accende i riflettori (e qui il pensiero corre a chi vive, ad esempio, nel bunker di Camorino)? E allora viene da pensare che tanta attenzione e impegno civile andrebbero spostati pure altrove; ovvero al cuore della questione, quella normativa.

È vero, la legge per essere uguale per tutti deve mantenere un certo distacco. Nel caso però della legislazione sull’asilo – pur riformata nel 2016 in votazione popolare – e della legge sugli stranieri e la loro integrazione è davvero così? La storia di India e di altri migranti come lei ha mostrato che la norma può essere disumana. Chi mastica questa materia ci rende attenti e ci parla di una giustizia a ‘doppio binario’. Come dire che vi sono persone di serie ’A’ e altre di serie ‘B’ e che diritti riconosciuti non sempre sono dati per i richiedenti l’asilo. La patrocinatrice della diciannovenne studentessa non esita a definire la norma vigente come “discriminatoria e aberrante a livello umano” e ne invoca la modifica. Solo così sarà possibile allontanare la paura di sentire il proprio destino di migrante legato a un filo.

Sul tema della politica migratoria anche la Svizzera dovrebbe, insomma, fare autocritica. A indurre questa riflessione è stata la vicenda del tennista Novak Djokovic in Australia. Si può ben dire che l’unico risvolto costruttivo di tutta la faccenda sia aver svelato le condizioni in cui si trovano a sopravvivere i migranti in attesa di una decisione, in alcuni casi da anni e anni, in quel Paese. Situazioni limite che appartengono solo all’altra parte del globo? Non esattamente. Di storie simili se ne potrebbero raccontare anche alle nostre latitudini. A cominciare da quella di India – in attesa del permesso di restare da dieci anni – sino ad approdare all’umanità che si ritrova a trascorrere cinque o sei anni in un bunker.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
india migrazione norma
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved