laRegione
e-tutt-altro-che-simbolico-il-decreto-taglia-spese
Ti-Press
laR
 
04.01.22 - 05:30
Aggiornamento: 14:44

È tutt’altro che simbolico il decreto taglia spese

La posta in gioco nel voto popolare dopo la riuscita del referendum è alta. Mettere a rischio servizi e prestazioni per i più fragili è insostenibile

I numeri parlano già chiaro: oltre 10mila firme raccolte, di cui 8’326 vidimate (dati del 21 dicembre). Pur mancando ancora il timbro ufficiale, il referendum lanciato dal sindacato Vpod è riuscito. Presto saranno quindi i cittadini e le cittadine ticinesi a pronunciarsi sul decreto, partorito in Gran Consiglio dai democentristi con l’appoggio di una maggioranza contenuta, che si prefigge il pareggio dei conti cantonali entro il 2025 agendo sulla spesa, pardon, prioritariamente sulla spesa. Come se l’avverbio introdotto dall’emendamento dei liberali radicali possa cambiare la sostanza del concetto. Affermare, come si ostinano a fare alcuni (sempre meno per la verità), che quel decreto legislativo abbia una valenza meramente simbolica è una castroneria. Non si redigono e promulgano atti normativi sapendo che non verranno attuati. Vorrebbe dire che i deputati sprecano tempo e soldi pubblici (le diarie) nel confezionare leggi inutili. In realtà il decreto fornisce un chiaro indirizzo politico.

La posta in gioco è allora tutt’altro che simbolica. Perché le sfide, derivanti anche dalla pandemia, che attendono il Ticino sono piuttosto impegnative e per essere affrontate con efficacia richiederanno necessariamente spese pure importanti per il Cantone. Il decreto in questione sembra fare astrazione da tutto ciò. Nel rapporto (di minoranza) dei socialisti sul Preventivo 2022 del Cantone si citano a mo’ d’esempio due settori che in prospettiva avranno bisogno di un’iniezione di denaro pubblico non indifferente come indicato dal Consiglio di Stato in altrettanti recenti messaggi: quello degli anziani (pianificazione integrata e cure a domicilio 2021-2030) e quello delle autorità di protezione (per intenderci tutele e curatele, con il passaggio al modello giudiziario). Siamo pronti a giocare al risparmio in due ambiti particolarmente delicati della società, che sta oltretutto sempre più invecchiando? Aggiungiamo un terzo settore: la psichiatria, con la ventilata realizzazione dell’Unità di cura integrata per minorenni, struttura per la presa a carico, stazionaria e ambulatoriale, di giovani con seri problemi psichici. Anche qui vogliamo contenere la spesa dogmaticamente? Sarà interessante leggere cosa scriverà nel rapporto (di maggioranza) il granconsigliere e presidente del Ppd Fiorenzo Dadò, visto che psichiatria e anziani sono dossier del Dipartimento sanità e socialità guidato da Raffaele De Rosa, esponente del suo partito…

È tutto tranne che simbolico il referendum sul quale si esprimerà prossimamente il popolo. Perché dal posizionamento dei partiti prima, dal responso delle urne poi, si traccerà quello che sarà il sentiero attraverso il quale si proverà a uscire dalle nebbie causate dalla pandemia e dalle sue conseguenze. Da sinistra a destra la politica dovrà spiegare quale visione di società ha, quale deve essere il ruolo dello Stato, come intende agire davanti alle necessità delle persone che sono aumentate, sia a livello di quantità sia a livello di urgenza. Non è poco.

Dopo tanta dialettica questo è il momento delle scelte. Il Covid non sta lasciando il segno solo dal punto di vista sanitario, ma pure sul piano sociale, economico, morale, psicologico. Affermare, davanti a una situazione che ancora oggi non induce a essere ottimisti, che il modo migliore per risanare le finanze sia mettere a rischio prestazioni e servizi diretti a chi ha più bisogno risulta difficile. Se non insostenibile.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
pareggio di bilancio referendum
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
2 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
3 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
4 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
5 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
Commento
1 sett
Chi parla in corsivo, chi offende in grassetto
Elisa Esposito, la ‘professoressa di cörsivœ’, è il personaggio rivelazione dell’estate. I leoni da tastiera la massacrano, ma ha già vinto lei
© Regiopress, All rights reserved