laRegione
laR
 
29.11.21 - 05:30
Aggiornamento: 15:24

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva

polo-sportivo-a-lugano-arriva-anche-l-assist-dei-cittadini

È stato meno tirato del previsto l’esito del referendum sul Polo sportivo e degli eventi (Pse) a Lugano. Le legittime critiche e osservazioni dei contrari hanno comunque convinto il 43% dei votanti. Il futuro ci dirà se le contestazioni, soprattutto quelle relative all’insostenibile impatto finanziario nei prossimi anni sui conti pubblici, avranno ragione. Il risultato rappresenta quell’iniezione di fiducia auspicata dal Municipio che ora può guardare avanti con maggiore serenità e dovrà far di tutto per scongiurare le previsioni nefaste enunciate dai fautori del No. Ora, con la definitiva e inappellabile promozione della cittadinanza che vale come un assist a partita quasi chiusa, può partire il cantiere del più importante progetto cantonale degli ultimi decenni. Tutto sommato, è stato un ottimo esercizio di democrazia, con una partecipazione, attestatasi al 62,5% e andata ben oltre le aspettative.

Difficile dire quanto abbia pesato la buona affluenza alle urne. Di sicuro, ha vinto anche la sproporzione delle forze in campo durante una campagna lunga, estenuante e con tante, forse troppe polemiche. Da una parte, lo ricordiamo, erano schierati il Municipio, la maggioranza del Consiglio comunale di Lugano e quasi tutti i partiti a parte i Verdi, l’Mps ed esponenti di spicco del Plr e del Ps. E soprattutto l’Associazione “Io Sostengo il Polo”, con il supporto finanziario del gruppo Hrs e Credit Suisse. Dall’altra parte, i contrari hanno avuto il loro spazio nei media, ma erano completamente assenti nella cartellonistica pubblicitaria, usata dai favorevoli che hanno messo in campo una propaganda particolarmente pervasiva. Un’inferiorità di mezzi, quella delle due fazioni contrarie, che ha peraltro consentito di intercettare lo scetticismo sul progetto diffuso in una larga fetta di popolazione. Tanto da ottenere consensi al di sopra della maggior parte dei pronostici della vigilia.

Un ruolo fondamentale, nel risultato finale, potrebbe averlo giocato la convinzione secondo la quale, se avesse vinto il No, ci sarebbero stati ulteriori, grandi ritardi nella realizzazione dei necessari impianti sportivi e la retrocessione dell’Fc Lugano. In questo senso, può anche essere che alcuni abbiano votato a favore a denti stretti, ma alla fine ciò che più conta è il risultato. Un risultato di cui il Municipio comprensibilmente va orgoglioso. Bisognerà evitare che, nella fase realizzativa del progetto, che comincerà quando verrà ultimata la prima tappa dei lavori del Centro sportivo Al Maglio, non emergano i problemi pianificatori, né quelli legati ai timori di svuotamento del centro città, tanto meno dei costi imprevisti. Per finire, i favorevoli possono tirare un respiro di sollievo ma non è da poco nemmeno la performance dell’Mps, che ha fatto capolino in città soltanto alle ultime elezioni comunali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
1 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
2 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
3 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
4 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
5 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
5 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
6 gior
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
6 gior
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
Commento
1 sett
Zanchi, Bossalini, la malerba e la capacità di rimanere zen
Nella battaglia politica che si combatte attorno al Corpo di polizia di Locarno, la fretta è cattiva consigliera per capodicastero e comandante
© Regiopress, All rights reserved