laRegione
laR
 
03.12.21 - 05:30
Aggiornamento: 07:48

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica

annusare-invece-di-sprecare
Depositphotos

La quantità di cibo commestibile che finisce nella spazzatura è davvero impressionante. Ogni anno in Svizzera si gettano via 2,8 milioni di tonnellate di cibo, togliendo preziose riserve a chi non ha abbastanza da mangiare, causando danni diretti o indiretti all’ambiente. Con questa montagna di alimenti si possono riempire migliaia di camion: una fila lunga da Amburgo a Napoli! Sprechi che inquinano come la metà di tutti gli spostamenti privati fatti in autovettura nel nostro Paese. E si traducono in tanti soldi gettati via: si stima che una famiglia elvetica di 4 persone spreca così 2’500 franchi l’anno. Nella filiera agroalimentare, lo spreco riguarda tutte le fasi, dal campo al consumatore finale, ma il luogo per eccellenza dove si annida di più sono le economie domestiche. Piccole quantità di cibo gettate ogni giorno possono apparire insignificanti, eppure messe tutte insieme producono uno spreco abissale. Nessuno acquista cibo con l’intenzione di buttarlo via, ma poi succede per svariati motivi: si fa una spesa eccessiva rispetto alle reali esigenze; si cucina troppo e gli avanzi non vengono riutilizzati; si conserva in modo inadeguato il cibo lasciando così andare a male molti prodotti. Un grosso problema sono le etichette alimentari, a dire il vero non sempre di facile comprensione. Infatti, il 20% degli sprechi domestici, secondo un recente studio, avviene proprio per un’errata interpretazione delle etichette. Ora tutto potrebbe diventare più semplice. La notizia è di settimana scorsa (vedi pagine 4 e 5). Viene prolungata la vita di tutti gli alimenti poco deperibili come riso, pasta, cioccolata, farina, succhi di frutta… Quegli alimenti con scritto “da consumare preferibilmente entro” saranno ancora buoni da 6 fino a 360 giorni a dipendenza del prodotto. Facciamo un esempio: oggi un chilo di pasta scaduta da un mese viene gettato via, non può più essere né venduto, né donato, né consumato; la sua vita si allungherà di un anno. Si stima che 100mila tonnellate di ottimo cibo potranno così venire salvate. Forse nei piccoli negozi troveremo il riso scaduto da un mese a metà prezzo, ma al supermercato? La grande distribuzione ci ha risposto che ci sta pensando. Ci vorrà tempo e c’è tutta una mentalità da cambiare. Dovremmo imparare a usare di più i sensi per capire se un alimento è commestibile o meno. Tenendo ben presente che un terzo di ciò che mangiamo viene importato da regioni dove acqua e cibo scarseggiano. Gettarlo via è da irresponsabili.

Sprechi e precariato in Svizzera di anno in anno crescono di pari passo: 675mila persone vivono sotto la soglia della povertà mentre si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una vera follia. Una piccola parte (11mila tonnellate l’anno) viene salvata e ridistribuita ai più disagiati in Svizzera da enti benefici, come Tavola Svizzera e Tavolino Magico. Inoltre si moltiplicano le iniziative per salvare cibo. Tutto molto bello. Lo sforzo è lodevole e notevole ma l’impatto purtroppo è minimo. Eppure la Svizzera si è impegnata a ridurre della metà gli sprechi alimentari entro il 2030. La Confederazione sta elaborando un piano d’azione che verrà presentato a inizio 2022. Siamo molto in ritardo, soprattutto se vogliamo costruire una mentalità antisprechi già dalle Elementari.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
21 ore
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
1 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
2 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
4 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
5 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
6 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
© Regiopress, All rights reserved