laRegione
Yverdon-sport Fc
0
FC Stade Ls Ouchy
0
fine
(0-0)
Aarau
0
Xamax
1
2. tempo
(0-1)
Langnau
4
Lugano
6
3. tempo
(1-3 : 2-3 : 1-0)
Ginevra
2
Zurigo
0
1. tempo
(2-0)
Friborgo
4
Bienne
2
2. tempo
(2-0 : 2-2)
Davos
3
Berna
3
3. tempo
(2-0 : 1-2 : 0-1)
Zugo
8
Ajoie
0
3. tempo
(2-0 : 3-0 : 3-0)
Visp
2
Turgovia
0
2. tempo
(0-0 : 2-0)
Olten
1
Zugo Academy
0
2. tempo
(1-0 : 0-0)
Kloten
2
La Chaux de Fonds
1
2. tempo
(2-0 : 0-1)
Ticino Rockets
1
Langenthal
5
2. tempo
(0-3 : 1-2)
Sierre
3
GCK Lions
2
2. tempo
(2-1 : 1-1)
polo-sportivo-a-lugano-arriva-anche-l-assist-dei-cittadini
 
29.11.21 - 05:300
Aggiornamento : 15:24

Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini

Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva

È stato meno tirato del previsto l’esito del referendum sul Polo sportivo e degli eventi (Pse) a Lugano. Le legittime critiche e osservazioni dei contrari hanno comunque convinto il 43% dei votanti. Il futuro ci dirà se le contestazioni, soprattutto quelle relative all’insostenibile impatto finanziario nei prossimi anni sui conti pubblici, avranno ragione. Il risultato rappresenta quell’iniezione di fiducia auspicata dal Municipio che ora può guardare avanti con maggiore serenità e dovrà far di tutto per scongiurare le previsioni nefaste enunciate dai fautori del No. Ora, con la definitiva e inappellabile promozione della cittadinanza che vale come un assist a partita quasi chiusa, può partire il cantiere del più importante progetto cantonale degli ultimi decenni. Tutto sommato, è stato un ottimo esercizio di democrazia, con una partecipazione, attestatasi al 62,5% e andata ben oltre le aspettative.

Difficile dire quanto abbia pesato la buona affluenza alle urne. Di sicuro, ha vinto anche la sproporzione delle forze in campo durante una campagna lunga, estenuante e con tante, forse troppe polemiche. Da una parte, lo ricordiamo, erano schierati il Municipio, la maggioranza del Consiglio comunale di Lugano e quasi tutti i partiti a parte i Verdi, l’Mps ed esponenti di spicco del Plr e del Ps. E soprattutto l’Associazione “Io Sostengo il Polo”, con il supporto finanziario del gruppo Hrs e Credit Suisse. Dall’altra parte, i contrari hanno avuto il loro spazio nei media, ma erano completamente assenti nella cartellonistica pubblicitaria, usata dai favorevoli che hanno messo in campo una propaganda particolarmente pervasiva. Un’inferiorità di mezzi, quella delle due fazioni contrarie, che ha peraltro consentito di intercettare lo scetticismo sul progetto diffuso in una larga fetta di popolazione. Tanto da ottenere consensi al di sopra della maggior parte dei pronostici della vigilia.

Un ruolo fondamentale, nel risultato finale, potrebbe averlo giocato la convinzione secondo la quale, se avesse vinto il No, ci sarebbero stati ulteriori, grandi ritardi nella realizzazione dei necessari impianti sportivi e la retrocessione dell’Fc Lugano. In questo senso, può anche essere che alcuni abbiano votato a favore a denti stretti, ma alla fine ciò che più conta è il risultato. Un risultato di cui il Municipio comprensibilmente va orgoglioso. Bisognerà evitare che, nella fase realizzativa del progetto, che comincerà quando verrà ultimata la prima tappa dei lavori del Centro sportivo Al Maglio, non emergano i problemi pianificatori, né quelli legati ai timori di svuotamento del centro città, tanto meno dei costi imprevisti. Per finire, i favorevoli possono tirare un respiro di sollievo ma non è da poco nemmeno la performance dell’Mps, che ha fatto capolino in città soltanto alle ultime elezioni comunali.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
16 ore
Mendrisiotto senza via d’uscita
L’annuncio da Berna che la terza corsia si realizzerà con dieci anni d’anticipo disorienta tra timori e paradossi
Commento
1 gior
Manuele Bertoli fiero, solitario y final
Il direttore del Decs è andato nel modo più nobile verso una sconfitta annunciata. Ricreazione finita per chi l’ha provocata, Plr in primis: ora riforme
Calcio
1 gior
Goldküste o Sonnenstube, l’importante è l’Fc Lugano
Il nuovo presidente del club bianconero, Philippe Regazzoni, vive a Küsnacht e non parla italiano. Una scelta inaspettata, ma non per forza sbagliata.
il commento
2 gior
L’Ucraina e la civetta di Minerva
Usa e Russia strette tra rivendicazioni e muscoli in mostra, ma la guerra non è inevitabile, perché oggi non è nell’interesse di nessuno
Commento
3 gior
Bavaglio ai diritti imbevuto d’alcol
Tennis Australia copre le magliette recanti la scritta ‘Dov’è Peng Shuai?’. Uno degli sponsor del torneo è una storica distilleria... cinese
Commento
3 gior
I Casinò, vacche sacre da (ma prima ancora per) mungere
Mentre a Locarno volano gli stracci in vista del rinnovo delle concessioni federali, passa in secondo piano il tema di chi l’azzardo lo paga a caro prezzo
Commento
4 gior
Lo gnomo spendaccione
Dopo le dimissioni del presidente e dell’Ad di Credit Suisse si è discusso del crescente ricorso delle banche svizzere a top manager stranieri
Commento
6 gior
La mozione Paul Newman
Gli analisti politici del Wall Street Journal suggeriscono ai democratici di candidare di nuovo Hillary Clinton per un’eventuale sfida a Trump nel 2024
Commento
1 sett
Migrazione: la norma, la storia di India e gli altri
Nel caso della diciannovenne di Morbio accendere i riflettori è servito. Restano nell’ombra il resto dell’umanità migrante e leggi non sempre eque
Commento
1 sett
Scuola, che si aprano le porte della sperimentazione
Un precoce restringimento delle possibilità, che sia legata al rendimento oppure ai presunti interessi, implica un condizionamento e pertanto va evitato
© Regiopress, All rights reserved