laRegione
laR
 
05.10.21 - 05:30

Gli italiani e la rivoluzione dal divano

Indolenti e lamentosi, intrappolati in un circolo vizioso che attira a sé ogni partito che cerca di andare controcorrente, appiattendo ogni proposta

gli-italiani-e-la-rivoluzione-dal-divano
Finti cartelloni elettorali per le strade di Roma (Keystone)

“Chi siamo noi?” “I calabresi!” “E cosa vogliamo?” “Cambiare tutto!” “E come lo facciamo?” “Non andando a votare! Votando sempre gli stessi! Lamentandoci!”. Così la pagina satirica calabrese ‘Lo Statale Jonico’ ha riassunto le elezioni regionali, dimostrando – se mai ce ne fosse bisogno – che in un Paese in cui la politica si è svuotata di ogni significato, solo lo sberleffo può venirti in soccorso per capirci qualcosa. Pigri, lamentosi, indolenti, abitudinari, spaventati dal cambiamento che chiedono a gran voce a chi potrebbero cambiare votando, questa è la fotografia non dei soli calabresi, ma degli italiani, quest’anno campioni d’Europa di quasi tutto e da sempre campioni mondiali di rivoluzioni dal divano.

L’affluenza ha superato di poco il cinquanta per cento e in quattro dei cinque comuni più importanti nemmeno la metà degli aventi diritto al voto si è recata alle urne. Sono numeri che hanno molto a che fare con un senso di impotenza autoinflitto in un perfetto esempio di circolo vizioso dove tutti sono colpevoli: un meccanismo che va avanti da solo come quegli esperimenti sul moto perpetuo in cui qualcuno dà una botta a una pallina e quella non si ferma più.

Dalla Lega, ai Verdi a Berlusconi: tutti quelli arrivati per scardinare il sistema ne sono stati assorbiti a tal punto da diventarne parte. Il gioco si era improvvisamente interrotto con l’arrivo sulla scena politica del Movimento 5 Stelle: la loro natura controcorrente ha agitato ma mai rotto quel fluire lento, inesorabile, gattopardesco composto da tre movimenti ormai fusi in uno solo: la campagna elettorale, il consenso dell’urna, il risultato politico. La prima è diventata permanente, il secondo superfluo (surrogato dal finto potere dei social), il terzo una scocciatura, un fastidio da incastrare tra una sagra della salsiccia o una cena gourmet (a seconda dei gusti) e una comparsata in tv (che invece piace a tutti).


Un seggio di Napoli durante il weekend elettorale (Keystone)

Se in Italia non si va più a votare forse è ora di smettere di dare la colpa alla gente e iniziare a darla a chi vuole essere votato. Un po’ come quando ogni tanto si ritira fuori la crisi del pubblico nei cinema e negli stadi, cercando colpe fuori e mai dentro: magari sono brutti i film, pessime le squadre e scomode le poltrone. Ancora è da scrivere un giallo in cui il detective chiede alla vittima agonizzante se è lui l’assassino.

Così a Milano Beppe Sala vince per inerzia in una città che sfrutta l’onda lunga della sinistra alla Draghi prima di Draghi, quella che baratta l’eskimo per un doppiopetto pur di non ritrovarsi addosso una camicia nera. Bologna e Napoli vanno a sinistra, e Torino pure, ma non troppo, non del tutto. La Calabria sceglie la destra, mentre Roma resta il vero campo di battaglia (ancora aperto, visto che si andrà al ballottaggio) tra 4 proposte che non ne facevano una: l’inconsistenza di Virginia Raggi, il cerchiobottismo furbacchione di Carlo Calenda, l’eterno ritorno di una sinistra che non solo non somiglia più a se stessa, ma è ormai così informe da non somigliare più a niente, e una destra con un candidato fiacco che prende vita solo quando Giorgia Meloni, in versione ventriloqua, gli presta la voce. Dicono tutti la stessa cosa: “votatemi”, solo che non si capisce più perché. E i risultati si vedono. Gli elettori molto meno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
20 ore
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
1 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
2 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
4 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
5 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
6 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
© Regiopress, All rights reserved