laRegione
la-variante-omicron-e-il-nostro-egoismo-autolesionista
Keystone
laR
 
30.11.21 - 05:30
Aggiornamento : 16:34

La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista

Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino

di Aldo Sofia
Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

Immersi nelle nuove preoccupazioni, e nelle puntuali contraddizioni, sulla pericolosità di Omicron (ennesima variazione di Covid-19) facciamo fatica a coglierne un aspetto sostanziale e per niente nuovo di questa situazione. Per cominciare, la natura ha le sue regole e non c’è virus che non proceda per mutazioni. Che nella maggior parte dei casi sono tanto numerose quanto ininfluenti. Più raramente, ne accrescono la rapidità di diffusione e la carica infettiva. Questo dicono gli esperti. Che, nonostante il grande allarme rilanciato ieri dall’Organizzazione mondiale della sanità, esitano sulle caratteristiche di quest’altra trasformazione del Corona, quindi anche sull’ipotesi (comunque giudicata improbabile) che possa bucare agevolmente lo scudo della doppia vaccinazione.

Ma qual è, appunto, l’aspetto che dovrebbe farci riflettere maggiormente e che invece viene tenuto sottotraccia? È quello dell’apartheid vaccinale e della miopia occidentale. Il Sudafrica, nonostante un sistema sanitario migliore rispetto al resto del continente, ha avuto il più alto numero di contagiati (quasi tre milioni di ‘positivi’) e di vittime da Covid (89’770 decessi) in quella parte di mondo. Su una popolazione di 60 milioni di abitanti, soltanto il 25% dei vaccinabili ha avuto la doppia dose. Complici anche fattori e credenze locali difficili da superare. Ma, soprattutto, è successo che nel momento di massimo e lodevole sforzo della sua campagna vaccinale (Pretoria aveva ordinato un milione e mezzo di dosi, pagandole ben due volte e mezzo in più dei Paesi europei) tutto si è bloccato. Le importazioni di AstraZeneca, prodotto su licenza in India, sono state bloccate da New Delhi per poter soddisfare i propri bisogni interni. Per la stessa ragione è finito in panne anche il programma Covax, sotto l’egida dell’Oms, ideato per rifornire i Paesi a basso reddito, altrimenti nell’impossibilità di procedere a massicci acquisti. Tutto questo (era l’inizio della scorsa estate) mentre Europa e Stati Uniti si erano già garantiti da Pfizer e Moderna dosi da due a tre volte superiori rispetto alle loro necessità.

E che ne è delle solenni assicurazioni dei Paesi ricchi di correre in soccorso dei Paesi poveri con cospicui doni di vaccino? Che ne è stato di tanta generosità distribuita a parole sui tappeti rossi dei vari e affollati vertici dei leader mondiali? Perlopiù sono rimaste solo le promesse. L’America e l’Ue (che insieme si sono accaparrate oltre il 70% dei vaccini) hanno fornito rispettivamente soltanto il 25% e il 19% di quanto avevano garantito. E se non bastasse, nelle nazioni benestanti a fine anno vi saranno 1,2 miliardi di dosi inutilizzate, di cui 50 milioni saranno da gettare (è la stima di “Airfinity”, società di analisi londinese). In Africa soltanto cinque Paesi su 54 riescono a soddisfare i piani dell’Oms per immunizzare il 40% della popolazione, ultimo in classifica il Burundi con lo 0,0025% di dosi.

Ecco il desolante risultato (certo non per i profitti miliardari della farmaceutica) di non sospendere almeno provvisoriamente la proprietà dei brevetti (eventualità prevista dagli statuti Oms in caso di pandemia), come chiesto proprio da India e Sudafrica oltre che da numerose altre nazioni e organizzazioni internazionali. Ed ecco i frutti del nostro autolesionistico egoismo: meno vaccini al cosiddetto Terzo Mondo significano maggiori pericoli di nuove varianti e più minacce per tutti noi. Perché, come è stato scritto, il virus non rispetta i confini. È un ‘instancabile globe trotter’.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
coronavirus omicron vaccino
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
A scuola di TiSin (elogio del cazziatone)
Le motivazioni della sanzione a una delle aziende di Ticino Manufacturing per aver aggirato il salario minimo lasciano aperta la questione politica
Commento
1 gior
M5S, la diversità di essere uguali
Lo strappo di Di Maio ci fa vedere in controluce il mondo quasi alieno e tutte le bugie che il Movimento ha raccontato prima di tutto a sé stesso
l’ospite
2 gior
Le conseguenze della guerra
Commento
2 gior
Magistratura, se la politica non fa i compiti
Riorganizzazione della Procura: a un anno e mezzo dal mandato conferitole dal Gran Consiglio, dalla commissione ‘Giustizia’ finora nulla di concreto
Commento
3 gior
Calcio femminile a maturazione lenta
I premi provenienti da Fifa e Uefa saranno equiparati per uomini e donne, ma la parità salariale è ancora lontana
Commento
3 gior
Targhe e arte della politica: la vittoria Ppd, la sconfitta Plr
Sulle imposte di circolazione il compromesso i popolari democratici l’hanno raggiunto con la sinistra, non coi liberali radicali. Appunti per il futuro
Commento
4 gior
Giochi di potere a Wimbledon
La politica ha avuto un ruolo nell’esclusione di tennisti russi e bielorussi, Atp e Wta hanno risposto togliendo i punti e inguaiando molti giocatori
Commento
5 gior
Lite Di Maio-Conte, i grillini si sfarinano
Ormai il Movimento 5 Stelle pare condannato alla scissione e a un destino di battibecchi da partitino minore
Commento
6 gior
Ha vinto solo Marine Le Pen
La Francia entra da oggi nell’era della politica liquida, del pericoloso disorientamento e del disincanto: 3 giovani su 4 non si sono recati ai seggi
Commento
1 sett
Il Tour, i Tir e quello striscione-verità
Il Mendrisiotto è attraversato da un moto di ribellione: dalle istituzioni al popolo. Colpa delle troppe corsie A2 e delle scarse attenzioni cantonali
© Regiopress, All rights reserved