laRegione
quattro-minuti-e-trentatre-secondi-di-caciara
(Keystone)
laR
 
29.12.21 - 05:15
Aggiornamento : 09:21

Quattro minuti e trentatré secondi (di caciara)

‘Non si può mai dire niente’ è il nuovo ‘non sono razzista, ma...’. Ci prova anche Ueli Maurer, strizzando l’occhio ai No Vax

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Ci sono cose che non si possono più dire ad alta voce in questo Paese, altrimenti si viene subito messi all’angolo”. Also sprach Ueli Maurer, consigliere federale tra i più influenti, alla Weltwoche, megafono di quell’Udc primo partito in Svizzera, sostenuto a sua volta da una potente rete finanziaria e industriale. Insomma, la prima persona che ti viene in mente quando pensi a un emarginato messo a tacere dai ‘poteri forti’.

La cosa fa ridere, ma non stupisce: “Non si può più dire niente” è il nuovo “non sono razzista, ma…”, una formuletta retorica per introdurre la consueta miscela di vittimismo, intemerate contro il politically correct e sciocchezze assortite. Ma quello di Maurer è anche ciò che gli inglesi chiamano ‘dog whistling’, un discorso modulato su frequenze fatte apposta per essere udite solo da certe orecchie, come succede con alcuni fischietti. Quando dallo stesso pulpito dichiara che “il pericolo più grande della crisi che viviamo è che la libertà di espressione è limitata”, neppure lui si aspetta che a prenderlo sul serio sia chi tiene occhi e timpani ben collegati al pensiero logico-razionale: dopotutto si sta esprimendo liberamente, lo fa da membro di un esecutivo cruciale nella gestione della crisi e parla a un Paese che ha appena potuto votare sulle misure d’emergenza. Il fischietto suona insomma per altri: quelli che “nel vaccino chissà cosa ci mettono”, chi si è convinto che la legge Covid sia una prova tecnica di dittatura, o più semplicemente chi non accetta che la propria libertà – anche quella di ammalarsi – finisca dove inizia quella altrui. Gli stessi personaggi dei quali il consigliere federale aveva catturato l’attenzione indossando quest’estate la maglietta dei Freiheitstrychler, buontemponi un po’ rintronati a forza di scampanare contro le norme di politica sanitaria.

Certo, colpisce che a denunciare le presunte intimidazioni contro il libero pensiero, a invocare “una cultura aperta alla discussione” sia un partito che usa da sempre le parole come manganelli e raffigura il diverso come un verme o una pecora nera, mentre prima del Covid Pass faceva della turgida imposizione di qualsiasi legge il ritornello per le sue marcette ideologiche. L’Udc si trova così in una posizione un po’ paradossale: a forza di applicare la solita strategia – schierarsi strumentalmente contro gli altri partiti pur di raccattare consensi – si è scaraventata in mezzo a un impresentabile fronte pseudolibertario e antiscientifico, indigesto anche a quella parte del suo elettorato che mette davanti a tutto la sicurezza e l’ordine. Perfino i più restii si sono dovuti allineare al diktat del grande capo Christoph Blocher, a costo di rovesciare di segno le loro stesse dichiarazioni. Nel frattempo rifanno capolino i misirizzi più spregiudicati, disposti a qualsiasi provocazione pur di ottenere consensi e visibilità: quelli che parlano di “siero magico”, denunciano fantasmagoriche censure e seminano dubbi sugli effetti del vaccino, spesso in preda all’ecolalia da social.

L’effetto complessivo è un po’ l’opposto dei ‘4 minuti, 33 secondi’ di John Cage, la composizione che chiede ai musicisti di eseguire il silenzio assoluto. Ora proprio il silenzio – “imposto” da chissà quale perverso complotto – è diventato lo spauracchio per ansare a perdifiato in tutti i tromboni. Fortuna che “non si può più dire niente”.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
no vax udc
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved