laRegione
laR
 
25.11.21 - 05:30
Aggiornamento: 14:58

La diplomazia del ping Peng

Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici

la-diplomazia-del-ping-peng
Peng Shuai in campo agli Us Open (Keystone)

Ping pong, tennis e relazioni diplomatiche funzionano esattamente nello stesso modo. Si butta la palla nel terreno dell’avversario sperando che non ti ritorni indietro. Cambiano solo le dimensioni del campo.

Impossibilitati dall’ideologia e dalla propaganda incrociata a vedere cosa ci fosse oltre la rete, nel 1971 Stati Uniti e Cina s’inventarono la diplomazia del ping pong pur di dare una sbirciata nel campo dell’altro. Tutto comincia da un incontro tra il fortuito e il pretestuoso (la verità - come spesso accade - starà nel mezzo) ai Mondiali di tennistavolo in Giappone: l’americano meno yankee della squadra, il figlio dei fiori Glenn Cowan, dopo aver perso il suo incontro al primo turno, perde anche tempo dentro il palazzetto di Nagoya. L’autobus della nazionale riparte e lui resta appiedato.

In attesa di capire come rientrare in hotel, incontra il campione cinese Zhuang Zedong. Finirà che Cowan - allergico alle regole (o il profilo perfetto a cui farle aggirare) - con quel suo aspetto da campeggiatore di Woodstock avvezzo all’autostop, salirà sul bus cinese e si scambierà un regalo con il campione tanto caro a Mao. Zhuang omaggerà Cowan con un ritratto su seta dei monti Huangshan, l’americano, che non aveva nello zaino niente di meglio di un pettine, troverà il modo di consegnare al suo nuovo amico una t-shirt con la bandiera della pace e la scritta “Let it be”, hit dei Beatles con appena un anno di vita.


Nixon e Mao sulle racchette da ping pong. Era il 1972 (Wikipedia)

È l’inizio di una collaborazione proficua a livello sportivo e politico e anche una storia perfetta da dare in pasto ai media, a tal punto che Hollywood, anni dopo, dentro quella storia ci infilerà Forrest Gump, aggregandolo alla squadra di Cowan.

Di nuovo ai ferri corti e incapaci di immaginare nuove strade, Usa e Cina hanno riesumato in questi giorni la diplomazia del ping pong per il cinquantennale, come se la politica internazionale si potesse trattare come certi vecchi dischi di successo che, nell’anno dell’anniversario, vengono ripubblicati in edizione speciale.

Mentre sull’asse Washington-Pechino volano gli stracci praticamente su tutto, dal caso Taiwan al patto per il clima, i vecchi nemici mettono in piedi “La diplomazia del ping pong 2.0”, iscrivendo al Mondiale di Houston due coppie di nazionalità miste. Funziona così, quando non vedi un futuro ti rifugi nel passato, senti la musica di quando eri giovane, chiami le ex: quasi mai è la soluzione. Perché nel frattempo sei cambiato tu, la ex e tutto quel che ti gira intorno.

L’affaire Peng Shuai, che tiene banco da quasi un mese, ne è la dimostrazione: nel mondo che fu e che non è più, mai un’atleta di successo avrebbe denunciato per abusi un uomo di potere, tantomeno in Cina. La tennista, prima è sparita, poi è ricomparsa nella modalità sceneggiatura sotto dettatura e sotto dittatura, con una bislacca – ma non inspiegabile – complicità del Cio, che con la Cina ha un grosso appuntamento in ballo, le Olimpiadi invernali del 2022, praticamente dietro l’angolo: si giocano soldi e credibilità. Anzi, ormai solo i soldi.

Gli Usa, intanto, chiedono spiegazioni su Peng Shuai e ai Giochi minacciano il boicottaggio light, solo diplomatico, con gli atleti in gara (e quindi mesto e insapore, un po’ come tutte le cose light). Poi tuonano su abusi e diritti civili, come se non avessero plotoni di allenatori e politici con processi a carico per violenza sessuale, come se i diritti civili in America non fossero un nervo scoperto. Ieri hanno invitato la contesa Taiwan al summit per la democrazia. Buttano la palla di là, poi si vedrà. La diplomazia del ping Peng.


La Diplomazia del ping pong 2.0 a Houston (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
10 min
La Camera dei Lord dentro di te
Il leader laburista britannico Starmer ha promesso che se vincerà le prossime elezioni abolirà la Camera Alta
IL COMMENTO
1 gior
A Palazzo federale trionfa la concordanza. E la maggioranza
L’armonia ha regnato nel rinnovo parziale del Consiglio federale. Ma nella ripartizione dei dipartimenti si è imposta (senza voto) la maggioranza Udc/Plr
IL COMMENTO
2 gior
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
3 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
4 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
6 gior
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 sett
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 sett
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
© Regiopress, All rights reserved