laRegione
Ambrì
2
Langnau
6
2. tempo
(2-1 : 0-5)
Lakers
5
Zurigo
3
3. tempo
(2-1 : 3-1 : 0-1)
La Chaux de Fonds
6
Ticino Rockets
0
2. tempo
(1-0 : 5-0)
Kloten
5
GCK Lions
2
3. tempo
(2-0 : 2-1 : 1-1)
Visp
2
Zugo Academy
2
2. tempo
(1-2 : 1-0)
Olten
5
Winterthur
0
3. tempo
(0-0 : 2-0 : 3-0)
Turgovia
0
Sierre
1
2. tempo
(0-1 : 0-0)
il-vistoso-fascismo-che-non-esiste
Una manifestazione “no green pass” a Roma (Keystone)
il commento
 
18.10.21 - 05:300
Aggiornamento : 08:46

Il vistoso fascismo che non esiste

Al posto di abolirli tutti, come chiedono sinistra e sindacati italiani, si potrebbe cominciare con quello che occupa i palchi dei “no vax no pass”

Affermi, in Italia, che c’è “un fascismo da mettere fuori legge”, e subito impazienti si alzano occhi al cielo, le espressioni del volto diventano bruscamente corrucciate, professori di chiara fama dissentono e in sostanza ti spiegano: la Costituzione vieta sì “la riorganizzazione del disciolto partito fascista”, ma che per arrivare a tanto deve indiscutibilmente riproporsi come struttura fotocopia di quella mussoliniana, acquisirne pubblicamente linguaggio metodi e finalità, e ancora non basterebbe se non vi fosse palese e pianificata violazione della legge.

Altrimenti come si spiegherebbe, concludono brillantemente e furbescamente, che Berlinguer e Almirante avessero frequenti dialoghi privati? E che gli eredi dei repubblichini di Salò, eredi dunque dei volonterosi collaboratori dell’occupazione e della vendetta nazista durante la guerra di liberazione partigiana, non fossero stati messi al bando, loro e i loro gagliardetti con fiamma tricolore?

Per la verità, l’articolo 48, nel fissare quel divieto di ricostituzione del partito fascista, aggiunge opportunamente: “Sotto qualsiasi forma”. Chiaro, netto, definitivo. Ciononostante, i pensosi distinguo hanno continuato a incorniciare in settimana le discussioni sull’opportunità e la possibilità legale di mettere fuorilegge gli squadristi di Forza Nuova, guidati dal pacioso e scaltro ducetto Roberto Fiore, che mentre i suoi sfondavano l’entrata del palazzo del sindacato Cgil, e ne devastavano i locali, passeggiava tranquillamente davanti all’edificio, silenzioso e senza dare ordini, come uno passato lì per caso.

Trentacinque anni fa un giudice di grande coraggio, e lasciato solo, Vittorio Occorsio, pagò con la vita l’inchiesta che portò alla messa al bando di Avanguardia Nazionale e Ordine Nuovo, perché provato era il loro legame col terrorismo nero. Poi, nei decenni successivi, tutto fu “normale”: da CasaPound ai Nar, appunto, a Forza Nuova e ad altri gruppuscoli dell’estrema destra radicale. Normali i loro slogan e le parole d’ordine fasciste, normali i saluti romani, normali un po’ di pestaggi anche contro le coppie gay, normali i numerosi infami graffiti antisemiti sui muri romani, normali le curve da stadio coi loro cori razzisti e la foto di Anna Frank per insultare i tifosi rivali etichettati come ‘ebrei’, normali le analisi di chi sostiene che tutto sommato “sono soltanto quattro gatti con scarso appeal elettorale”. E naturalmente ‘normale’ l’annoso intreccio fra parte dei Servizi deviati e stragisti neri, anche quelli finiti nel dimenticatoio della Storia recente.

Che se fosse così vero, la post-fascista Giorgia Meloni non se ne sarebbe uscita con l’incredibile affermazione che degli assalitori della Cgil “non si conosce la matrice politica” e con la tenace resistenza ad ammettere che alcuni suoi candidati quella parte di popolo la corteggia, cerca l’appoggio dei suoi sguaiati rappresentanti, non si preoccupa di essere a sua volta contaminata e usata. Stessa storia per la Lega di Salvini.

Ora sinistra e sindacati chiedono lo scioglimento di ‘tutti i fascismi’. In nome del politically correct? Che comincino col bandirne almeno uno. Che occupa i palchi dei ‘no vax-no pass’. Mica fascisti. Eppure plaudenti.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
16 ore
Con quante ‘G’ si scrive ‘sicurezza all’interno dello stadio’?
Che tipo di certificato applicare sulle piste di hockey? La Lega ha dato mandato ai Ceo dei vari club di chinarsi sulla questione
Commento
1 gior
Ucraina, il nuovo teatro del conflitto Est-Ovest
Le velleità neo-imperiali di Putin da un lato, la necessità di riscatto (dopo il rovescio afghano) della superpotenza americana dall’altro
Commento
3 gior
Qatar 2022, lo spettacolo deve continuare
La Giso ha detto qualcosa di sinistra: ha invitato la federazione di calcio a disertare i Mondiali, in protesta contro le condizioni di lavoro inumane
Commento
3 gior
Angela Merkel, il punk e i fantasmi del Terzo Reich
La cancelliera uscente sceglie Nina Hagen per l’addio, ma si ritrova dentro una parata militare dal sapore troppo retrò. Forse sarebbe meglio smetterla
Commento
4 gior
Annusare invece di sprecare
Mentre 675mila persone sono povere in Svizzera si gettano via quasi 3 milioni di tonnellate di cibo commestibile. Una follia tutta elvetica
Commento
5 gior
Non c’è bisogno di dichiarare guerra al Natale
No, l’Unione europea non ha messo fuori legge il Natale. Ha solo ricordato a tutti che viviamo in una società sempre più complessa e sempre meno religiosa
Commento
6 gior
Il brusco risveglio nella storia infinita
Déjà vu: dopo aver temporeggiato ora Berna si dice pronta ad adottare nuove misure per contenere la diffusione del virus
Commento
6 gior
Il discorso di candidatura di Zemmour, con de Gaulle e Brassens
Il candidato dell’ultradestra lancia la corsa all’Eliseo con un pippone nel quale infila tutte le vecchie glorie francesi, tra nostalgia e razzismo
Commento
1 sett
La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista
Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
1 sett
Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù
Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile