laRegione
l-onore-perduto-di-darius-rochebin
Keystone
Darius Rochebin
 
12.01.22 - 05:300
Aggiornamento : 07:55

L’onore perduto di Darius Rochebin

È toccato a Macron il compito di ‘riabilitare’ II giornalista svizzero, detonatore di un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing alla Ssr

Emmanuel Macron restituisce l’onore perduto a Darius Rochebin. Qualche settimana fa, infatti, è stato il telegiornalista svizzero a condurre su Tf1, insieme a una collega, l’incontro di un’ora e mezza, pre-registrato e inframezzato da filmati, con il presidente francese che ha stilato un bilancio del proprio mandato a pochi mesi dalla corsa all’Eliseo. Stiamo parlando dello stesso Rochebin, per lunghi anni conduttore del Tg delle 19.30 alla tv romanda, il quale il 31 ottobre del 2020 fece da detonatore a un’inchiesta su molestie sessuali e mobbing, con cui il quotidiano Le Temps fece tremare la radiotelevisione svizzero-francese e il direttore generale della Ssr Gilles Marchand, innescando un effetto domino che, passando per Zurigo, arrivò fino a Comano. “La Rts, Darius Rochebin et la loi du silence”, il titolo dell’articolo.

Scriveva Le Temps a proposito dei comportamenti inappropriati del 55enne Darius Rochebin: “Mains glissées sous les chemises de collègues masculins, allusions salaces récurrentes ou encore proximité avec de jeunes hommes sont régulièrement évoquées”. E poi ancora il quotidiano raccolse la testimonianza di una giornalista che accusava colui che per anni era stata una vera e propria star dell’informazione televisiva alla Tsr di aver tentato più volte di baciarla e di averla importunata con degli Sms. Rochebin, nel frattempo passato al canale francese Lci, venne immediatamente sospeso dalla tv dopo l’uscita di quell’articolo.

Volendo leggere retrospettivamente lo scandalo, sbattuto in prima pagina da Le Temps, si può anche ritenere che vennero usati i vizi privati di una figura popolare per alzare il velo su un sistema di soprusi, tollerato per anni dai vertici radiotelevisivi romandi. Fatto sta che due dirigenti sono stati pesantemente sanzionati, mentre Darius Rochebin se l’è cavata senza ulteriori danni, visto che nessuno dei suoi comportamenti è stato ritenuto di rilevanza penale.

Riammesso in televisione da Lci ha dapprima denunciato Le Temps per diffamazione, per poi fare marcia indietro dopo aver raggiunto un accordo con conseguente indennizzo con l’editore Ringier, che all’epoca dell’uscita dell’inchiesta era proprietario della testata. Dal canto suo Le Temps non ha fatto retromarcia e, anzi, ha rincarato, affermando che il contenuto dell’articolo, che ha innescato la denuncia di Rochebin, non cambia di una virgola.

Insomma, è toccato a Macron, con cui il telegiornalista svizzero grazie a precedenti interviste ha stabilito un buon feeling, cercare di contribuire, non sappiamo quanto consapevolmente, alla sua definitiva riabilitazione. Dubitiamo, tuttavia, che lo staff presidenziale abbia coscientemente consentito che a incontrarlo in prima serata, sul principale canale televisivo francese, sia un molestatore seriale. Anche se un internauta, sul sito di Le Matin, ha scritto perfidamente dell’intervista di “un predatore alla vittima di una predatrice”.

In ogni caso, comunque vada in aprile, Rochebin potrà sempre dire che lui era vis-à-vis di Macron, estremamente a suo agio, il 15 dicembre 2021, nel giardino d’inverno dell’Eliseo, mentre il presidente rispondeva alle domande sui momenti topici del suo mandato.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
9 ore
Covid-19, lettera a una cugina No Vax
Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
19 ore
Il gennaio maledetto dei maschi alfa
Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
Commento
1 gior
Tutt’altro che tennis: Djokovic e il sottosuolo dello sport
In fondo ciò che si prova di fronte alla sentenza della Corte australiana è una sensazione di giustizia, di giustizia e di sorpresa a dire il vero
Commento
3 gior
Una Regione lunga 30 anni
Nel 1992 una nuova sinergia ha dato vita al nostro quotidiano, oggi celebriamo l’anniversario per rinnovare il nostro amore per la divulgazione
Il commento
3 gior
Per causa di forza maggiore
Annullato il visto di Novak Djokovic. Con un verdetto politico che riduce le chance di spuntarla in appello, domani alla Corte federale
il commento
4 gior
È morto Sassoli. Abbasso Sassoli! Viva Sassoli! Viva me!
La reazione alla morte del presidente dell’Europarlamento mette in evidenza la schizofrenia social, tra (auto)santificazioni e orrendi complottismi
Commento
5 gior
I Blues Brothers e il capitalismo accidentale
I licenziamenti presso Dpd dimostrano ancora una volta l’avanzata di un sistema irresponsabile, fomentato dalle voci bianche della deregulation
Commento
1 sett
Una bomba a orologeria chiamata Kazakistan
L’ex repubblica sovietica è uno snodo cruciale a livello economico-energetico e ora anche un termometro della situazione sociale in Asia Centrale
Commento
1 sett
Il Covid, un incubo ricorrente
Già l’anno scorso speravamo di buttarci alle spalle la pandemia. Invece siamo ancora alle prese con varianti e restrizioni, eppure un terzo non si vaccina
Commento
1 sett
Parmalat, succo di un crac
La scomparsa di Calisto Tanzi e quella volta che ci accolse il commissario straordinario Enrico Bondi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile