laRegione
laR
 
23.12.21 - 05:30

Socialdarwinismo tra i banchi di scuola? No, grazie

Superamento dei livelli alle medie: un dibattito condito da rivendicazioni ideologiche che non tengono conto delle reali necessità del mondo scolastico

socialdarwinismo-tra-i-banchi-di-scuola-no-grazie
Ti-Press
I giovani ticinesi restano in attesa di una vera riforma

Ci risiamo: s’inizia parlando di scuola, si finisce in un dibattito partitico. Sarà che in fondo pure la scuola è politica? La risposta è sì. Sì, ma non solo.

La discussione intorno alla proposta di superamento dei livelli A e B in terza media, formulata dal Decs circa un mese fa, si è scaldata con gli interventi del presidente cantonale del Plr Alessandro Speziali e del granconsigliere dell’Udc Sergio Morisoli. Se da un lato, appunto, è normale che i partiti vogliano dire la loro su un argomento così delicato per tutta la cittadinanza, dall’altro risulta un po’ spiacevole che il dibattito in merito alla scuola venga condito da rivendicazioni di carattere prettamente ideologico (c’è ancora chi vede di buon occhio il socialdarwinismo di Spencer tra i banchi delle medie), che poco c’entrano con la necessità pedagogica di rivedere un impianto, quello dei livelli, che agli occhi degli esperti del mondo scolastico risulta ormai “obsoleto”.

Perché la premessa è questa: i livelli nella scuola media vanno superati. La domanda sta quindi nel come. Ed è qui che s’inserisce il progetto messo in consultazione dal Decs. Consultazione che si chiude proprio oggi e che ha raccolto varie prese di posizione dagli addetti ai lavori.

La principale obiezione sollevata da più parti, rispetto alla proposta, riguarda la limitazione del superamento dei livelli alla sola terza media. Come mai nella consultazione – non vincolante – lanciata dal Dipartimento diretto da Manuele Bertoli non è stata inclusa la quarta, e di conseguenza le condizioni di accesso alle scuole medie superiori? Ci sembra di capire che la motivazione di questa scelta, che a priori può sembrare contraddittoria, sia da ricondurre a una questione di pragmatismo: l’introduzione dei laboratori a classi dimezzate in terza, e il conseguente abbandono della differenziazione strutturale in corsi attitudinali e di base, è realizzabile attraverso una modifica del regolamento. Quindi, un passo che il Decs può compiere senza dover passare dal parlamento. O meglio, senza “quasi” dover passare dal parlamento. Già, perché al Gran Consiglio rimane la facoltà, attraverso un emendamento, di bocciare la voce di spesa inserita nel preventivo 2022 di 390’000 franchi che servirebbe a coprire il costo dello sdoppiamento delle classi in laboratori per il tedesco e la matematica. La destra si spingerà fin lì pur di bloccare il progetto? Sarebbe davvero un peccato.

In ogni caso risulta difficile pensare che a Bertoli e al suo staff sia sfuggita la quarta media dal ragionamento. Più plausibile ipotizzare che le ferite della bocciatura popolare del più ambizioso progetto ‘La scuola che verrà’ nel 2018 non siano ancora cicatrizzate, o non del tutto. E che ora il consigliere di Stato socialista, quasi a fine carriera in governo, si sia deciso a togliere la scuola dall’immobilismo, introducendo sì una riforma parziale, ma avviando un percorso di sperimentazione che permetta poi alla futura conduzione del Decs di completare la trasformazione di cui il Ticino ha urgentemente bisogno.

D’altronde è innegabile (lo dimostrano le dichiarazioni delle ultime settimane) che i tempi e i consensi, in parlamento, non siano ancora maturi per attuare una riforma più profonda del sistema scolastico ticinese. È anche chiaro che gli equilibri in Gran Consiglio potrebbero cambiare dopo le Cantonali del 2023.

Nel frattempo il mondo della scuola e soprattutto i giovani restano in attesa.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
16 ore
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
2 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
3 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
4 gior
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
5 gior
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
6 gior
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett
Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti
La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett
Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre
A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
© Regiopress, All rights reserved