laRegione
BOS Bruins
1
Detroit Red Wings
2
fine
(0-0 : 0-1 : 1-1)
FLO Panthers
5
WAS Capitals
4
fine
(1-2 : 0-2 : 4-0)
NJ Devils
2
SJ Sharks
5
fine
(0-1 : 0-3 : 2-1)
MIN Wild
5
ARI Coyotes
2
3. tempo
(1-1 : 3-0 : 1-1)
NAS Predators
5
COB Jackets
0
2. tempo
(3-0 : 2-0)
STL Blues
3
TB Lightning
3
3. tempo
(0-3 : 2-0 : 1-0)
DAL Stars
2
CAR Hurricanes
0
2. tempo
(1-0 : 1-0)
LA Kings
ANA Ducks
04:30
 
il-giovane-holden-il-ticino-club-e-allora-le-foibe
(Keystone)
Commento
 
16.10.21 - 05:300

Il giovane Holden, il Ticino Club e ‘allora le foibe?’

Molino, lavoro, TiSin: a ogni casino che scoppia in questo cantone, i responsabili rispondono parlando d’altro

“Il guaio è che a me piace, quando la gente va fuori tema”. Il giovane Holden amava chi inizia a parlare della fattoria di famiglia nel Vermont e poi, “tutt’a un tratto, si mette a parlare di quella lettera che suo zio aveva scritto a sua madre, e che suo zio aveva avuto la poliomielite e via discorrendo”. Il personaggio di Salinger sarebbe senz’altro incantato dal dibattito politico ticinese, nel quale la digressione è divenuta un’arte. Per dire: tiri giù un centro sociale pieno d’amianto nel cuore della notte, ma ti metti a parlare delle scritte sui muri dei molinari. Spari proiettili di gomma addosso ai giovani, però la questione centrale diventa il volume della musica. Hai un problema di sviluppo economico insostenibile – perché attrai aziende fiscalmente corsare e settori a scarso valore aggiunto – e discuti di Mister demografia e nuovi sgravi.

Ma il capolavoro assoluto di fuori tema, il triplo carpiato della supercazzola lo stiamo vedendo con la storia di TiSin. In questo caso, il problema centrale dovrebbe essere chiaro: c’è un finto sindacato che firma finti contratti collettivi per fregare lavoratori veri; in cima al finto sindacato siedono politici di quella Lega che pure ha approvato la nuova legge sul salario minimo, la stessa che ora si cerca di aggirare; in più i lavoratori coinvolti sono frontalieri, persone delle quali via Monte Boglia – sede anche del ‘sindacato’ – spergiura da eoni di volersi liberare.

Una figuraccia del genere è talmente grossa che per schivarla il solito diversivo non basta, ci vuole del genio. Qui la digressione deve farsi multipla, ardita, a tratti dadaista. Ecco allora che prima di tutto ci si è mobilitati per screditare la legge sul salario minimo: gente che fino a ieri indossava tutta impettita il distintivo legge-e-ordine ora ti spiega che beh, insomma, è una legge disastrosa e qualcosa bisognava pur fare. Anche se quel qualcosa è aggirarla, anche se ad aggirarla è chi le leggi le fa. Poi sono partite le operazioni simpatia a reti unificate, per far vedere il lato pacioccone di quelli beccati con le mani nella marmellata. Infine si è scelto di screditare i sindacati veri, accusati di essere troppo ricchi e perfino di fungere da “protettorato del frontalierato” (e no, non l’ha scritto il Mattino). Ci manca solo “e allora le foibe?”.

Va detto che la tecnica funziona, complice la tumida prosa di chi mette insieme piazze No Vax e manifestazioni sindacali, leghismo di risulta, finto liberalismo da padronazzi e franchismo da apericena. La palla è finita in tribuna così alla svelta che quasi nessuno guarda più la vera partita: quella in cui a giocarsi la faccia sono i populisti nostrani, i loro rappresentanti in Gran Consiglio, ma anche coloro che per tornaconto o quieto vivere gli tengono bordone. Intanto i responsabili di questo pasticcio – protetti dagli scudi di Teflon dei loro opliti – si lasciano scivolare addosso i dubbi, le critiche, il surreale casino istituzionale che loro stessi hanno creato. Senza rispondere a nessuno, perché se la prima regola del Fight Club è “non parlare mai del Fight Club”, quella del Ticino Club è “parliamo d’altro”.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
22 ore
La variante Omicron e il nostro egoismo autolesionista
Le nuove mutazioni dipendono anche dal fatto che il virus continua a circolare liberamente nei Paesi dove non si ha accesso al vaccino
La formica rossa
1 gior
Non gioco più, vado a casa: l’ultradestra piangina e la tivù
Invece di affrontare a viso aperto i risultati delle votazioni dopo mesi di scempiaggini sul Covid, l’Udc si nega alla Rsi
Commento
1 gior
Legge Covid, un assist che il governo ora deve saper cogliere
Il Consiglio federale esce rafforzato dal secondo, chiaro ‘sì’ alle urne. Ma adesso deve agire con maggior risolutezza per contrastare la pandemia
Commento
1 gior
Polo sportivo a Lugano, arriva anche l’assist dei cittadini
Il progetto supera, con un certo agio, lo scoglio del referendum. Iniezione di fiducia per il Municipio che ha segnato la rete decisiva
Commento
3 gior
Lezione di democrazia made in Usa
Kyle Rittenhouse è stato prosciolto dalla giuria del Wisconsin, che considera l’autodifesa più legittima del diritto di non morire crivellato
Commento
3 gior
Una certa simpatia per rettori e referendum
È arduo identificare una gerarchia: come salvaguardare la salute della democrazia senza proteggere quella dei cittadini?
LA TRAVE NELL’OCCHIO
4 gior
La normalizzazione dell’indecenza
Nei dizionari aggiornati trovate un termine ritornato di moda: cachistocrazia, ossia “governo dei peggiori e dei mediocri”
Commento
4 gior
Rete Uno: trattateci come esseri intelligenti, vi prego
Raramente mi deprimo e raramente inizio di malumore una giornata. Ma da una decina di giorni, ascoltando Rete Uno, mi capita ogni giorno
Commento
4 gior
Prepariamoci al ‘Long Covid’ delle fantasie di complotto
Quella dei complottisti è una minoranza, tuttavia il seguito è ampio: quali le conseguenze di una diffusa sfiducia nella scienza e nella politica?
Commento
5 gior
La diplomazia del ping Peng
Cina vs Usa: l’affare Peng Shuai, le Olimpiadi di Pechino, i 50 anni dal disgelo creato attorno al tennistavolo. Le vecchie strategie di due vecchi nemici
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile