laRegione
l-afghanistan-e-il-dilemma-delle-sanzioni
Keystone
Una situazione che sta diventando sempre più drammatica
laR
 
03.01.22 - 05:30

L’Afghanistan e il dilemma delle sanzioni

Il regime di Kabul ha mostrato da tempo il suo vero volto. L’embargo internazionale rischia però di colpire solo la popolazione inerme

di Roberto Antonini, giornalista Rsi
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Un nodo gordiano, in cui entrano in gioco questioni etiche, diplomatiche, i diritti umani e il diritto alla vita tout court. È lì in bella vista davanti ai nostri occhi: come trattare il regime di Kabul? Se ancora sussistesse il seppur minimo dubbio sulla sua natura, ci hanno pensato gli stessi seminaristi coranici a fugarlo mettendo in piedi un governo monocolore pashtun (l’etnia a cui appartengono e che identificano come una sorta di ‘razza superiore’) con tanto di ‘wanted’ per terrorismo, facendo scomparire centinaia di oppositori e decretando di nuovo che la condizione delle donne deve situarsi in una zona limitrofa tra la tradizione più retrograda e la schiavitù.

Parassitaria e totalmente dipendente dagli aiuti internazionali, l’economia afghana è collassata in pochi giorni. L’embargo internazionale è solo scalfito da qualche apertura (fondi della Banca mondiale per il Programma alimentare mondiale, risoluzione Onu per sbloccare gli aiuti d’urgenza). Come evitare un dramma su vasta scala (la denutrizione potrebbe colpire oltre la metà della popolazione) senza al tempo stesso sostenere i talebani? La questione delle sanzioni non ha storicamente mai trovato risposte univoche. Il ‘bloqueo’ con il quale gli americani hanno cercato di strangolare Cuba sin dalle espropriazioni delle aziende straniere decise da Che Guevara nel 1960, malgrado alcune concessioni sul fronte dei medicinali e dei prodotti alimentari, si è rilevato uno strumento perverso che ha colpito ben più la popolazione che il regime. All’opposto troviamo l’esempio sudafricano: l’embargo deciso negli anni 80 dall’Onu (ripetutamente violato nel campo delle armi, del nucleare, dell’oro dalle lobby elvetiche in costante luna di miele con i leader bianchi boeri) era stato chiesto dall’African National Congress di Mandela e ha consentito l’abbattimento del regime dell’Apartheid, isolato su scala mondiale, in particolare dopo il voto del Congresso statunitense.

Se oggi i nordcoreani non sorridono non è unicamente a causa del recente divieto di ridere o sogghignare per undici giorni imposto da Kim Jong-un: le sanzioni che mirano a contrastare il massiccio riarmo del Paese, colpiscono indirettamente e pesantemente tutta la popolazione. Alla vexata quaestio sull’Afghanistan un editorialista del New York Times risponde senza andarci per le lunghe: i talebani vanno trattati come dei paria. Nessun aiuto o riconoscimento finché non rispetteranno i diritti umani. I diritti umani però li disprezzano, si sono già rimangiati tutte le promesse (governo inclusivo, parità dei diritti uomo-donna). E dunque? In alcune località la situazione è estrema, villaggi interi che fanno la fame mentre si moltiplicano notizie di bimbe vendute da famiglie sprofondate nella povertà (tradizionalmente la dote è portata dalla famiglia dello sposo, le future spose costituiscono di riflesso un capitale ragguardevole). Possiamo invocare il rispetto dei diritti umani col rischio di contribuire a un’ulteriore tragedia? No, risponde un editoriale del quotidiano Le Monde: quello dei talebani è un ignobile regime, ma non vi è scelta. Il dubbio però rimane perché un cataclisma economico farebbe vacillare il governo. Eppure vi è almeno una certezza: mai come ora gli aiuti d’urgenza attraverso le Ong appaiono vitali. Vanno riavviati senza esitazione alcuna. Al più presto.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
afghanistan embargo
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved