laRegione
parmalat-succo-di-un-crac
Calisto Tanzi (Keystone)
laR
 
08.01.22 - 05:30
di Franco Zantonelli

Parmalat, succo di un crac

La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi

Una pioggia di confezioni di succhi di frutta Santal. Così, in una calda giornata della primavera 2004, noi giornalisti venimmo accolti dal commissario straordinario Enrico Bondi, l’uomo che in pochi mesi riuscì a salvare dal fallimento la Parmalat di Calisto Tanzi. Nessuna dichiarazione alla stampa, alla ricerca di rassicurazioni per le migliaia di risparmiatori derubati da Tanzi e dai suoi accoliti, ma quelle bibite cartonate, che a ripensarci richiamano alla memoria le brioches di Maria Antonietta. Probabilmente, allora, quei succhi di frutta Santal erano un fondo di magazzino che rappresentava, meglio di qualunque report finanziario, il reale dramma di Parmalat.

Esploso, con una bancarotta fraudolenta da 14 miliardi di euro, praticamente un record europeo, a fine 2003, quando si scoprì, grazie a un fax della Bank of America, che il colosso agro-alimentare parmense non aveva più un soldo. Anzi, “in un inedito mix tra Totò Truffa e Wall Street”, come ha scritto Francesco Manacorda su Repubblica, i documenti che avrebbero dovuto dimostrare la liquidità di 4 miliardi di dollari di una consociata caraibica di Parmalat, venivano fabbricati artigianalmente dal direttore finanziario, Fausto Tonna, con forbici, carta intestata di Bank of America e fotocopiatrice. L’83 enne Calisto Tanzi, che stava seduto in cima a quel grottesco cumulo di bugie, è morto di tumore qualche giorno fa, dopo aver scontato solo in minima parte, a causa di una grave malattia, gli oltre 20 anni di carcere a cui era stato condannato per il crac Parmalat. Buona parte della condanna l’aveva trascorsa agli arresti domiciliari, nella villa di Collecchio, costruita negli anni in cui era entrato a far parte stabilmente, grazie anche all’amicizia con Ciriaco De Mita, della “Razza padrona” italiana. L’Italia, si sa, è il Paese di Cesare Beccaria e, quindi, a Tanzi, non venne riservato il trattamento che, negli Stati Uniti, toccò a Bernard Madoff, il finanziere dello “Schema Ponzi” da 65 miliardi di dollari, morto lui pure di tumore ma nel centro medico di un carcere federale, nonostante avesse chiesto di trascorrere gli ultimi giorni con i propri famigliari.

Tornando a Tanzi la sua parabola, iniziata con l’intuito geniale di creare una sorta di cartello del latte nella pianura padana, poi diventato una multinazionale con addentellati in Sudamerica, culminò con la presidenza del Parma calcio, vincitore di trofei in Italia e in Europa, oltre che in Formula Uno, con Niki Lauda perennemente immortalato con un berrettino recante le insegne del gruppo parmense. Politicamente, a parte le frequentazioni democristiane, fu uno sponsor di Berlusconi. “L’ho pagato, credo ci sia una fattura pagata da Parmalat. Venne da me un signore a chiedere soldi per la campagna di Forza Italia”, disse durante una delle udienze del processo a suo carico. “Più pubblicità alle sue reti che alla Rai”, si vantò. Ecco, oggi, mentre Calisto Tanzi è trapassato, Berlusconi è sempre sulla cresca dell’onda e punta addirittura a fare il Presidente della Repubblica. E c’è da chiedersi se sia peggio il “Totò Truffa” di Fausto Tonna o le decine di deputati di Forza Italia capaci di spergiurare in Parlamento che Ruby Rubacuori era la nipote di Hosni Moubarak.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
calisto tanzi enrico bondi parmalat
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
4 ore
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
1 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
© Regiopress, All rights reserved