laRegione
gli-italiani-e-la-rivoluzione-dal-divano
Finti cartelloni elettorali per le strade di Roma (Keystone)
laR
 
05.10.21 - 05:30

Gli italiani e la rivoluzione dal divano

Indolenti e lamentosi, intrappolati in un circolo vizioso che attira a sé ogni partito che cerca di andare controcorrente, appiattendo ogni proposta

Il contenuto di questo articolo è riservato agli abbonati.
Per visualizzarlo esegui il login

“Chi siamo noi?” “I calabresi!” “E cosa vogliamo?” “Cambiare tutto!” “E come lo facciamo?” “Non andando a votare! Votando sempre gli stessi! Lamentandoci!”. Così la pagina satirica calabrese ‘Lo Statale Jonico’ ha riassunto le elezioni regionali, dimostrando – se mai ce ne fosse bisogno – che in un Paese in cui la politica si è svuotata di ogni significato, solo lo sberleffo può venirti in soccorso per capirci qualcosa. Pigri, lamentosi, indolenti, abitudinari, spaventati dal cambiamento che chiedono a gran voce a chi potrebbero cambiare votando, questa è la fotografia non dei soli calabresi, ma degli italiani, quest’anno campioni d’Europa di quasi tutto e da sempre campioni mondiali di rivoluzioni dal divano.

L’affluenza ha superato di poco il cinquanta per cento e in quattro dei cinque comuni più importanti nemmeno la metà degli aventi diritto al voto si è recata alle urne. Sono numeri che hanno molto a che fare con un senso di impotenza autoinflitto in un perfetto esempio di circolo vizioso dove tutti sono colpevoli: un meccanismo che va avanti da solo come quegli esperimenti sul moto perpetuo in cui qualcuno dà una botta a una pallina e quella non si ferma più.

Dalla Lega, ai Verdi a Berlusconi: tutti quelli arrivati per scardinare il sistema ne sono stati assorbiti a tal punto da diventarne parte. Il gioco si era improvvisamente interrotto con l’arrivo sulla scena politica del Movimento 5 Stelle: la loro natura controcorrente ha agitato ma mai rotto quel fluire lento, inesorabile, gattopardesco composto da tre movimenti ormai fusi in uno solo: la campagna elettorale, il consenso dell’urna, il risultato politico. La prima è diventata permanente, il secondo superfluo (surrogato dal finto potere dei social), il terzo una scocciatura, un fastidio da incastrare tra una sagra della salsiccia o una cena gourmet (a seconda dei gusti) e una comparsata in tv (che invece piace a tutti).


Un seggio di Napoli durante il weekend elettorale (Keystone)

Se in Italia non si va più a votare forse è ora di smettere di dare la colpa alla gente e iniziare a darla a chi vuole essere votato. Un po’ come quando ogni tanto si ritira fuori la crisi del pubblico nei cinema e negli stadi, cercando colpe fuori e mai dentro: magari sono brutti i film, pessime le squadre e scomode le poltrone. Ancora è da scrivere un giallo in cui il detective chiede alla vittima agonizzante se è lui l’assassino.

Così a Milano Beppe Sala vince per inerzia in una città che sfrutta l’onda lunga della sinistra alla Draghi prima di Draghi, quella che baratta l’eskimo per un doppiopetto pur di non ritrovarsi addosso una camicia nera. Bologna e Napoli vanno a sinistra, e Torino pure, ma non troppo, non del tutto. La Calabria sceglie la destra, mentre Roma resta il vero campo di battaglia (ancora aperto, visto che si andrà al ballottaggio) tra 4 proposte che non ne facevano una: l’inconsistenza di Virginia Raggi, il cerchiobottismo furbacchione di Carlo Calenda, l’eterno ritorno di una sinistra che non solo non somiglia più a se stessa, ma è ormai così informe da non somigliare più a niente, e una destra con un candidato fiacco che prende vita solo quando Giorgia Meloni, in versione ventriloqua, gli presta la voce. Dicono tutti la stessa cosa: “votatemi”, solo che non si capisce più perché. E i risultati si vedono. Gli elettori molto meno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
1 gior
Viaggio nell’arena (flatulente) della Rai
La decisione del direttore generale della tv di Stato italiana di separare i talk show dall’informazione ha sollevato una mezza rivolta
L’ANALISI
1 gior
Non è la panacea, ma proviamoci
La Sfl ha approvato il nuovo format della Super League: 12 squadre e playoff
Commento
1 gior
Il disagio psichico e il circo Barnum dei social
Un tempo erano donne barbute e nani ad attrarre la gente nei circhi, oggi il disagio psichico esposto impietosamente attira i click degli utenti del web
Commento
2 gior
Schröder, poltrone come matrioske
I tedeschi gli chiedono di mollare i suoi incarichi russi e lui ne fa spuntare altri. Il vizio tropical-mediterraneo della sedia incollata non ha confini
Commento
3 gior
L’eterno declino degli Usa
La strage razzista di Buffalo è l’ennesimo, tragico sintomo di un Paese diviso, le cui fratture interne sono speculari alla potenza militare
Commento
3 gior
Il Vescovo di Lugano e il vasetto (vuoto) di marmellata
Il prete del Mendrisiotto, fermato ubriaco e con precedenti accuse di molestie, ci porta a riflettere sul binomio superato di misericordia e giustizia
Commento
4 gior
TiSin, la Lega e l’arte della fuga
I granconsiglieri Aldi e Bignasca abbandonano il sindacato giallo che ha cercato di aggirare la legge sul salario minimo. Eppure molti minimizzavano
Commento
5 gior
Matignon: trent’anni dopo, una donna
Donna, autorevole, di sinistra e di sensibilità ambientale: Élisabeth Borne è la nuova prima ministra francese
Commento
6 gior
Lo Stato e la diligenza del buon padre di famiglia
La retorica della destra è riuscita a fare breccia: il pareggio nei conti pubblici andrà raggiunto entro la fine del 2025
Commento
1 sett
A braccetto con Erdogan, pur di avere ragione
Siamo disposti a tutto pur di confermare le nostre tesi, perfino di accompagnarci a Erdogan che impallina i nuovi ingressi Nato per proprio tornaconto
© Regiopress, All rights reserved