laRegione
il-presidente-cassis-al-capezzale-della-svizzera
Keystone
Con la moglie Paola e le autorità cantonali
09.12.21 - 05:30
Aggiornamento : 18:29

Il presidente Cassis al capezzale della Svizzera

Rappacificare un Paese diviso dalla pandemia: il Coronavirus può diventare la sfide della vita per il ticinese eletto oggi dall’Assemblea federale.

di Franco Zantonelli

Sembra quasi un segnale del destino che dopo 23 anni, dopo cioè l’ultima volta che toccò a un ticinese presiedere la Confederazione, l’incarico vada ancora a un responsabile del Dipartimento degli esteri. Oltretutto Ignazio Cassis, come Flavio Cotti nel ’98, si ritrova a dover rivestire quell’incarico uscendo un po’ stremato da una gestione della politica estera irta di non pochi ostacoli.

Per Cotti si trattò della questione degli averi ebraici, contraddistinta da un vero e proprio braccio di ferro con il World Jewish Congress, le cui rivendicazioni erano appoggiate dall’amministrazione Clinton. Per Cassis c’è la grana della rottura con l’Unione Europea, forse ancora di più difficile soluzione, visto che non è risolvibile con il pagamento di una gigantesca penale e l’ammissione di colpa, con cui vennero liquidate le accuse di complicità nella spoliazione degli ebrei perseguitati dai nazisti, durante la seconda guerra mondiale.

Va detto che, probabilmente, il conflitto con l’Ue, non ascrivibile unicamente a Cassis ma, piuttosto, all’eurofobia di marca Udc sposata, per opportunità di politica spicciola, da esponenti di altri partiti, non ha aiutato l’esponente liberale ticinese a fare una votazione particolarmente brillante, se paragoniamo i suoi 156 voti con i 188 ottenuti da Guy Parmelin un anno fa. “Vada più a Bruxelles e meno in Cina”, l’esortazione giuntagli dal leader del gruppo parlamentare del Centro, Philipp Matthias Bregy.

È pur vero che Alain Berset, ormai dal marzo 2020 sotto la luce dei riflettori, complice il Covid-19, ha totalizzato appena due voti in più di Cassis come vice-presidente. È possibile che proprio il coronavirus, che in Svizzera come altrove è stato affrontato la sua parte in modo sovente empirico e contradditorio, abbia pesato sull’esito del voto di ieri. A Cassis è stata rimproverata, essendo medico, una certa assenza nella partecipazione alla gestione della pandemia. Lui si è difeso ricordando di essere il ministro degli Esteri, non quello della Sanità.

Comunque sia, ora che è presidente, per Ignazio Cassis il coronavirus può diventare la sfida della vita: ha diviso e lacerato il Paese, lui può contribuire a rappacificarlo. Torni a indossare il camice bianco, si rimetta al collo uno stetoscopio e, per i prossimi 12 mesi, investa buona parte del suo tempo al capezzale della Svizzera. È la sua grande opportunità di uscire da quella sorta di cono d’ombra in cui si è ritrovato, come prima di lui Guy Parmelin, entrambi entrati in un consesso di gente assai più sperimentata, grazie ai molti anni trascorsi insieme al Governo.

A Parmelin l’anno presidenziale ha fatto bene, la sua semplicità è stata apprezzata, il suo successore, consapevole di avere un’immagine un pò sbiadita, ha esordito con grande sincerità, promettendo che farà del suo meglio per guadagnarsi la fiducia dei cittadini. Anche per la Svizzera italiana il fatto che sia un ticinese a presiedere la Confederazione costituisce un atout, in un periodo in cui l’italianità necessita dell’ennesimo rilancio. Va detto, inoltre, che per Ignazio Cassis l’ultimo anno di legislatura alla Presidenza della Confederazione, se giocato bene, può contribuire a garantire una rielezione, oggi non così sicura, nel 2023.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus elezione ignazio cassis politica europea presidente unione europea
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Corsia per i Tir nel Mendrisiotto, quando la misura è colma
Nel Distretto spiazzano l’agire dell’autorità federale e il silenzio del Cantone. E monta la voglia di un’azione di protesta
L’analisi
9 ore
Il pacifismo, i valori assoluti e il ‘dilemma del carrello’
Risolvere l’esperimento noto come “trolley problem” mette in crisi certe pretese di superiorità morale
Commento
2 gior
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
3 gior
I bastian contrari
Commento
3 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
4 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
6 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
6 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 sett
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
1 sett
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
© Regiopress, All rights reserved