laRegione
19.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 15:20

Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine

Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile

salvini-e-gli-effetti-del-mojito-a-lungo-termine
Selfie per Salvini al Papeete Beach (Keystone)

Tutta la destra complottista italiana passa un sacco di tempo a indagare su cosa ci sia dentro ai vaccini, dietro a Big Pharma, attorno a Bill Gates, sopra a Mario Draghi, sotto la politica del Green Pass e nemmeno uno che si sia preso la briga di controllare il mistero più misterioso di tutti: e cioè cosa diavolo contenesse il mojito del Papeete, quello che Matteo Salvini ha tracannato due estati fa pensando di brindare in anticipo alla sua scalata a presidente del Consiglio, rivelatosi invece una specie di indigesta pozione magica al contrario.

All’epoca volava nei sondaggi, appariva in tv praticamente a reti unificate, commentava gli sbarchi, i fondi europei e il Milan, rischiando di confondere Gigi Donnarumma con Carola Rackete, era contemporaneamente a Lampedusa, a Roma, a Milano, a Bibbiano, in discoteca, in fabbrica e in chiesa, tutto talmente a rotta di collo che rischiava di presentarsi con la chiave inglese in pista, il crocifisso in catena di montaggio e il long drink al confessionale. Calpestava avversari politici, irrideva i nemici e quando non ne trovava li inventava, bastava mandare avanti la sua macchina del fango social - la Bestia di Luca Morisi - a rovistare nelle pagine delle cronache locali, lì un povero cristo col passaporto sbagliato beccato a rubare polli si trova sempre. Poi, parlava, col megafono o dal citofono importava poco e cambiava niente: un trionfo.


Salvini a Cernobbio con il pollice in su (Facebook)

Gli altri inseguivano senza capire, arrancavano: potevano dire insensatezze o genialate, attaccarlo o copiarlo, lui sembrava invulnerabile. C’è stato un momento in cui Salvini, come certi scrittori e cantautori osannati acriticamente ma senza più un briciolo di genio, avrebbe potuto fare o dire qualsiasi cosa, declamare Shakespeare in dialetto o rotolarsi nel fango in diretta tv: funzionava.

Il mojito è stato il suo spartiacque, il suo tuffo di Obelix nel calderone di Panoramix: da quel momento non si torna indietro.

Nell’agosto del 2019 si presenta a Pescara chiedendo di essere eletto per salvare il Paese. Si era fatto i conti, non si sa dopo quanti mojiti, e si era convinto di arrivare ad avere la maggioranza in Parlamento senza aver bisogno di nessuno, se non degli alleati più a destra di lui. Il giorno della sfiducia in Parlamento lo sbranarono tutti, Conte lo mise a posto come fa il maestro con l’asino della classe, che incassa e si limita a fare le facce buffe.


Conte vs Salvini il giorno della sfiducia in Parlamento (Keystone)

Nasce un nuovo governo M5S-Pd, senza la Lega. Stare all’opposizione poteva essere il jolly nelle sue mani che gli permetteva di criticare un esecutivo certo non solidissimo. Ma è arrivata la pandemia che ha messo al centro urgenze che hanno oscurato i suoi cavalli di battaglia: spariti i migranti, sparito il tema tasse, soppiantato dagli aiuti economici, sparito lui. Quando il governo Conte vacilla, Salvini si frega le mani, ma fregano lui.

Arriva - a sorpresa - Draghi: non un supereroe (anche se tanti hanno provato a descriverlo così), di sicuro, però, ha una corazza tale che tutte le frecce scoccate da Salvini sono tornate indietro come boomerang. Il leader della Lega, pur di rimanere a galla si allea con l’area no vax-no pass, una minoranza rumorosa, coesa, ma capace di allontanare l’elettorato moderato. Infine vede il suo mago dei social finire dentro a un’inchiesta per droga. Sbanda, sbaglia tempi, temi, modi, candidati. Straperde le elezioni.

Gli effetti del mojito a lungo termine.


Il leader della Lega on la maglia Salvini Premier (Keystone)

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
IL COMMENTO
54 min
La Camera dei Lord dentro di te
Il leader laburista britannico Starmer ha promesso che se vincerà le prossime elezioni abolirà la Camera Alta
IL COMMENTO
1 gior
A Palazzo federale trionfa la concordanza. E la maggioranza
L’armonia ha regnato nel rinnovo parziale del Consiglio federale. Ma nella ripartizione dei dipartimenti si è imposta (senza voto) la maggioranza Udc/Plr
IL COMMENTO
2 gior
Un film brutto e già visto
Una Svizzera priva di carattere viene umiliata (6-1) ed eliminata agli ottavi di finale dal Portogallo
IL COMMENTO
4 gior
Animali politici am(m)aliati dall’ambizione
Dopo aver capito da che parte gira il vento con ‘Avanti’, il presidente del Plrt Speziali si è tuffato sulla sua preda: il seggio socialista in governo
IL COMMENTO
5 gior
Granit Xhaka non ha perso la testa
Lo sapevamo tutti che per il ragazzo dalle origini kosovare quella contro la Serbia non è mai una partita qualsiasi
IL COMMENTO
1 sett
Il Covid a Sementina. E nelle altre case anziani del Ticino
Solo i vertici della struttura bellinzonese sono stati rivoltati come un calzino: manca un’analisi generale di quanto accaduto altrove
IL COMMENTO
1 sett
Ischia: lo scempio, i condoni, il disastro
La tragedia di Casamicciola è l’ennesima disgrazia frutto di anni di devastazione del territorio italiano a colpi di abusi edilizi e successivi condoni
IL COMMENTO
1 sett
Materiale infiammabile
I ricordi della sfida fra Svizzera e Serbia del 2018 a Kaliningrad sono ancora freschissimi, su entrambi i fronti
IL COMMENTO
1 sett
Imposta di circolazione, dalla confusione al circo
Il pessimo spettacolo della politica: incapace di trovare un’intesa, ma capace di alimentare confusione. E poi chissà perché le urne vengono disertate...
IL COMMENTO
1 sett
Basso Mendrisiotto, il coraggio di osare
Mentre le istituzioni comunali tentennano, a rompere gli indugi sull’aggregazione è un gruppo di cittadini di Balerna
© Regiopress, All rights reserved