laRegione
11.11.21 - 05:30
Aggiornamento: 19.11.21 - 17:43

Cristo si è fermato a Swiebodzin

La cattolicissima Polonia si vanta della sua enorme statua del Cristo Re, ma sui migranti si dimentica dei suoi insegnamenti, come l’Ue e la Svizzera

cristo-si-e-fermato-a-swiebodzin
Migranti si scaldano al confine tra Polonia e Bielorussia (Keystone)

A Swiebodzin, nella cattolicissima Polonia, c’è la statua del Cristo Re più alta d’Europa. Ma i fedeli polacchi, che hanno contribuito alla sua realizzazione con 1 milione e mezzo di euro, dicono che è la più alta del mondo, ridefinendo il confine – sempre molto labile – tra miracolo, bugia e autoinganno, visto che la statua è alta 36 metri, il Cristo Redentore di Rio è alto 38 e in Indonesia ce n’è una alta quaranta. Per guadagnare qualche metro contano anche la collinetta su cui poggia la statua, ricordando le tragicomiche misurazioni nella commedia con Hugh Grant “L’uomo che salì sulla collina e scese dalla montagna”: nel film, ambientato nel 1917, un intero villaggio gallese si dannava perché, per poco, la loro cima non misurava i 1’000 piedi che l’avrebbero resa una montagna.

Nel giorno dell’inaugurazione della statua di Swiebodzin, il 6 novembre 2010, il sacerdote Sylwester Zawadzki aveva dichiarato che era il giorno più bello della sua vita “perché, da sempre, i suoi sogni erano diventare prete e costruire la statua”.

Da qualche giorno la cattolicissima Polonia sta respingendo 4mila migranti assiepati nella terra di nessuno che la unisce e la divide dalla Bielorussia, ridefinendo il confine – sempre più labile – tra bugia, nazionalismo, menefreghismo e carità cristiana e il concetto stesso di confine. È la stessa Polonia che zittisce i giornali non allineati, vota leggi liberticide e che dall’Europa prende fondi per riempire fondine e alzare muri. Lei che dietro a un muro era finita e che l’Europa ha accolto, per amore sì, ma del mercato.


Il Cristo Re di Swiebodzin (Keystone)

Lo scorso weekend un gruppo di civili armati ha formato un commando per pattugliare la frontiera, come se dall’altra parte ci fosse l’Armata Rossa. C’erano famiglie di disperati, persone per cui non sembra esserci posto in una nazione con 38 milioni di abitanti. Certo, Giovanni Paolo II, figlio della cattolicissima Polonia, tra le tante cose che ha detto – e spesso si contraddicono (vale per noi e pure per i papi) – ha detto anche questo: “Bisogna esercitare il controllo dei flussi migratori in considerazione delle esigenze del bene comune. L’accoglienza deve realizzarsi nel rispetto delle leggi e salvaguardare il patrimonio culturale proprio di ogni nazione”. Messa così sembra un discorso di Orbán.

Eppure era lo stesso Papa che, quando parlava dei polacchi intrappolati dietro la Cortina di ferro, diceva “non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici... non abbiate paura! Cristo sa cosa è dentro l’uomo. Solo Lui lo sa!”. Ecco, magari non solo Lui, di sicuro non il governo polacco né l’Unione europea, che riceve premi Nobel e consegna premi Sacharov, pulendosi la coscienza come quei mafiosi che usano il confessionale come una lavanderia per sciacquarsi via il sangue dall’anima.

L’Europa, per quel che rappresenta, ha il dovere di risolvere questa crisi umanitaria. Così come la Svizzera, che invece nega la naturalizzazione a un capoverdiano per un parabrezza sbrinato male e finora ha detto sì a tre richieste di asilo politico sulle quasi ottomila arrivate dall’Afghanistan. Evidentemente, questa volta Cristo si è fermato a Swiebodzin, a contemplare una statua con una corona d’oro che gli somiglia poco e una cattolicissima Polonia che non gli somiglia per niente.


Le forze di polizia polacche dietro al filo spinato (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
2 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
2 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
3 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
4 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
5 gior
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
6 gior
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
Commento
6 gior
L’era del tofu merluzzato
Gli italiani disposti a provare qualsiasi cosa pur di vedere un cambiamento. Ma il cambiamento, finché ci saranno Casini e i suoi emuli, pare impossibile
Commento
1 sett
Un’onda nera sull’Italia
L’analisi di Aldo Sofia dopo il voto che ha visto trionfare Giorgia Meloni
Commento
1 sett
Dal ‘sì’ ad Avs 21 segnali chiari alla politica
No a un ulteriore aumento dell’età di pensionamento, no a riforme a scapito delle donne meno abbienti, avanti con quella del secondo pilastro
© Regiopress, All rights reserved