laRegione
Sciaffusa
0
Thun
0
fine
KOZLOV S. (USA)
1
STRICKER D. (SUI)
2
fine
(6-4 : 4-6 : 3-6)
con-quante-g-si-scrive-sicurezza-all-interno-dello-stadio
Mascherina sì o mascherina no? (Ti-Press)
 
07.12.21 - 05:300

Con quante ‘G’ si scrive ‘sicurezza all’interno dello stadio’?

Che tipo di certificato applicare sulle piste di hockey? La Lega ha dato mandato ai Ceo dei vari club di chinarsi sulla questione

A volte ritornano. Negli stadi di hockey è di nuovo (forse) tempo di mascherina. E non è ovviamente un ritorno dei più graditi, sebbene in diversi, malgrado la non obbligatorietà di indossarla, non hanno in effetti mai smesso di portarsela appresso allo stadio. Chi per abitudine, chi per precauzione, pronto a indossarla alla bisogna. Ma questa, però, era la ‘nuova’... vecchia normalità. Quello che è andato in scena sabato allo Stadio Multifunzionale (o Gottardo Arena che dir si voglia, in attesa che la ‘casa’ dell’Ambrì Piotta trovi il suo nome ufficiale) in occasione della sfida tra i biancoblù e lo Zurigo è infatti stato l’ultimo capitolo su suolo (pardon, ghiaccio) ticinese di una parentesi aperta a inizio stagione e durata appunto tre mesi scarsi. Adesso è già tempo di… nuova normalità 2.0. Anzi di ‘nuova normalità 2 o 3G’.

Beninteso, quanto deciso venerdì dal Consiglio federale, segnatamente la reintroduzione della mascherina, non è comunque un fulmine a ciel sereno, tant’è vero che alcuni cantoni avevano anticipato i tempi della Berna federale reintroducendone l’obbligo per le strutture chiuse all’interno dei loro comprensori. A cominciare proprio dal cantone della capitale: un primo passo verso una nuova normalità, che ora dovrà però essere plasmata e dunque riadattata secondo la nuova ordinanza, e soprattutto estesa anche a quei cantoni che avevano fatto melina. Il tempo dei fraseggi è insomma finito per tutti, perché alla luce di quanto messo nero su bianco da Berna, sul tavolo dei club, e di riflesso della Lega, le questioni aperte, e le relative implicazioni, sono diverse e di non poco conto. Questioni che si rifanno tutte a un quesito fondamentale: con quante ‘G’ andare avanti? La domanda se l’è posta la Lega di hockey, che ha demandato ai club di chinarsi sulla questione. Oggi se ne saprà di più: i Ceo, convocati per una riunione straordinaria, dovranno infatti decidere se optare per una soluzione univoca per tutte le piste oppure se lasciare ai singoli club di optare per l’una o per l’altra soluzione.

E, appunto, non è una questione di poco conto, visto che in ballo, oltre alla salute pubblica, ci sono anche parecchi soldi. Perché un certificato 2G, il più restrittivo dal momento che negherebbe l’accesso allo stadio alle persone in possesso unicamente del test negativo, consentirebbe però all’interno della struttura di lasciare tutto come prima, ossia senza l’obbligo della mascherina e con tutte le buvette aperte. Il 3G, invece, permetterebbe sì, come prima, l’accesso allo stadio a tutte le persone, ma imporrebbe l’obbligo di consumare cibi e bevande al proprio posto (tradotto: buvette off-limits per il pubblico degli spalti).

La scelta che si trovano davanti i Ceo è insomma tutta sorretta da un gioco di equilibri, dove su un piatto della bilancia c’è la stima della quota di spettatori che rischierebbe di saltare optando per il 2G, e sull’altro quella degli incassi mancanti chiudendo alcuni o addirittura tutti i punti di ristoro. Ma non è finita qui, perché l’eventuale adozione del pass 2G imporrebbe una nuova procedura in materia di controlli, non ancora supportata dall’attuale ‘app’ che scansiona i certificati.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
13 ore
L’Ucraina e la civetta di Minerva
Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
1 gior
Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol
Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
1 gior
I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere
Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
2 gior
Lo gnomo spendaccione
Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
4 gior
La mozione Paul Newman
Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
5 gior
Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri
Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
6 gior
Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione
Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
Commento
1 sett
E vuoi negargli il Quirinale?
Berlusconi le sta provando tutte per diventare presidente della Repubblica italiana, fra trattative poco trasparenti e una rivisitazione della sua vita
Commento
1 sett
Covid-19, lettera a una cugina No Vax
Cara cugina, alle feste sei venuta in volata. C’è chi non ti ha abbracciata e tu ci sei rimasta male, anche se capivi...
Commento
1 sett
Il gennaio maledetto dei maschi alfa
Il 2022 è iniziato male per la sottospecie più proterva, quella incline a violare le regole, per poi pensare di cavarsela con quattro scuse in croce
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile