laRegione
una-regione-lunga-30-anni
Ti-Press
15.01.22 - 10:000

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione

Nasce questo foglio modesto da un desiderio palpitante di amore per la nostra Locarno. Così scriveva l’Eco di Locarno, una delle due costole che hanno dato vita a laRegione trent’anni fa, in prima pagina il giorno della sua nascita. Era il 28 dicembre 1935, in un periodo storico complicato, nel bel mezzo di due devastanti lotte armate. Eppure era amore quello di informare e tenere vivo l’interesse in ciò che avveniva nell’amata plaga locarnese (così si legge) e oltre i suoi confini.

Se guardiamo fuori e leggiamo il giornale, anche questo mondo contemporaneo non è dei più rassicuranti. E come allora, anche oggi quel cosmo di decisioni giuste e sbagliate siamo noi, come vittime e carnefici delle piaghe dell’era moderna, della polarizzazione, della crisi sanitaria e di quella climatica, delle fake news, dell’impoverimento culturale e della spaccatura all’interno della nostra società.

Ma di nuovo oggi come allora l’amore per questo territorio, i suoi abitanti e la democrazia ci spinge ad adoperarci per continuare con forza a informare con la qualità che ci contraddistingue, per provare a migliorare ciò che ci circonda. Perché per avere consapevolezza nelle scelte che facciamo quotidianamente è necessario, se non fondamentale, coltivare dentro e intorno a noi uno sguardo critico e conoscitore.

E così cerchiamo di soddisfare questo nostro credo giornalmente con impegno da trent’anni sotto questo cappello, cercando di rappresentare al meglio laRegione della Svizzera Italiana.

Se il 14 settembre 1992 una nuova sinergia, tra l’Eco di Locarno e il Dovere (giornale anch’egli con una generosa storia alle spalle, fondato infatti nel 1878), ha dato vita a questo nuovo quotidiano, trent’anni dopo ci troviamo a celebrare l’anniversario per rinnovare e amplificare il nostro amore per la divulgazione.

Come per ogni compleanno che si rispetti afferriamo al volo quest’occasione non solo per stilare un bilancio su quello che è stato, ma anche iniziare nuove avventure e cominciare questo nostro futuro con un pizzico di fiducia in più.

In questo 2022 abbiamo intenzione, tra le altre cose, di farvi scoprire con occhi ludici e nuovi il nostro bel Ticino, farvi fare un viaggio all’interno della bellezza delle arti grafiche e pittoriche e dare voce all’approfondimento di temi essenziali, tra salute mentale, educazione, medicina e mondo digitale, grazie alla collaborazione con esperti che operano nel nostro cantone. E di più ancora. Ogni nostra iniziativa e proposta per l’anniversario, la potrete trovare sul nostro sito internet laregione.ch/30anni o più comodamente nella nostra app.

Come giovani trentenni, nel fiore degli anni e protratti verso ciò che sarà, continueremo a valorizzare e approfondire la vostra, nostra realtà, cogliendo ogni sfida come opportunità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Covid-19, lettera a una cugina No Vax
Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
18 ore
Il gennaio maledetto dei maschi alfa
Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 gior
Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport
In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Il commento
3 gior
Per causa di forza maggiore
Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
4 gior
È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!
La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
5 gior
I Blues Brothers e il capitalismo accidentale
I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
6 gior
L’onore perduto di Darius Rochebin
È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett
Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan
L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett
Il Covid, un incubo ricorrente
Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett
Parmalat, succo di un crac
La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile