laRegione
i-regali-piu-belli-sono-quelli-che-sanno-emozionarti
Keystone
24.12.21 - 09:39

I regali più belli sono quelli che sanno emozionarti

Il Natale è diventato una festa per lo più consumistica, ma se vogliamo valorizzare i legami, facciamo sentire l’altro speciale, unico e importante  

Un altro Natale fra restrizioni, viaggi rimandati e una quiete imposta più che ricercata. Le città brillano di decorazioni, una su tutte l’albero di Natale, tanti balconi sono abbelliti da luci, quasi si volesse che tutto fosse come prima. È una normalità artificiale, basta leggere il bollettino Covid dei nuovi malati, ogni giorno da record, o ricordarsi che pranzi e cenoni sono ormai solo per pochi intimi, per dirsi che purtroppo no: il Covid ci rovina ancora le feste e per il 2022 non varrà il motto ‘Anno nuovo vita nuova’, perché Omicron ci accompagnerà ancora per mesi. La sfida è non lasciarsi attapirare, travolgere da una pandemia che sembra non finire mai, apprezzando ciò che funziona – che non è poco in Svizzera – tenendo la mente salda su piccoli gesti quotidiani che ci nutrono. Cambiare punto di vista, aprirsi a nuove salutari prospettive può aiutare a relativizzare i propri drammi. Abbiamo fatto dunque un viaggio virtuale ai quattro angoli del mondo, dall’innevata Montréal alle paradisiache isole Fiji, per visitare sei ticinesi, che vivono altrove. Alicia dal suo ‘quartieraccio’ a Santiago di Cali in Colombia spiega che festeggiare il Natale in una ‘baraccopoli’, significa celebrare la vita. Un atto di resilienza per non soccombere alla quotidiana disperazione. Stefano da Melbourne descrive l’incubo di un confinamento draconiano durato due anni in Australia. Nessuno o quasi poteva lasciare l’isola. Spiaggia, cricket e barbecue sono gli ingredienti del suo Natale. Sulle montagne andine della Bolivia, troviamo Marilena, le sue lunghe giornate le spende coi ragazzi di strada, il suo obiettivo è strapparli da una vita di miseria. Anche qui il Natale è gioia in una vita di ombre, tra una ritualità intima rivolta alla ‘Pachamama’ e una bibbia sul comodino. Diana ci porta in Kenya tra colori sgargianti, traffico caotico e cenoni speziati; Francesco ci saluta da una Montréal avvolta nella neve, dove nei quartieri si fa a gara per addobbare le case. Infine, Alessandro che vive nel paradiso dei coralli alle Fiji. Per lui, il vero dono è la visita di sua madre, che non abbraccia da tempo, perché le frontiere sono rimaste chiuse parecchio.

A Natale si festeggiano i legami, la vita e i suoi misteri, come la nascita di Cristo. Papa Francesco esorta i fedeli a ritrovare il senso cristiano delle festività, anziché lamentarci facciamo un gesto, anche piccolo, ma concreto nei confronti di chi ha più bisogno. Vale per credenti e non. Assaporare l’atto di donare senza aspettarsi nulla in cambio. Anche il pacchetto sotto l’albero dovrebbe essere qualcosa che unisce, comunica affetto e celebra il legame tra due esseri umani. I regali più belli, non sono necessariamente quelli più costosi, ma spesso quelli più umili, costati in termini di tempo. Quando li scarti avverti che è stato pensato per te, solo per te.

Il dono ha un valore universale. Puoi donare il tuo tempo facendo volontariato, puoi donare un sorriso, qualcosa che hai creato con le tue mani, un’esperienza o anche una lettera! Ne ho ricevuta una speciale da mia nipote, che celebrava la nostra amicizia, è uno dei regali che più mi ha commossa negli ultimi anni. Purtroppo il Natale è diventato una festa per lo più consumistica, ma se vogliamo valorizzare i legami, facciamo sentire l’altro speciale, unico.

Leggi anche:

Sei cartoline di Natale, dalle Ande ai confini del mondo

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
natale regali
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
2 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
2 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
3 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
4 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
4 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
5 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
6 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
© Regiopress, All rights reserved