laRegione
laR
 
08.10.21 - 05:30
Aggiornamento: 09:50

Lugano, tandem Foletti-Badaracco: sia davvero una svolta

Pur legittima la candidatura di Quadri, appare sensata la decisione della maggioranza del Municipio sul vicesindacato. Si rifletta ora in azioni concrete.

lugano-tandem-foletti-badaracco-sia-davvero-una-svolta
Michele Foletti e Roberto Badaracco: i nuovi sindaco e vicesindaco di Lugano (Ti-Press)

Un primo passo per abbassare i toni e allentare le tensioni. La scelta di Roberto Badaracco, esponente del Plr, quale vicesindaco di Lugano va letta così. Annacquata dalla polemica innescata dall’insoddisfazione di Lorenzo Quadri per la sconfitta della propria candidatura, la questione è infatti diventata molto più di quel che è nella realtà dei fatti. Una nomina che in altri tempi avrebbe meritato lo spazio di un ‘fototesto’, come si dice in gergo giornalistico, ha invece assunto i contorni di evento simbolico che nelle intenzioni deve rilanciare l’incrinato rapporto fra Municipio e Consiglio comunale e, per estensione, fra esecutivo e cittadinanza in generale.

Quadri: candidatura legittima, contesto avverso

Lorenzo Quadri ha fatto bene a proporre la propria candidatura: i numeri li aveva. Inoltre, da municipale ha dimostrato in più occasioni di saper svolgere il compito richiesto dalla carica facendosi portavoce di iniziative non proprio in linea con il suo credo politico e parlando alla cittadinanza con toni decisamente diversi rispetto a quelli ai quali ci ha abituati sul ‘Mattino della domenica’. Proprio questi ultimi però, cornice di contenuti frequentemente espressione della destra più radicale, hanno reso fin da subito la sua candidatura invisa a larghi settori della politica luganese, in questo particolare momento storico. Lugano per alcuni mesi ha effettivamente avuto un sindaco e un vicesindaco leghisti. Marco Borradori e Michele Foletti erano però, pur nelle loro differenze, entrambi appartenenti all’ala più moderata e istituzionale del movimento. Le posizioni e i toni del Quadri extra-istituzioni lo hanno invece reso per molti un candidato inadatto a ricoprire la carica di rappresentanza del vicesindaco della più grande città del cantone.

Badaracco: profilo giusto, attese elevate

Per quanto l’opzione Quadri fosse senza dubbio legittima, la scelta di Badaracco appare d’altra parte ragionata e finalmente di buonsenso politico. Discreto e moderato, il municipale ha alle spalle una lunga gavetta. La sua è una politica fatta di presenza costante sul territorio, orientata più al pragmatismo che ai grandi proclami, e per nulla urlata. Caratteristiche un po’ da ‘vecchia scuola’ e che in altri contesti possono risultare piuttosto dei difetti, ma che appaiono invece azzeccate per la Lugano di oggi. Tutt’altro che un rivoluzionario, il capodicastero Cultura, sport ed eventi, ha dimostrato infatti capacità di ascolto, di confronto, di accettazione delle critiche e di messa in discussione. Doti imprescindibili per un buon municipale, a maggior ragione per un liberale-radicale. Le aspettative sono elevate.

La decisione presa a maggioranza può segnare quindi da un lato l’inizio di un nuovo equilibrio politico, in questa legislatura partita con una serie di passi falsi compiuti dall’esecutivo, e dall’altro porre finalmente termine a questo clima da campagna elettorale iniziato quasi due anni fa con le tensioni interne a Plr e Ppd e proseguito di fatto anche dopo le elezioni comunali di aprile. Perché ciò succeda, è importante che questo «primo passo» – come l’ha definito Foletti – non sia soltanto un’operazione di maquillage: deve essere davvero un punto di svolta affinché il Municipio torni a essere il punto di riferimento per tutti e non un attore divisivo nell’agone politico.

Leggi anche:

Badaracco vicesindaco di Lugano, Quadri: ‘Ricatto del Plr’

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
il commento
31 min
Quel generale senza volto
Arriva l’inverno, con tutti i sottintesi e il peso storico che ha per la Russia, soprattutto durante una guerra
IL COMMENTO
2 gior
Diplomazia in scacco in una guerra che si incancrenisce
Con l’inverno alle porte, non si vede la fine del conflitto in Ucraina. Sia Putin che Zelensky non hanno alcun interesse a sedersi al tavolo negoziale
IL COMMENTO
3 gior
L’amore non è un colpo di pistola
Non lo deve essere nemmeno l’informazione quando affronta il fenomeno della violenza sulle donne (contro cui ricorre oggi la Giornata internazionale)
IL COMMENTO
4 gior
Il centro(sinistra) di Mirante e il pragmatismo che serve al Ps
L’addio dell’economista non stupisce nessuno, ma mette i socialisti davanti al rischio di perdere consensi ed eletti in Gran Consiglio. E la destra ride
IL COMMENTO
5 gior
La realtà artefatta del Qatar
Tracciamo un bilancio dell’inizio del Mondiale dopo i primi tre giorni di partite
IL COMMENTO
5 gior
I guai di Letta (e del Pd)
La spaccatura sulla candidatura di Letizia Moratti alla Regione Lombardia ha fatto partire un nuovo giro di contestazioni contro il segretario del Pd
IL COMMENTO
1 sett
Non perdere una guerra senza vincere la pace
In Ucraina si parla di piccolissimi spiragli per un tavolo negoziale magari favorito dal ‘generale inverno’. In realtà, nulla sembra meno probabile
IL COMMENTO
1 sett
Il partito delle donne e quello degli uomini
Successione di Maurer e Sommaruga: il Ps ha affrontato la questione femminile di petto, l’Udc ha perso un’altra occasione.
IL COMMENTO
1 sett
Cantonali 2023, per Il Centro è un battesimo con nomi forti
La strategia del fu Ppd è stata quella di affidarsi a persone di esperienza capaci di raccogliere schede tra le varie anime del partito: scelta opportuna
IL COMMENTO
1 sett
Finanze cantonali, verso il pareggio e oltre
A questo punto varrebbe la pena interrogarsi sul perché dell’insistenza da parte delle forze borghesi sulla necessità di risanare dei conti già sani
© Regiopress, All rights reserved