laRegione
molestie-rsi-i-casi-accertati-e-quelli-neanche-segnalati
Ti-Press
laR
 
10.12.21 - 05:30
Aggiornamento : 18:51

Molestie Rsi, i casi accertati e quelli neanche segnalati

Solo cinque violazioni della personalità: i risultati delle inchieste esterne sugli abusi sono confortanti. Ma il fenomeno non riguarda solo la Rsi

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Cinque casi accertati in un periodo di circa vent’anni, per un’azienda che ha oltre un migliaio di collaboratori: questo il risultato delle inchieste, affidate a esterni, su abusi e molestie alla Rsi.

Cinque casi di violazione della personalità, di gravità tra lieve e media, nessun caso di mobbing o molestie sessuali, il tutto partendo da una quarantina di segnalazioni. I numeri – fatta la premessa, scontata ma necessaria, che anche un solo caso è di troppo – sono confortanti, soprattutto tenuto conto che, anche considerando i casi segnalati per i quali non è stata riscontrata una violazione, non risulta esserci un problema generalizzato e sistemico, non ci sarebbe insomma una “cultura dell’abuso” ma solo casi isolati, con la parziale eccezione di uno specifico settore sul quale, ha assicurato il direttore Mario Timbal, si interverrà.

Tuttavia, in casi come questo, dobbiamo ricordarci che abbiamo a che fare con fotografie parziali della realtà. Anche delle indagini condotte scrupolosamente e con la massima collaborazione dell’azienda – come è certamente avvenuto in questo caso – si confrontano con limiti nell’accertamento dei fatti, pensiamo al classico “è la sua parola contro la mia”; la definizione di “violazione della personalità”, anche interpretata tenendo conto della sensibilità delle persone, rischia di essere troppo stringente per catturare tutte quelle situazioni che possono portare a malessere sul luogo di lavoro; per averne un’idea, basta dare un’occhiata al profilo Instagram SwissMediaToo dove vengono raccolte testimonianze di “ordinario sessismo” nelle redazioni della Svizzera romanda e italiana: battute e commenti goliardici che probabilmente non ledono la personalità di chi se li sente dire e ridire da colleghi e superiori nell’indifferenza generale, ma che indubbiamente non contribuiscono a un clima sereno di lavoro. Soprattutto, questi sono i casi che sono stati segnalati e portati avanti: quante situazioni più o meno gravi sono rimaste nell’ombra o, dopo una prima discussione, vi sono tornate? L’unico dato di cui disponiamo è che, della già citata quarantina di segnalazioni, tre riguardavano molestie sessuali ma le presunte vittime, come spesso capita in questi casi, hanno preferito non proseguire con un’indagine formale.

I numeri, come detto, sono confortanti: la Rsi non è un covo di molestatori e anzi si sta lavorando per migliorare la cosiddetta cultura aziendale. Semplicemente è, per riprendere lo slogan di qualche anno fa, “parte del nostro mondo” il che, al di là dei cinque casi accertati e dei provvedimenti che saranno presi alla Rsi, dovrebbe far riflettere tutti noi sulle tante forme, più o meno evidenti e più o meno gravi, di discriminazione e di esclusione che incontriamo e tolleriamo.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
mario timbal molestie molestie rsi rsi
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
13 ore
Corsia per i Tir nel Mendrisiotto, quando la misura è colma
Nel Distretto spiazzano l’agire dell’autorità federale e il silenzio del Cantone. E monta la voglia di un’azione di protesta
L’analisi
15 ore
Il pacifismo, i valori assoluti e il ‘dilemma del carrello’
Risolvere l’esperimento noto come ‘trolley problem’ mette in crisi certe pretese di superiorità morale
Commento
2 gior
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
3 gior
I bastian contrari
Commento
3 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
4 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
6 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
6 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 sett
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
1 sett
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
© Regiopress, All rights reserved