laRegione
il-paese-che-non-guardiamo-e-quello-che-non-vogliamo-guardare
Depositphotos
‘Il giornalismo dice cose che qualcuno non vuole che tu dica: tutto il resto sono pubbliche relazioni’.
laR
 
31.12.21 - 05:30
Aggiornamento : 09:23

Il Paese che non guardiamo (e quello che non vogliamo guardare)

Brindiamo per un 2022 pieno di salute e ricco d’informazione di qualità. Un’informazione che ci renderà liberi, per davvero

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Una pandemia che non demorde nonostante l’avvio della campagna vaccinale, e un governo cantonale che spinge tale campagna ma ha all’interno due consiglieri di Stato restii a farsi vaccinare (uno dei due poi il vaccino l’ha fatto, l’altro è rimasto silente). Un Municipio che demolisce un centro sociale in una notte di primavera, e un’intera città che qualche mese dopo si ritrova a piangere l’inattesa dipartita del suo sindaco. Una legge sul salario minimo entrata in vigore qualche settimana fa per “contrastare la povertà in Ticino” (Tribunale federale dixit), e un gruppo di aziende del Mendrisiotto che – con l’aiuto di un sindacato fasullo e una pseudo organizzazione padronale – mette in piedi in zona Cesarini un Contratto collettivo di lavoro per aggirarne le disposizioni.

A voler riassumere il 2021 in tre o quattro notizie, l’anno che ci stiamo per lasciare alle spalle sarebbe più o meno questo. C’è da dire che nonostante gli sforzi da parte di chi cerca di raccontare, dal lunedì alla domenica, un cantone in cui “va tutto bene”, la radiografia del Ticino che otteniamo da questo sguardo retrospettivo non è così allettante. Per carità, restiamo dei privilegiati se ci si confronta con buona parte del mondo. Ma non possiamo illuderci che qui, in ogni angolo di casa nostra, tutte le cose siano al loro posto.

Che poi, di angoli “nascosti”, il Ticino sembra davvero averne tanti. Ciò mi fa venire in mente una trasmissione della tv pubblica della mia infanzia: “Il Paese che non guardiamo”, una serie di micro documentari che raccontavano luoghi e personaggi singolari, un po’ remoti, un po’ dimenticati dal grande schermo. È anche questa, infatti, una delle mansioni principali di una testata regionale: andare alla scoperta – giornalisticamente parlando – del territorio e dei suoi protagonisti, dare loro una voce, uno spazio.

Forse però, per un caso come quello ticinese, sarebbe più opportuno parlare del “Paese che non guardiamo” e di quello che “non vogliamo guardare”. E qui s’inserisce, a mio avviso, un altro compito importante per un mezzo d’informazione come laRegione: un giornale che nel panorama mediatico ticinese cerca di conservare uno sguardo critico sulla realtà, che prova a raccontare le cose come stanno. Una redazione che indaga, che approfondisce, che descrive, che spiega e che esprime la propria opinione quando ritiene che ciò vada fatto.

“Giornalismo è diffondere ciò che qualcuno non vuole si sappia; il resto è propaganda”, dicono abbia detto Horacio Verbitsky, giornalista argentino di lungo corso. In verità prima di lui c’era stato un certo George Orwell ad affermare che “il giornalismo dice cose che qualcuno non vuole che tu dica: tutto il resto sono pubbliche relazioni”. Queste massime del mestiere proviamo a farle nostre ogni giorno, nella speranza che lo sforzo profuso per rendere il nostro lavoro degno del suo nome sia riconosciuto e apprezzato dai lettori. Speriamo inoltre che questo valga anche per chi non la pensa come noi su certi temi, ma gradisce il confronto aperto e democratico. E che tutti quanti sappiano perdonare gli errori che inevitabilmente ci capita di commettere.

In fondo il nostro auspicio per il nuovo anno è stato ben formulato dietro alla prima pagina natalizia dei ‘Beatles’ di via Ghiringhelli: auguriamo a tutti un 2022 pieno di salute e ricco d’informazione di qualità. Un’informazione che ci renderà liberi, per davvero.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
2021 2022 george orwell horacio verbitsky
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved