laRegione
una-bomba-a-orologeria-chiamata-kazakistan
Keystone
Le forze speciali schierate ad Almaty durante le proteste
 
11.01.22 - 05:300
Aggiornamento : 18:11

Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan

L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale

È finita in Kazakistan la stabilità durata un trentennio. La notizia è pessima per l’Asia centrale e per l’architettura geopolitica internazionale. Incomincia nella regione il “Grande Gioco” del XXI secolo, i cui esiti potrebbero influire sui destini mondiali. Russia, Cina e Stati Uniti sono i giocatori.

Esteso più o meno come l’Europa, il Kazakistan come Stato fu fondato dai comunisti sovietici negli anni Trenta del ’900 e ingloba la Siberia meridionale di epoca zarista. Ricco di materie prime, il Paese – con solo 19 milioni di abitanti (il 58% della popolazione è autoctono, il 20% russo) – detiene il 3% delle riserve globali di petrolio. Qui è situato il centro spaziale di Baikonur, utilizzato dalla Russia, e ha sede il sito nucleare di Semipalatinsk, dove i sovietici fecero esplodere numerose bombe atomiche.

Per i russi il Kazakistan in Asia e l’Ucraina in Europa rappresentano due Paesi strategici e “cortile di casa”. Permettere l’intromissione di altre Potenze significa per Mosca dire addio ai sogni di gloria. Se Pechino arrivasse a controllare questo “Eldorado” energetico la Cina si trasformerebbe immancabilmente nella superpotenza da battere nel XXI secolo. Con 600 società attive in loco gli Stati Uniti hanno, invece, investito ben 54 miliardi di dollari dal crollo dell’Urss.


Un manifestante in piazza con una piccola bandiera del Kazakistan (Keystone)

Il garante dell’indipendenza del Kazakistan e “leader della nazione”, l’81enne Nursultan Nazarbaev, sembra ora uscito di scena e da giorni non compare in pubblico. Nel 2019, per evitare interferenze esterne, passò a sorpresa in poche ore il potere all’attuale presidente Tokaev, creandogli comunque attorno un sistema di controllo. Ma tra il maggio 2020 e le ultime ore questo sistema “paracadute” è saltato. Il problema è che – dopo il primo gennaio 2022, quando il governo poi licenziato ha più che raddoppiato il prezzo del gas gpl – si è scoperchiato quel vaso di Pandora che è il Kazakistan, dove enormi sono gli interessi contrapposti e le lotte intestine.

Quello che si è osservato nella repubblica ex sovietica dopo il 2 gennaio è il classico “bunt”, ossia una rivolta all’inizio pacifica che, all’improvviso, diventa violenta e distrugge tutto come un tornado. In decine di città migliaia di persone sono uscite in strada a protestare per la situazione economica, contro le ineguaglianze e le ingiustizie. Circa 200 magnati controllano le maggiori risorse del Paese asiatico, gli altri abitanti fanno la fame o quasi.

Si poteva evitare questa tragedia? Forse, no. La mancanza di dialettica politica è un tratto caratteristico dell’Asia centrale: chi la pensa diversamente rispetto alle inamovibili dirigenze da sempre è etichettato come “estremista”. Fino a quando c’è stato al potere Nazarbaev – un politico considerato illuminato – tale situazione era limitata. In futuro non si sa, ma il Kazakistan rischia di seguire la deriva di altri Paesi autoritari vicini.


L’ex presidente Nazarbaev con il nuovo Tokayev (Keystone)

Mentre la gente protestava dietro alle quinte vi è stata una resa dei conti: tentato golpe di strutture dello Stato contro Tokaev o solo occasione colta dal potere per eliminare gli oppositori? Lo si saprà presto. Vi è comunque stato in piazza un bagno di sangue. Speriamo solo che non finisca come nel 2005 per il massacro di Andigian in Uzbekistan. Manco le Nazioni Unite sono riuscite a scoprire la verità.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
9 ore
Covid-19, lettera a una cugina No Vax
Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
19 ore
Il gennaio maledetto dei maschi alfa
Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 gior
Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport
In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
3 gior
Una Regione lunga 30 anni
Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
3 gior
Per causa di forza maggiore
Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
4 gior
È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!
La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
5 gior
I Blues Brothers e il capitalismo accidentale
I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
6 gior
L’onore perduto di Darius Rochebin
È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett
Il Covid, un incubo ricorrente
Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett
Parmalat, succo di un crac
La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile