laRegione
annusare-invece-di-sprecare
Depositphotos
laR
 
03.12.21 - 05:30
Aggiornamento : 07:48

Annusare invece di sprecare

Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

La quantità di cibo commestibile che finisce nella spazzatura è davvero impressionante. Ogni anno in Svizzera si gettano via 2,8 milioni di tonnellate di cibo, togliendo preziose riserve a chi non ha abbastanza da mangiare, causando danni diretti o indiretti all’ambiente. Con questa montagna di alimenti si possono riempire migliaia di camion: una fila lunga da Amburgo a Napoli! Sprechi che inquinano come la metà di tutti gli spostamenti privati fatti in autovettura nel nostro Paese. E si traducono in tanti soldi gettati via: si stima che una famiglia elvetica di 4 persone spreca così 2’500 franchi l’anno. Nella filiera agroalimentare, lo spreco riguarda tutte le fasi, dal campo al consumatore finale, ma il luogo per eccellenza dove si annida di più sono le economie domestiche. Piccole quantità di cibo gettate ogni giorno possono apparire insignificanti, eppure messe tutte insieme producono uno spreco abissale. Nessuno acquista cibo con l’intenzione di buttarlo via, ma poi succede per svariati motivi: si fa una spesa eccessiva rispetto alle reali esigenze; si cucina troppo e gli avanzi non vengono riutilizzati; si conserva in modo inadeguato il cibo lasciando così andare a male molti prodotti. Un grosso problema sono le etichette alimentari, a dire il vero non sempre di facile comprensione. Infatti, il 20% degli sprechi domestici, secondo un recente studio, avviene proprio per un’errata interpretazione delle etichette. Ora tutto potrebbe diventare più semplice. La notizia è di settimana scorsa (vedi pagine 4 e 5). Viene prolungata la vita di tutti gli alimenti poco deperibili come riso, pasta, cioccolata, farina, succhi di frutta… Quegli alimenti con scritto “da consumare preferibilmente entro” saranno ancora buoni da 6 fino a 360 giorni a dipendenza del prodotto. Facciamo un esempio: oggi un chilo di pasta scaduta da un mese viene gettato via, non può più essere né venduto, né donato, né consumato; la sua vita si allungherà di un anno. Si stima che 100mila tonnellate di ottimo cibo potranno così venire salvate. Forse nei piccoli negozi troveremo il riso scaduto da un mese a metà prezzo, ma al supermercato? La grande distribuzione ci ha risposto che ci sta pensando. Ci vorrà tempo e c’è tutta una mentalità da cambiare. Dovremmo imparare a usare di più i sensi per capire se un alimento è commestibile o meno. Tenendo ben presente che un terzo di ciò che mangiamo viene importato da regioni dove acqua e cibo scarseggiano. Gettarlo via è da irresponsabili.

Sprechi e precariato in Svizzera di anno in anno crescono di pari passo: 675mila persone vivono sotto la soglia della povertà mentre si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una vera follia. Una piccola parte (11mila tonnellate l’anno) viene salvata e ridistribuita ai più disagiati in Svizzera da enti benefici, come Tavola Svizzera e Tavolino Magico. Inoltre si moltiplicano le iniziative per salvare cibo. Tutto molto bello. Lo sforzo è lodevole e notevole ma l’impatto purtroppo è minimo. Eppure la Svizzera si è impegnata a ridurre della metà gli sprechi alimentari entro il 2030. La Confederazione sta elaborando un piano d’azione che verrà presentato a inizio 2022. Siamo molto in ritardo, soprattutto se vogliamo costruire una mentalità antisprechi già dalle Elementari.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
alimenti cibo sprechi svizzera
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
15 ore
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
1 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
1 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
2 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
3 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
5 gior
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
Commento
5 gior
Stampa, di mordacchia in mordacchia
Giornalismo svizzero, da Berna ulteriori restrizioni. Di questo passo l’articolo costituzionale sulla libertà dei media diventerà lettera morta
Commento
6 gior
Lugano, la sinistra riparta da Schönenberger
Positivo che le critiche dell’ex leader abbiano smosso così le acque: giusta la reazione dei vertici cantonali, a Lugano resta molto da fare
Commento
1 sett
Hansjörg Wyss, l’anti-Blocher che si prese il Chelsea
Il magnate bernese ha deciso d’investire 5 miliardi di franchi per mettere le mani sul gioiello calcistico dell’oligarca russo Roman Abramovich
Commento
1 sett
Decreto Morisoli: dicono ‘contenere’, intendono ‘tagliare’
Nelle attuali circostanze costringere lo Stato a raggiungere l’equilibrio fiscale a breve termine è, a rigor di logica, un’assurdità
© Regiopress, All rights reserved