laRegione
una-bomba-a-orologeria-chiamata-kazakistan
Keystone
Le forze speciali schierate ad Almaty durante le proteste
laR
 
11.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 18:11
di Giuseppe D’Amato

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale

È finita in Kazakistan la stabilità durata un trentennio. La notizia è pessima per l’Asia centrale e per l’architettura geopolitica internazionale. Incomincia nella regione il “Grande Gioco” del XXI secolo, i cui esiti potrebbero influire sui destini mondiali. Russia, Cina e Stati Uniti sono i giocatori.

Esteso più o meno come l’Europa, il Kazakistan come Stato fu fondato dai comunisti sovietici negli anni Trenta del ’900 e ingloba la Siberia meridionale di epoca zarista. Ricco di materie prime, il Paese – con solo 19 milioni di abitanti (il 58% della popolazione è autoctono, il 20% russo) – detiene il 3% delle riserve globali di petrolio. Qui è situato il centro spaziale di Baikonur, utilizzato dalla Russia, e ha sede il sito nucleare di Semipalatinsk, dove i sovietici fecero esplodere numerose bombe atomiche.

Per i russi il Kazakistan in Asia e l’Ucraina in Europa rappresentano due Paesi strategici e “cortile di casa”. Permettere l’intromissione di altre Potenze significa per Mosca dire addio ai sogni di gloria. Se Pechino arrivasse a controllare questo “Eldorado” energetico la Cina si trasformerebbe immancabilmente nella superpotenza da battere nel XXI secolo. Con 600 società attive in loco gli Stati Uniti hanno, invece, investito ben 54 miliardi di dollari dal crollo dell’Urss.


Un manifestante in piazza con una piccola bandiera del Kazakistan (Keystone)

Il garante dell’indipendenza del Kazakistan e “leader della nazione”, l’81enne Nursultan Nazarbaev, sembra ora uscito di scena e da giorni non compare in pubblico. Nel 2019, per evitare interferenze esterne, passò a sorpresa in poche ore il potere all’attuale presidente Tokaev, creandogli comunque attorno un sistema di controllo. Ma tra il maggio 2020 e le ultime ore questo sistema “paracadute” è saltato. Il problema è che – dopo il primo gennaio 2022, quando il governo poi licenziato ha più che raddoppiato il prezzo del gas gpl – si è scoperchiato quel vaso di Pandora che è il Kazakistan, dove enormi sono gli interessi contrapposti e le lotte intestine.

Quello che si è osservato nella repubblica ex sovietica dopo il 2 gennaio è il classico “bunt”, ossia una rivolta all’inizio pacifica che, all’improvviso, diventa violenta e distrugge tutto come un tornado. In decine di città migliaia di persone sono uscite in strada a protestare per la situazione economica, contro le ineguaglianze e le ingiustizie. Circa 200 magnati controllano le maggiori risorse del Paese asiatico, gli altri abitanti fanno la fame o quasi.

Si poteva evitare questa tragedia? Forse, no. La mancanza di dialettica politica è un tratto caratteristico dell’Asia centrale: chi la pensa diversamente rispetto alle inamovibili dirigenze da sempre è etichettato come “estremista”. Fino a quando c’è stato al potere Nazarbaev – un politico considerato illuminato – tale situazione era limitata. In futuro non si sa, ma il Kazakistan rischia di seguire la deriva di altri Paesi autoritari vicini.


L’ex presidente Nazarbaev con il nuovo Tokayev (Keystone)

Mentre la gente protestava dietro alle quinte vi è stata una resa dei conti: tentato golpe di strutture dello Stato contro Tokaev o solo occasione colta dal potere per eliminare gli oppositori? Lo si saprà presto. Vi è comunque stato in piazza un bagno di sangue. Speriamo solo che non finisca come nel 2005 per il massacro di Andigian in Uzbekistan. Manco le Nazioni Unite sono riuscite a scoprire la verità.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
asia centrale grande gioco kazakistan nursultan nazarbayev qasym tokaev russia
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
Commento
1 sett
Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto
Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei
© Regiopress, All rights reserved