laRegione
tutt-altro-che-tennis-djokovic-e-il-sottosuolo-dello-sport
Keystone
laR
 
17.01.22 - 05:30
Aggiornamento : 19.01.22 - 21:45

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Che tu sia il tennista numero uno al mondo o un perfetto sconosciuto, poco cambia. In Australia le regole vanno rispettate. In caso contrario, ne paghi le conseguenze. Sembra essere questo, in estrema sintesi, il ragionamento della Corte federale che ieri, all’unanimità, ha rimandato a casa Novak Djokovic, mettendo un punto finale alla grottesca vicenda che si è trascinata per una decina di giorni; ovvero da quando il campione serbo è atterrato a Melbourne, da non vaccinato, con l’intenzione di vincere il suo ventunesimo Grand Slam.

Ma non sembrano essere state le ambizioni sportive ad aver spinto Djokovic in questi giorni, o almeno non soltanto. È da tempo che Nole ci ha fatto capire di stare guardando oltre. In effetti sono sempre più insistenti – e fondate – le voci che parlano di una carriera politica del tennista nel suo Paese, una volta che avrà appeso la racchetta al chiodo. Ed è sotto questa luce che andrebbe analizzata questa sua ostinazione a restare in Australia, malgrado tutto. Un’irriducibilità tanto apprezzata quando gioca a tennis, ma che fuori dal campo è diventata un’arma a doppio taglio: pur di difendere la sua posizione Djokovic è incorso in tutta una serie di apparenti errori non forzati che l’hanno messo in ridicolo. Per delirio d’onnipotenza o ingenuità, resta il fatto che ‘Djoker’ ha aggiunto alla sua lunga lista di atteggiamenti antiscientifici e nazionalisti un nuovo e bruttissimo episodio.

Era tutt’altro che tennis, insomma, la partita tra il campione serbo e il governo australiano. Una partita dalla quale, tra l’altro, escono tutti perdenti. Pure il primo ministro australiano Scott Morrison, nonostante certe sue dichiarazioni altisonanti degli ultimi giorni. D’altronde è innegabile che una quota di responsabilità in tutto questo pasticcio riguardi il suo governo. Risulta infatti difficile pensare che Djokovic si sia imbarcato per l’Australia con tanto di post “See you there, everybody”, senza che qualcuno gli abbia prima detto: “Vieni pure, Nole”. Che il governo federale fosse all’oscuro di tutto? Difficile crederlo. Con le elezioni dietro l’angolo, e dopo una severissima politica sanitaria negli ultimi venti mesi, per Morrison è diventata una questione di credibilità.

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero. Perché siamo troppo abituati a vedere i potenti spuntarla sempre. E fino all’ultimo sembrava che anche questa volta potesse andare così. Ma forse la posta in gioco era troppo alta. Per il governo australiano e non solo: il mondo intero, che da due anni fa di tutto per contenere la diffusione del coronavirus, ha seguito con stupore gli sviluppi che hanno portato all’espulsione del tennista dall’Australia.

Chissà se uno come Emir Kusturica avrà seguito l’intera saga? Se lo ha fatto è probabile che stia pensando a un sequel del suo celebre ‘Underground’: una potente colonna sonora prima di tutto, più i Djokovic, padre e figlio, assoluti protagonisti di una nuova esilarante e allo stesso tempo tragica farsa (“Fuori c’è la guerra. Mio figlio come Gesù Cristo. Prepariamoci a combattere il nemico”) che alla fine viene smascherata da tutti noi, appena usciti dal sottosuolo dello sport.

Scena dopo i titoli di coda: Nole è seduto sull’aereo che lo riporta a Belgrado indossando correttamente la sua mascherina, mentre guarda sullo schermo del suo tablet i campi di allenamento del Roland Garros. The end.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
australia australian open emir kusturica novak djokovic scott morrison
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
18 ore
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
2 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
2 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
3 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
4 gior
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
5 gior
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
Commento
6 gior
Due miliardi in più all’esercito, senza sapere bene per cosa
Il Consiglio nazionale approva l’aumento del budget delle forze armate senza garanzie su come verranno spesi i soldi né sulla loro provenienza
l’analisi
6 gior
Un leader che ha dimenticato il futuro
Retorica e bugie per una festa malinconica, in cui lo Zar celebra il passato e ricorda sempre più gli ingialliti gerarchi del secolo scorso
Commento
1 sett
Lo ‘schiaffo’ di Putin a papa Francesco
Il ‘nyet’ dello zar a incontrare il pontefice non ha smosso di un pollice le convinzioni del pacifismo radicale e unidirezionale
Commento
1 sett
L’Usi, il rettore, lo studente e il cliente
Ecco l’equivoco di fondo: un’università che vive sé stessa come azienda, che misura la propria efficacia in termini di iscritti e soddisfatti
© Regiopress, All rights reserved