laRegione
scuola-che-si-aprano-le-porte-della-sperimentazione
Ti-Press
Medie senza i livelli, utopia o realtà?
laR
 
20.01.22 - 05:15

Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione

Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Aldous Huxley riteneva che ci fosse solo un modo per provare a comprendere gli effetti della mescalina sulla mente umana: la sperimentazione. Così, in un pomeriggio del 1953, insieme allo psicologo Humphry Osmond, si immerse in un’esperienza che lo portò a varcare, scrisse Huxley, “le porte della percezione”.

Nessuno si aspetta che dagli altoparlanti del parlamento, la settimana prossima, risuoni a tutto volume ‘Lucy in the sky with diamonds’, né tantomeno che i granconsiglieri si ritrovino a danzare sui loro banchi al ritmo dei Beatles durante la seduta, per carità. Quello che invece possiamo sperare, questo sì, è che in aula, quando si discuterà sulla proposta del Decs di avviare un progetto sperimentale biennale di superamento dei livelli in terza media, regni un po’ di sano positivismo. Ovvero che vengano lasciate in secondo piano le scaramucce tra i partiti e prevalga finalmente l’interesse dei giovani allievi di questo Cantone. Che si aprano, insomma, le porte della sperimentazione.

Ppd e Lega nei giorni scorsi hanno fatto capire di non essere per forza contrari all’idea di una tale sperimentazione. Questo dopo che in Gestione il rapporto di maggioranza da loro sottoscritto aveva raccomandato al plenum lo stralcio della voce di spesa riguardante l’introduzione definitiva dei laboratori a metà classe in terza media.

Dai liberali e dall’Udc invece l’impressione che passa è che ci sia un tale preconcetto, per cui qualsiasi proposta presentata dal Dipartimento diretto da Manuele Bertoli vada bloccata a priori. Il presidente Plr Speziali e il capogruppo democentrista Morisoli diranno che non è così, e sarà pure vero. Sosterranno che anche loro hanno delle idee per rinnovare la scuola e che concordano sulla necessità di rivedere il modello attuale, escludendo però ciò che definiscono “l’inclusivismo ideologico” promosso del Decs.

Ciò che sembra emergere dal fronte liberale-democentrista è una visione secondo la quale sarebbe assolutamente inaccettabile l’abbandono di ogni forma di differenziazione strutturale all’interno delle classi. Nella sua presa di posizione riferita alla consultazione chiusasi a fine dicembre, Speziali auspicava il passaggio dal modello attuale di separazione tra livelli A e B a un nuovo paradigma che mantenga sì una differenziazione, ma in base alle attitudini e agli interessi dei ragazzi. La proposta ha sicuramente dei risvolti positivi, soprattutto rispetto alla divisione gerarchica tra allievi bravi e meno bravi, e fa parte delle ipotesi di lavoro per la quarta media contemplate dall’emendamento approvato ieri dal Consiglio di Stato. Ma un tale approccio va sempre a cozzare col problema di fondo: la moderna ricerca in campo pedagogico dimostra che per i ragazzi di 14 e 15 anni è fondamentale un confronto il più ampio possibile con ogni sorta di disciplina, perché sarà soltanto grazie a queste esperienze che successivamente saranno in grado di scegliere con maggiore consapevolezza quale strada intraprendere. Un precoce restringimento del campo, e quindi delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica invece un condizionamento e pertanto va evitato.

D’altronde è bene ricordare che in un altro libro di Huxley – ‘Il mondo nuovo’ – gli individui usano il termine “condizionato” al posto di “educato”.

Quanto la realtà debba somigliare la distopia, in fondo, è una nostra scelta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
aldous huxley decs livelli scuola media manuele bertoli
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
19 ore
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
2 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
2 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
3 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
4 gior
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
5 gior
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
6 gior
Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa
Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
6 gior
Un leader che ha dimenticato il futuro
Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
Commento
1 sett
Lo ‘schiaffo’ di Putin a papa Francesco
Il ‘nyet’ dello zar a incontrare il pontefice non ha smosso di un pollice le convinzioni del pacifismo radicale e unidirezionale
Commento
1 sett
L’Usi, il rettore, lo studente e il cliente
Ecco l’equivoco di fondo: un’università che vive sé stessa come azienda, che misura la propria efficacia in termini di iscritti e soddisfatti
© Regiopress, All rights reserved