laRegione
laR
 
17.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 19.01.22 - 21:45

Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero

tutt-altro-che-tennis-djokovic-e-il-sottosuolo-dello-sport
Keystone

Che tu sia il tennista numero uno al mondo o un perfetto sconosciuto, poco cambia. In Australia le regole vanno rispettate. In caso contrario, ne paghi le conseguenze. Sembra essere questo, in estrema sintesi, il ragionamento della Corte federale che ieri, all’unanimità, ha rimandato a casa Novak Djokovic, mettendo un punto finale alla grottesca vicenda che si è trascinata per una decina di giorni; ovvero da quando il campione serbo è atterrato a Melbourne, da non vaccinato, con l’intenzione di vincere il suo ventunesimo Grand Slam.

Ma non sembrano essere state le ambizioni sportive ad aver spinto Djokovic in questi giorni, o almeno non soltanto. È da tempo che Nole ci ha fatto capire di stare guardando oltre. In effetti sono sempre più insistenti – e fondate – le voci che parlano di una carriera politica del tennista nel suo Paese, una volta che avrà appeso la racchetta al chiodo. Ed è sotto questa luce che andrebbe analizzata questa sua ostinazione a restare in Australia, malgrado tutto. Un’irriducibilità tanto apprezzata quando gioca a tennis, ma che fuori dal campo è diventata un’arma a doppio taglio: pur di difendere la sua posizione Djokovic è incorso in tutta una serie di apparenti errori non forzati che l’hanno messo in ridicolo. Per delirio d’onnipotenza o ingenuità, resta il fatto che ‘Djoker’ ha aggiunto alla sua lunga lista di atteggiamenti antiscientifici e nazionalisti un nuovo e bruttissimo episodio.

Era tutt’altro che tennis, insomma, la partita tra il campione serbo e il governo australiano. Una partita dalla quale, tra l’altro, escono tutti perdenti. Pure il primo ministro australiano Scott Morrison, nonostante certe sue dichiarazioni altisonanti degli ultimi giorni. D’altronde è innegabile che una quota di responsabilità in tutto questo pasticcio riguardi il suo governo. Risulta infatti difficile pensare che Djokovic si sia imbarcato per l’Australia con tanto di post “See you there, everybody”, senza che qualcuno gli abbia prima detto: “Vieni pure, Nole”. Che il governo federale fosse all’oscuro di tutto? Difficile crederlo. Con le elezioni dietro l’angolo, e dopo una severissima politica sanitaria negli ultimi venti mesi, per Morrison è diventata una questione di credibilità.

In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero. Perché siamo troppo abituati a vedere i potenti spuntarla sempre. E fino all’ultimo sembrava che anche questa volta potesse andare così. Ma forse la posta in gioco era troppo alta. Per il governo australiano e non solo: il mondo intero, che da due anni fa di tutto per contenere la diffusione del coronavirus, ha seguito con stupore gli sviluppi che hanno portato all’espulsione del tennista dall’Australia.

Chissà se uno come Emir Kusturica avrà seguito l’intera saga? Se lo ha fatto è probabile che stia pensando a un sequel del suo celebre ‘Underground’: una potente colonna sonora prima di tutto, più i Djokovic, padre e figlio, assoluti protagonisti di una nuova esilarante e allo stesso tempo tragica farsa (“Fuori c’è la guerra. Mio figlio come Gesù Cristo. Prepariamoci a combattere il nemico”) che alla fine viene smascherata da tutti noi, appena usciti dal sottosuolo dello sport.

Scena dopo i titoli di coda: Nole è seduto sull’aereo che lo riporta a Belgrado indossando correttamente la sua mascherina, mentre guarda sullo schermo del suo tablet i campi di allenamento del Roland Garros. The end.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
19 ore
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
1 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
3 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
4 gior
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
4 gior
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
5 gior
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
6 gior
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
IL COMMENTO
1 sett
La scintilla e la prateria
Le proteste in Cina rivelano il malcontento per le opprimenti politiche ‘zero Covid’ imposte dal governo, e investono la figura di Xi Jinping
il commento
1 sett
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
1 sett
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
© Regiopress, All rights reserved