laRegione
per-causa-di-forza-maggiore
Il commento
laR
 
15.01.22 - 05:30

Per causa di forza maggiore

Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale

Visto annullato. In calce alla motivazione del ministro dell’Immigrazione australiano Alex Hawke, un provvido “per motivi di salute e di ordine pubblico”. L’editto e la replica del premier Scott Morrison che ha aggiunto che la scelta mira a proteggere il risultato dei “sacrifici” fatti dagli australiani durante la pandemia svelano la natura di un provvedimento di ordine politico, e la cosa non sorprende. Non avrebbe potuto essere diversamente. Tali e tante sono le implicazioni giuridiche, ma anche morali e ideologiche (si pensi allo scontro tra schieramenti opposti in tema di vaccinazione), che l’unico modo di uscirne era il colpo di spugna del governo che, in nome delle suddette questioni “di salute e di ordine pubblico”, può anche travalicare il senso stretto di leggi e cavilli legali. Una sorta di causa di forma maggiore declinata al tennis e a una vicenda che se non farà giurisprudenza farà senz’altro storia.

Il comune mortale, di fronte a vicende intricate e controverse che sfuggono a una lettura chiara, soggette a tante interpretazioni quante sono le zone d’ombra che l’avvolgono, è portato a dire che “la decisione avrebbe dovuto essere presa prima che a Djokovic fosse concesso il visto da parte del giudice Kelly. O era idoneo o non lo era”. Una semplificazione. Il tentativo un po’ maldestro di riassumere in un concetto un po’ ingenuo una settimana che passerà alla storia del tennis, dello sport. Proprio a chi si è stancato dello sballottamento tra indiscrezioni, atti d’accusa, presunte o reali irregolarità, tribunali che si pronunciano e altri che non lo fanno.

Un altro modo per liquidare la faccenda sarebbe il seguente: bella pensata, quella dell’esenzione medica. Senza, nulla di questo sarebbe successo. Innegabile, ma fragile. L’esenzione era una possibilità, ha aperto il varco. Colpevolmente? Consapevolmente, piuttosto. L’hanno proposta, è stata sfruttata. Fin qui, tutto bene, il resto è torbido e fangoso come le sabbie mobili infide in cui l’intera storia è scivolata.

Subito sfuggita ai confini dello sport per incastrarsi nei meccanismi contorti della politica e incanalarsi lungo il sentiero sinistro della retorica nazionalista, con derive mistiche di dubbio gusto, fino all’inevitabile scontro tra schieramento a favore e contro il vaccino (quale miglior alfiere del serbo che sfida il mondo per la campagna no-vax?), la vicenda è seria, come il quadro sanitario a Melbourne, in peggioramento. Concediamola, un po’ di sana rabbia, agli australiani. Se leggiamo nel provvedimento di Alex Hawke il tentativo di contenerne la frustrazione giunta al limite dopo venti mesi di chiusure che hanno esacerbato gli animi, forse non sbagliamo. Che poi sia stato “ispirato” dal primo ministro Morrison, del quale è fedele alleato, agli strepiti giustizialisti della prima ora del quale non sono seguiti fatti immediati, è parte del gioco. Lo scontato “la legge è uguale per tutti” ha finalmente un’applicazione pratica. Quanto corretta, in termini strettamente legali, non è dato sapere. Si chiama politica, e può più dello sport. Quindi, anche di Djokovic. Vittima o colpevole che sia. Simpatico o cattivo, no-vax o vaccinato.

Giustizia è fatta. Lo pensò Djokovic giorni fa. Oggi se ne riempie la bocca l’altra parte. Ammesso che lo sia, giustizia. Tante ne sono successe, tanto lunga è stata l’attesa di un pronunciamento, che il dubbio resta. A partita oltretutto ancora aperta.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alex hawke australian open melbourne novak djokovic
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
Commento
1 sett
Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto
Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei
© Regiopress, All rights reserved