laRegione
con-quante-g-si-scrive-sicurezza-all-interno-dello-stadio
Mascherina sì o mascherina no? (Ti-Press)
laR
 
07.12.21 - 05:30

Con quante ‘G’ si scrive ‘sicurezza all’interno dello stadio’?

Che tipo di certificato applicare sulle piste di hockey? La Lega ha dato mandato ai Ceo dei vari club di chinarsi sulla questione

A volte ritornano. Negli stadi di hockey è di nuovo (forse) tempo di mascherina. E non è ovviamente un ritorno dei più graditi, sebbene in diversi, malgrado la non obbligatorietà di indossarla, non hanno in effetti mai smesso di portarsela appresso allo stadio. Chi per abitudine, chi per precauzione, pronto a indossarla alla bisogna. Ma questa, però, era la ‘nuova’... vecchia normalità. Quello che è andato in scena sabato allo Stadio Multifunzionale (o Gottardo Arena che dir si voglia, in attesa che la ‘casa’ dell’Ambrì Piotta trovi il suo nome ufficiale) in occasione della sfida tra i biancoblù e lo Zurigo è infatti stato l’ultimo capitolo su suolo (pardon, ghiaccio) ticinese di una parentesi aperta a inizio stagione e durata appunto tre mesi scarsi. Adesso è già tempo di… nuova normalità 2.0. Anzi di ‘nuova normalità 2 o 3G’.

Beninteso, quanto deciso venerdì dal Consiglio federale, segnatamente la reintroduzione della mascherina, non è comunque un fulmine a ciel sereno, tant’è vero che alcuni cantoni avevano anticipato i tempi della Berna federale reintroducendone l’obbligo per le strutture chiuse all’interno dei loro comprensori. A cominciare proprio dal cantone della capitale: un primo passo verso una nuova normalità, che ora dovrà però essere plasmata e dunque riadattata secondo la nuova ordinanza, e soprattutto estesa anche a quei cantoni che avevano fatto melina. Il tempo dei fraseggi è insomma finito per tutti, perché alla luce di quanto messo nero su bianco da Berna, sul tavolo dei club, e di riflesso della Lega, le questioni aperte, e le relative implicazioni, sono diverse e di non poco conto. Questioni che si rifanno tutte a un quesito fondamentale: con quante ‘G’ andare avanti? La domanda se l’è posta la Lega di hockey, che ha demandato ai club di chinarsi sulla questione. Oggi se ne saprà di più: i Ceo, convocati per una riunione straordinaria, dovranno infatti decidere se optare per una soluzione univoca per tutte le piste oppure se lasciare ai singoli club di optare per l’una o per l’altra soluzione.

E, appunto, non è una questione di poco conto, visto che in ballo, oltre alla salute pubblica, ci sono anche parecchi soldi. Perché un certificato 2G, il più restrittivo dal momento che negherebbe l’accesso allo stadio alle persone in possesso unicamente del test negativo, consentirebbe però all’interno della struttura di lasciare tutto come prima, ossia senza l’obbligo della mascherina e con tutte le buvette aperte. Il 3G, invece, permetterebbe sì, come prima, l’accesso allo stadio a tutte le persone, ma imporrebbe l’obbligo di consumare cibi e bevande al proprio posto (tradotto: buvette off-limits per il pubblico degli spalti).

La scelta che si trovano davanti i Ceo è insomma tutta sorretta da un gioco di equilibri, dove su un piatto della bilancia c’è la stima della quota di spettatori che rischierebbe di saltare optando per il 2G, e sull’altro quella degli incassi mancanti chiudendo alcuni o addirittura tutti i punti di ristoro. Ma non è finita qui, perché l’eventuale adozione del pass 2G imporrebbe una nuova procedura in materia di controlli, non ancora supportata dall’attuale ‘app’ che scansiona i certificati.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
certificato covid hockey stadio
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
20 ore
I replicanti del Pd: la criniera logora chi non ce l’ha
Letta riporta avanti la vecchia guardia del Pd imbarcando anche virologi e sindacalisti. Un partito che ormai funziona come un apparato in stile sovietico
Commento
1 gior
Nella padella del ‘woke’
L’interruzione di un piccolo concerto per ‘appropriazione culturale’ offre l’ennesimo pretesto per sparare sul multiculturalismo
Il commento
2 gior
La normalità di un Festival che doveva fare festa
Se già il Concorso ufficiale non ha luce, altri film sono destinati al buio. E non basta la Piazza, forse servirebbe una spiaggia, come fa Cannes
Commento
2 gior
Presidente, che ne dice di ‘Solarissimo’?
Marco Solari ha regnato più di Raimondo Rezzonico, ma ‘il presidentissimo è solo lui’ (e ‘Solarissimo’ fa troppo Megadirettore: si accettano proposte)
Commento
5 gior
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
6 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
1 sett
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 sett
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 sett
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
1 sett
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
© Regiopress, All rights reserved