laRegione
una-regione-lunga-30-anni
Ti-Press
15.01.22 - 10:00
Aggiornamento: 31.01.22 - 09:10

Una Regione lunga 30 anni

Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione

Nasce questo foglio modesto da un desiderio palpitante di amore per la nostra Locarno. Così scriveva l’Eco di Locarno, una delle due costole che hanno dato vita a laRegione trent’anni fa, in prima pagina il giorno della sua nascita. Era il 28 dicembre 1935, in un periodo storico complicato, nel bel mezzo di due devastanti lotte armate. Eppure era amore quello di informare e tenere vivo l’interesse in ciò che avveniva nell’amata plaga locarnese (così si legge) e oltre i suoi confini.

Se guardiamo fuori e leggiamo il giornale, anche questo mondo contemporaneo non è dei più rassicuranti. E come allora, anche oggi quel cosmo di decisioni giuste e sbagliate siamo noi, come vittime e carnefici delle piaghe dell’era moderna, della polarizzazione, della crisi sanitaria e di quella climatica, delle fake news, dell’impoverimento culturale e della spaccatura all’interno della nostra società.

Ma di nuovo oggi come allora l’amore per questo territorio, i suoi abitanti e la democrazia ci spinge ad adoperarci per continuare con forza a informare con la qualità che ci contraddistingue, per provare a migliorare ciò che ci circonda. Perché per avere consapevolezza nelle scelte che facciamo quotidianamente è necessario, se non fondamentale, coltivare dentro e intorno a noi uno sguardo critico e conoscitore.

E così cerchiamo di soddisfare questo nostro credo giornalmente con impegno da trent’anni sotto questo cappello, cercando di rappresentare al meglio laRegione della Svizzera Italiana.

Se il 14 settembre 1992 una nuova sinergia, tra l’Eco di Locarno e il Dovere (giornale anch’egli con una generosa storia alle spalle, fondato infatti nel 1878), ha dato vita a questo nuovo quotidiano, trent’anni dopo ci troviamo a celebrare l’anniversario per rinnovare e amplificare il nostro amore per la divulgazione.

Come per ogni compleanno che si rispetti afferriamo al volo quest’occasione non solo per stilare un bilancio su quello che è stato, ma anche iniziare nuove avventure e cominciare questo nostro futuro con un pizzico di fiducia in più.

In questo 2022 abbiamo intenzione, tra le altre cose, di farvi scoprire con occhi ludici e nuovi il nostro bel Ticino, farvi fare un viaggio all’interno della bellezza delle arti grafiche e pittoriche e dare voce all’approfondimento di temi essenziali, tra salute mentale, educazione, medicina e mondo digitale, grazie alla collaborazione con esperti che operano nel nostro cantone. E di più ancora. Ogni nostra iniziativa e proposta per l’anniversario, la potrete trovare sul nostro sito internet laregione.ch/30anni o più comodamente nella nostra app.

Come giovani trentenni, nel fiore degli anni e protratti verso ciò che sarà, continueremo a valorizzare e approfondire la vostra, nostra realtà, cogliendo ogni sfida come opportunità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
eco di locarno il dovere laregione laregione 30 anni
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
Commento
1 sett
Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto
Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei
© Regiopress, All rights reserved