laRegione
cristo-si-e-fermato-a-swiebodzin
Migranti si scaldano al confine tra Polonia e Bielorussia (Keystone)
11.11.21 - 05:30
Aggiornamento : 19.11.21 - 17:43

Cristo si è fermato a Swiebodzin

La cattolicissima Polonia si vanta della sua enorme statua del Cristo Re, ma sui migranti si dimentica dei suoi insegnamenti, come l’Ue e la Svizzera

A Swiebodzin, nella cattolicissima Polonia, c’è la statua del Cristo Re più alta d’Europa. Ma i fedeli polacchi, che hanno contribuito alla sua realizzazione con 1 milione e mezzo di euro, dicono che è la più alta del mondo, ridefinendo il confine – sempre molto labile – tra miracolo, bugia e autoinganno, visto che la statua è alta 36 metri, il Cristo Redentore di Rio è alto 38 e in Indonesia ce n’è una alta quaranta. Per guadagnare qualche metro contano anche la collinetta su cui poggia la statua, ricordando le tragicomiche misurazioni nella commedia con Hugh Grant “L’uomo che salì sulla collina e scese dalla montagna”: nel film, ambientato nel 1917, un intero villaggio gallese si dannava perché, per poco, la loro cima non misurava i 1’000 piedi che l’avrebbero resa una montagna.

Nel giorno dell’inaugurazione della statua di Swiebodzin, il 6 novembre 2010, il sacerdote Sylwester Zawadzki aveva dichiarato che era il giorno più bello della sua vita “perché, da sempre, i suoi sogni erano diventare prete e costruire la statua”.

Da qualche giorno la cattolicissima Polonia sta respingendo 4mila migranti assiepati nella terra di nessuno che la unisce e la divide dalla Bielorussia, ridefinendo il confine – sempre più labile – tra bugia, nazionalismo, menefreghismo e carità cristiana e il concetto stesso di confine. È la stessa Polonia che zittisce i giornali non allineati, vota leggi liberticide e che dall’Europa prende fondi per riempire fondine e alzare muri. Lei che dietro a un muro era finita e che l’Europa ha accolto, per amore sì, ma del mercato.


Il Cristo Re di Swiebodzin (Keystone)

Lo scorso weekend un gruppo di civili armati ha formato un commando per pattugliare la frontiera, come se dall’altra parte ci fosse l’Armata Rossa. C’erano famiglie di disperati, persone per cui non sembra esserci posto in una nazione con 38 milioni di abitanti. Certo, Giovanni Paolo II, figlio della cattolicissima Polonia, tra le tante cose che ha detto – e spesso si contraddicono (vale per noi e pure per i papi) – ha detto anche questo: “Bisogna esercitare il controllo dei flussi migratori in considerazione delle esigenze del bene comune. L’accoglienza deve realizzarsi nel rispetto delle leggi e salvaguardare il patrimonio culturale proprio di ogni nazione”. Messa così sembra un discorso di Orbán.

Eppure era lo stesso Papa che, quando parlava dei polacchi intrappolati dietro la Cortina di ferro, diceva “non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte a Cristo! Alla sua salvatrice potestà aprite i confini degli Stati, i sistemi economici come quelli politici... non abbiate paura! Cristo sa cosa è dentro l’uomo. Solo Lui lo sa!”. Ecco, magari non solo Lui, di sicuro non il governo polacco né l’Unione europea, che riceve premi Nobel e consegna premi Sacharov, pulendosi la coscienza come quei mafiosi che usano il confessionale come una lavanderia per sciacquarsi via il sangue dall’anima.

L’Europa, per quel che rappresenta, ha il dovere di risolvere questa crisi umanitaria. Così come la Svizzera, che invece nega la naturalizzazione a un capoverdiano per un parabrezza sbrinato male e finora ha detto sì a tre richieste di asilo politico sulle quasi ottomila arrivate dall’Afghanistan. Evidentemente, questa volta Cristo si è fermato a Swiebodzin, a contemplare una statua con una corona d’oro che gli somiglia poco e una cattolicissima Polonia che non gli somiglia per niente.


Le forze di polizia polacche dietro al filo spinato (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
6 ore
Putin e l’effetto boomerang
Cremlino rassegnato all’allargamento dell’Alleanza atlantica a Svezia e Finlandia. E l’Ucraina ora è dotata di armi pesanti occidentali
sguardo a nord
1 gior
I bastian contrari
Commento
1 gior
È tornato il Wef di lotta e di governo
Dalle tematiche care ai ‘no-global’ fino alle proposte per riformare un sistema economico che ha mostrato tutti i suoi limiti
il commento
2 gior
Putin e l’arma della grande fame
Bloccare il grano e le navi che lo trasportano, affamando l’Ucraina e le nazioni sottosviluppate. Così Mosca prova a far svoltare la guerra in suo favore
Commento
4 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
4 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
5 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
5 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
6 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
6 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
© Regiopress, All rights reserved