laRegione
il-covid-un-incubo-ricorrente
Keystone
 
10.01.22 - 05:300
Aggiornamento : 11.01.22 - 16:08

Il Covid, un incubo ricorrente

Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina

Noi esseri umani siamo probabilmente la specie vivente che meglio si adatta ai cambiamenti sociali e ambientali anche improvvisi. Abbiamo la capacità di trasformare una situazione apparentemente unica ed eccezionale in una condizione normale. Gli ultimi due anni sono lì a provarlo, tanto che il 2019, l’ultimo pre-pandemia, ci suona quasi come mitico e lontanissimo nel tempo. Come comunità tutta, tranne una parte che pur essendo rumorosa resta pur sempre minoritaria, abbiamo accettato le regole sociali e igieniche per prevenire la diffusione di un virus. Pensiamo all’utilizzo delle mascherine o al fatto di dover mostrare il nostro telefonino (varianti del virus permettendo) quale strumento di via libera sanitaria per continuare ad avere una vita sociale più o meno normale o ai saluti piuttosto imbarazzati quando incontriamo qualcuno che non vediamo da tempo. Pugnetti, gomiti che si sfiorano, mani ritratte e timidi sorrisi fanno parte della nostra quotidianità.

Meno di due anni fa siamo rimasti disorientati di fronte al primissimo lockdown. Di punto in bianco le attività economiche e sociali sono state ridotte ai minimi termini, tanto da far temere un tracollo economico quasi da periodo bellico. Per noi, in Ticino e in Svizzera, erano situazioni inimmaginabili. Eppure si sono trovati modi alternativi per mantenere attivi i cicli di produzione e di consumo anche in quei frangenti. Anzi, proprio in quel momento si sono poste le basi per un balzo tecnologico già da tempo in fieri, ma ora certamente irreversibile. Telelavoro e didattica a distanza, teorizzati da anni, hanno conosciuto nella loro diffusione un salto in avanti di almeno un decennio. Per non parlare del commercio elettronico, che è letteralmente esploso per la gioia di spedizionieri e piattaforme web.

L’anno appena concluso era però iniziato con la speranza di buttarci alle spalle l’incubo Covid. I vaccini erano considerati la via d’uscita veloce per un ritorno sia alla normalità sociale, sia a quella economica. Di fatto la ripresa del Pil in tutto il mondo occidentale è stata più rapida del previsto ed è andata di pari passo con l’aumento del tasso di vaccinazione. E questo fino alla comparsa della variante Delta del virus Sars-CoV-2, a cui si è aggiunta la Delta plus britannica, poi soppiantate negli ultimi mesi dalla Omicron sudafricana. Oltre a premere sui sistemi sanitari, le mutazioni del virus incidono sul morale delle persone, gettano un’incognita sul futuro e rischiano di far crescere la sfiducia nelle autorità sanitarie e politiche. Mal si accettano le misure restrittive, certo più blande dei confinamenti sperimentati solo un anno fa, nei confronti di tutti e l’invito insistente a sottoporsi al booster o terza dose che dir si voglia quando all’appello con la prima iniezione manca quasi un terzo della popolazione. Sarebbe forse più chiaro e comprensibile decretare l’obbligo vaccinale, almeno per determinate categorie sociali e professionali, che appellarsi continuamente alla abusata responsabilità individuale. La legge federale sulle epidemie teoricamente lo permette sia a livello nazionale, sia cantonale. Alcuni servizi essenziali come sicurezza, sanità, trasporti pubblici e scuola dovrebbero essere garantiti senza se e senza ma. Sembra però difficile, da un punto di vista politico, obbligare una parte minima della popolazione a porgere il braccio al vaccinatore di turno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Covid-19, lettera a una cugina No Vax
Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
18 ore
Il gennaio maledetto dei maschi alfa
Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 gior
Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport
In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
3 gior
Una Regione lunga 30 anni
Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
3 gior
Per causa di forza maggiore
Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
4 gior
È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!
La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
5 gior
I Blues Brothers e il capitalismo accidentale
I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
6 gior
L’onore perduto di Darius Rochebin
È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett
Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan
L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett
Parmalat, succo di un crac
La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile