laRegione
il-nicaragua-daniel-ortega-e-la-grande-farsa
Una donna mostra il volto di Ortega con la scritta “assassino” (Keystone)
laR
 
08.11.21 - 05:30
Aggiornamento: 08:44
di Roberto Antonini, giornalista Rsi

Il Nicaragua, Daniel Ortega e la grande farsa

Avversari imprigionati e vittoria scontata per l’ex leader sandinista che un tempo riaccese la speranza di un Paese piu democratico e giusto

Il Nicaragua è un piccolo Paese ininfluente nel contesto internazionale. Se le elezioni svoltesi ieri (di cui, mentre scriviamo, possiamo dar per certo l’esito) suscitano tanto clamore e scandalo non è certamente per il suo peso specifico. A dare visibilità alla grande farsa elettorale, è la forte carica simbolica che ha assunto il movimento sandinista a partire dagli anni 70 del secolo scorso nella lotta contro una delle tante dittature foraggiate da Washington, quella che ha visto al potere a Managua per 40 anni i satrapi della famiglia Somoza.

Il trionfo dei guerriglieri nel 1979 non poteva non far correre il pensiero a quello mitico dei barbudos cubani ottenuta 20 anni prima contro un altro famigerato “caudillo”, Fulgencio Batista. La vittoria di chi si richiamava agli ideali di Augusto Sandino, l’eroe patriota assassinato nel 1934, sembrava dover aprire la strada allo Stato di diritto, alla riforma agraria, alla giustizia, alla sanità per tutti. Il Nicaragua era così assurto a simbolo della rivalsa dei diseredati contro i soprusi dei latifondisti, e dei padroni del potere autocratico. Emblema della sinistra terzomondista, spina nel fianco del gigante americano che nel suo giardino di casa latinoamericano tentava di soffocare con i mezzi più spietati le ribellioni democratiche.


Ortega con la moglie Rosario Murillo (Keystone)

Oggi, con un grottesco quanto non così raro paradosso della storia, l’ex capo guerrigliero Daniel Ortega veste gli abiti del dittatore. Sarà rieletto per la quarta volta consecutiva, dopo aver fatto arrestare tutti i suoi principali oppositori: giornalisti, imprenditori, ex compagni nonché tutti i sette principali candidati dell’opposizione, tra cui la favorita Cristina Chamorro, figlia di Violeta Barrios de Chamorro, eletta presidente nel 1990. Ortega, che compirà fra qualche giorno 76 anni, non avrebbe avuto nessuna chance di farcela, ma la repressione e la legge liberticida che ha spedito dietro alle sbarre centinaia di avversari e in esilio oltre 100mila nicaraguensi, farà rimanere nel palazzo presidenziale ancora a lungo l’autocrate in compagnia della moglie, Rosario Murillo, “chamuca”, la strega come l’hanno battezzata gli avversari. La vicepresidente e portavoce del regime, seguace di correnti cristiane esoteriche, cerca quotidianamente all’ora del pranzo di imbonire la popolazione a colpi di programmi radio-televisivi in cui commenta i Salmi biblici con toni non proprio metafisici: “Con la fuerza del amor de Dios venceremos compañeros: nuestro comandante Daniel nos abraza a todos y todas”. La “poetessa” si era schierata con il marito quando la figlia lo aveva accusato di stupro, prima di giustificare il massacro di 330 manifestanti tre anni fa.

Rosario Murillo è l’alter ego di un dittatore senile e spento, con il quale forma una patetica coppia di autocrati che ci ricorda quanto alto sia il rischio che le rivoluzioni democratiche possano insabbiarsi e sfociare in nuove dittature. Alle elezioni non ha assistito nessun osservatore internazionale: presenti invece al circo elettorale inscenato dalla “dittatura Ortega”, come segnala il New York Times, compagni dei partiti comunisti spagnolo, cileno o argentino per “osservare e apprezzare” (sic) il processo elettorale. Si consuma così, con una mesta burla, il definitivo tramonto di quel sogno di democrazia e libertà che aveva ammantato per anni con grandi speranze quel piccolo Paese d’America Latina.


Magliette in vendita con la coppia presidenziale (Keystone)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
america daniel ortega elezioni nicaragua rosario murillo sandinista
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
15 ore
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
2 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
3 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
4 gior
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
5 gior
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
6 gior
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
il commento
1 sett
Il Covid muta, la Cina no
Su Science i dati che mostrano come la pandemia sia nata nei mercati di Wuhan, ma a Pechino – dove tutto tace – nessuno vuole cambiare regole e abitudini
Commento
1 sett
Basta un complimento alla ragazza sbagliata e parte la rissa
Settecento procedimenti penali contro minorenni nei primi sei mesi dell’anno è un record. I nuovi volti della violenza giovanile
Commento
1 sett
Quando ‘le mie cose’ ci imponevano i calzoncini
Il ciclo mestruale pare sdoganato dalla recente presa di posizione di alcune sportive preoccupate dal bianco delle loro divise
Commento
1 sett
La Restaurazione dei Gelsomini
Il presidente Saïed ha messo fuori gioco tutti gli avversari politici e ha imposto una Costituzione che cancella la Rivoluzione del 2011
© Regiopress, All rights reserved