laRegione
l-orgoglio-della-cavia
ti-press
 
07.01.22 - 05:300

L’orgoglio della cavia

Le varianti del virus e quelle del cretino

a cura de laRegione

A cinque giorni dalla conferma della positività, si suppone tu possa serenamente rinunciare alla rituale chiamata del “contact tracing”. Senza stupore né scandalo. Superati i 1000 casi al giorno, le maglie della rete del contagio si fanno troppo fitte e ogni tentativo di tracciamento si risolverà in giramento di testa, e non solo di testa. Del resto, il Consiglio federale tornerà a riunirsi il 12 gennaio: perché i nostri telefonisti dovrebbero lavorare, inutilmente, ogni giorno oltre le 17?

D’altronde, già in estate, di fronte alla misera percentuale di vaccinati in Svizzera, ti prefiguravi un Natale tendenzialmente divisivo: responsabili contro indecisi, altruisti contro egocentrici, scienziati e stregoni, colpevoli e innocenti… A conti fatti, è andata peggio. Preso atto di quest’altro fallimento (politico), mentre ti godi negli anfratti bronchiali i tafferugli tra gli Omicron e gli anticorpi di recente produzione, accedi all’ottimismo di chi ha ritrovato i piaceri della statistica. Sfuggi la domanda se davvero, due anni dopo, possiamo riscoprirci migliori, ma ti consoli pensando a quella maggioranza silenziosa che ha saputo agire, tutto sommato, con dignità: dimostrando un minimo di responsabilità, di coraggio, di altruismo, di senso della comunità. Diciamo di intelligenza. Almeno quella necessaria a constatare la propria ignoranza e a riconoscere, sia pure nell’incertezza, una voce autorevole. Esercizio virtuoso in un’epoca in cui la massa, come in passato, resta bovina; eppure, meno incline all’arte dell’ascolto, sempre più spesso si convince, a torto, di aver capito qualcosa di rilevante. E lo urla al mondo.

Guy Parmelin ha parlato di “debolezze del federalismo”. Da parte di un Udc, è già una notizia. Certo, lui si è limitato a evocare gli ingranaggi farraginosi di una macchina statale che si muove su più livelli. Ma a te, dal 1985, giunge la voce di Fruttero e Lucentini, la loro “prevalenza del cretino”, umano resistente e pervicace per ragioni numeriche, nel quale si è ormai inculcata la convinzione che la sua opinione, in qualsiasi frangente, conti qualcosa. Una “prevalenza” tanto più tangibile nel 21esimo secolo dei social, delle cure a priori alternative, del misticismo fai-da-te. Ancor più in una democrazia semi-diretta che a tratti appare un po’ complessata, se non pilatesca: pronta a legittimare ogni parere, fosse pure chiaramente stolto; impermeabile ai ritmi decisionali imposti dalle mutazioni di un virus; restia a imporre, se non a decidere alcunché, a costo di intasare “contact tracing” e ospedali, di “fermare la società” (Merlani) e mandare di nuovo in crisi la macchina produttiva del Paese.

Tornado alla statistica, ti dici che la nostra società, malgrado gli innumerevoli tragici inciampi, è andata incontro a un’evoluzione grazie alle minoranze, di potere e/o di genio. Pensiero di conforto, se non fosse per l’evidenza che, di questi tempi, altre minoranze, più nutrite e meno illuminate, possono condizionare il corso degli eventi. Nella latitanza della democrazia, un frullato di inculture in cui proliferano varianti di virus e di cretino. Alla maggioranza responsabile, sempre più frustrata, al più resta l’orgoglio della cavia; sottopostasi docilmente o impavidamente alla sperimentazione non di “Big Pharma”, ma delle varie sfumature di grigio degli “indecisi” ancora forniti di razionalità; timorosi, opportunisti o ipocriti che siano.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Covid-19, lettera a una cugina No Vax
Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
18 ore
Il gennaio maledetto dei maschi alfa
Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 gior
Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport
In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
3 gior
Una Regione lunga 30 anni
Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
3 gior
Per causa di forza maggiore
Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
4 gior
È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!
La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
5 gior
I Blues Brothers e il capitalismo accidentale
I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
6 gior
L’onore perduto di Darius Rochebin
È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr
Commento
1 sett
Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan
L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett
Il Covid, un incubo ricorrente
Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile