laRegione
09.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 11.10.21 - 15:13

La doppia morale di San Saviano da Facebook

Il recente blackout dei social ha portato tanti a criticare le piattaforme sulle piattaforme stesse, generando paradossali cortocircuiti

la-doppia-morale-di-san-saviano-da-facebook
Roberto Saviano, giornalista e scrittore

“Ieri per ore l’infernale chat è andata giù. E con lei, per ore, Instagram e Facebook immoti”. Immoti. Parbleu.

A descrivere un blackout di poche ore dei social (nemmeno tutti) come se fosse la Commedia di Dante (senza essere Dante) è Roberto Saviano, che – nel suo stile perennemente in trincea, che si parli di narcotrafficanti o di Teletubbies – ha confuso meno di mezza giornata in cui ci si poteva per una volta dedicare ad altro, o anche solo telefonarsi, con l’Apocalisse.

La sua filippica contro i social è proseguita con una sequela di parolacce che più che lo sfogo di uno scrittore sembra il liberatorio “cacca-cacca-cacca” dei bambini quando scoprono il turpiloquio: “Qualche influencer avrà scritto meno stronzate”, “Questi social di merda”, due volte, a ribadire il concetto, come se fosse una lezione di fisica, non uno sfogo da quattro soldi a uso e consumo dei gonzi che vogliono sentirsi dire da una penna famosa quel che sanno anche i muri, ovvero: i social hanno troppo spazio nelle nostre vite.

Dimenticando una piccola cosa: siamo noi a permetterglielo, e nessuno è costretto a rimanerci, tantomeno Saviano, che riesce – tra parolacce e termini da paraguerriglia paraletteraria (“sono consapevole carne d’algoritmo, parte attiva del barnum dei social…”) – a essere ugualmente sgradevole sia quando prova a volare alto che quando prova a strisciare ad altezza bisognino.

Come altri non ha voluto risparmiarci la critica usa e getta dei social sui social, intuendo perlomeno il disagio di chi sta facendo pipì controvento (lui scriverebbe “piscio” che fa più “Full Metal Jacket”) e provando tragicomicamente a scusarsi per essere lì, tirando fuori esempi da conversazione in ascensore: “Vorrei non comprare al supermarket, ma è lì che devi andare per comodità e convenienza; vorrei non toccare il denaro, ma è con quello che si vive; vorrei andare in calesse, ma è con l’aereo che si arriva in tempo”.

A lezione di cerchiobottismo

Saviano ci dice che vuole andare in calesse e poi le “stronzate” le scrivono gli influencer. E continua: “Basterebbe non accedere a Facebook”. Appunto. Ma “ormai per lavoro e militanza civile, su spinta della vita sei in questi luoghi necessariamente e con l’ingenua utopia di poterli persino cambiare (un’illusione bambinesca)”.

Chi mai avrà il coraggio di rinfacciarti che sei sui social se lo fai per cambiarli, campare e aiutare agli altri? Dice anche che vorrebbe rinunciare al petrolio, ma non può perché è ovunque, anche “nei dentifrici” (ma che dentifricio usa Saviano?).

Insomma, “scegliere a questo mondo è raramente davvero possibile” dicono la casalinga di Voghera al mercato e lo scrittore napoletano su Facebook, che per riequilibrare le cose – non fosse mai che Zuckerberg o chi compra i suoi libri se ne abbiano a male – dà una bella lezione di cerchiobottismo: “Sono in grado anche di vedere il bello della mia comunità”. Insomma, Saviano ci ricorda che c’è del bello anche su Facebook: è lui, la sua comunità.

Va a capo e scrive: “Non trascuro l’incredibile potenziale”. No, non lo trascura, infatti le due immagini del profilo e gli aggiornamenti post-blackout sono tutti per promuovere il suo prossimo libro. Niente di male, per carità. Non è il primo, non sarà l’ultimo. Gli affari sono affari.

San Saviano conclude dicendo che “è stato meraviglioso star senza questi social di merda”, non accorgendosi che il guaio non è tanto starci attaccati o lontani, ma tornare e trovare post così. In fin dei conti il vero problema non è Facebook, ma quelli che scambiano i social con la vita reale, un autore di un fortunato e coraggioso libro per un intellettuale.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
8 ore
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
1 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
2 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
4 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
5 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
6 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
© Regiopress, All rights reserved