laRegione
e-morto-sassoli-abbasso-sassoli-viva-sassoli-viva-me
David Sassoli (Keystone)
il commento
14.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 18:15

È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!

La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi

Ne ferisce più la penna che la spada. Per non parlare della tastiera, che non solo ferisce, ma spesso uccide un uomo già morto. Perché sì, i nostri avi ci hanno messo secoli a capire come seppellire al meglio i nostri morti. Chissà quanto ci vorrà per imparare a seppellire i personaggi famosi sui social network.

Quel che – su Facebook e dintorni – ha fatto seguito alla morte di David Sassoli, presidente del Parlamento europeo, sarebbe materiale buono almeno per un capitoletto di un manuale che purtroppo ancora non c’è.

Da una parte l’ennesima rappresentazione di Gesù Cristo in terra, l’umile, simpatico, empatico ex giornalista che stava salvando più o meno da solo l’Europa senza che nessuno lo sapesse (e lo dicesse) fino al giorno prima, dall’altra i complottisti amatoriali e di mestiere, che al posto delle ali usano la connessione internet per saltare come avvoltoi sull’ultimo cadavere ancora caldo. Lo fanno per tirare acqua al proprio mulino e somme di una matematica imprecisa e sbilenca, tutta loro.

Questi ultimi, sui social, spesso nascondono le loro facce dietro ad avatar e slogan, a volte perché una faccia non ce l’hanno – essendo profili inventati di sana pianta solo per aizzare polemiche – a volte perché hanno ancora quella briciola di amor proprio (ma non per gli altri) da nasconderla. Poi c’è chi la esibisce: ma si sa, le facce toste esistono da prima del web, solo che ne incrociavamo meno. L’immagine perfetta per dare un volto a tutti questi cannibali, che divorano – post dopo post – l’umanità pezzo a pezzo, è dentro un’acquaforte che si chiama “Las resueltas”, dove animali molto simili a pipistrelli si lanciano a tutta velocità contro un cadavere per spolparlo.


“Las resueltas”, acquaforte di Francisco Goya (Wikipedia)

“Las resueltas” fa parte delle 82 incisioni che formano “I disastri della guerra” di Francisco Goya (sì, proprio lui, quello, non a caso, de “Il sonno della ragione genera mostri”), dove l’artista spagnolo sembra fare – con due secoli d’anticipo – una precisa allegoria del nostro accapigliarci quotidiano: eppure parlava di altri morti, di guerra e carestie. Ma la morte, come diceva Totò, è una livella: ci rende tutti uguali. A differenziarci era, sarebbe, l’immagine che lasciamo in vita a chi ci sopravvive: ma ormai l’immagine che i personaggi più o meno famosi ci lasciano non è più la loro, ma lo specchio riflesso di chi la commenta. Un’istantanea del nostro ego e delle nostre certezze.

David Sassoli sembrava una brava persona che aveva saputo incarnare ideali di fratellanza e convivenza civile, uno stimato professionista, un politico non urlatore, forse per via dei privilegi che in parte aveva avuto in sorte e in parte si era guadagnato. Chi era davvero David Sassoli, come per tutti noi, resta incastrato nella famosa frase di Gabriel García Márquez: “Abbiamo tutti una vita pubblica, una privata e una segreta”. E sia chiaro, non è un’insinuazione, ma solo pratica del beneficio del dubbio, quello che non esercita mai chi celebra un morto oltremisura per celebrare in realtà sé stesso, una vicinanza fisica o di pensiero, spesso casuale, fittizia e illusoria come un’amicizia superficiale, una breve intervista, una colazione al bar, un tratto di strada assieme.

Lo stesso identico dubbio ignorato da chi sputa veleno su un morto in un reparto oncologico per una disfunzione al sistema immunitario dando la colpa al vaccino. Chi si spiega tutta la vita come un complotto, ribalta ogni cosa rispetto al suo significato. Un po’ come l’onnipresente “Rip”, che si moltiplica svuotato sulle bacheche social: non più “riposa in pace”, ma “in polemica”.


Uno dei messaggi social che mette in correlazione la morte di Sassoli con il vaccino (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
david sassoli facebook francisco goya morte paolo becchi social
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
19 ore
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
© Regiopress, All rights reserved