laRegione
laR
 
30.09.21 - 05:30
Aggiornamento: 13:48

Stefan Blättler, l’accompagnatore che serve all’Mpc

Il 62enne capo della polizia cantonale bernese è stato eletto procuratore generale della Confederazione. Una buona scelta per un’istituzione fragilizzata.

stefan-blattler-l-accompagnatore-che-serve-all-mpc
Keystone
Stefan Blättler, per alcuni è l‘anti-Lauber

Stefan Blättler era a fine carriera. Una carriera senza macchia, fatta quasi per intero nella polizia cantonale bernese, di cui è apprezzato comandante dal 2006. In primavera le dimissioni. Dal 1o gennaio 2022 avrebbe dovuto dirigere l’Istituto svizzero di polizia. Poi i suoi piani sono stati scombussolati. Il posto di procuratore generale della Confederazione – dice lui – non lo ha cercato: sarebbe stata una persona della «cerchia professionale ristretta» a suggerirgli di candidarsi. E così, anziché godersi un ‘buen retiro’ professionale sulle placide rive del lago di Neuchâtel, anticamera di una meritata pensione, questo schivo 62enne si ritroverà presto su una delle poltrone più scomode della Berna federale. Sempre al centro dell’attenzione, coi riflettori dei media puntati addosso e il fiato dei politici sul collo.

Blättler parte con un capitale di fiducia immenso. Ha fatto quasi il pieno dei voti all’Assemblea federale, che ieri lo ha eletto. La Commissione giudiziaria aveva cercato ovunque il profilo ideale, per un anno intero (tre i bandi di concorso!), costellato da indiscrezioni e polemiche. Per il suo presidente, il ‘senatore’ Andrea Caroni, questo «jolly» – che era candidato unico – è la persona giusta per portare finalmente tranquillità in seno al Ministero pubblico della Confederazione (Mpc) dopo gli ultimi, turbolenti anni di Michael Lauber. «So ciò che mi attende, so che le aspettative del pubblico e del Parlamento sono molto elevate», ha dichiarato Blättler.

Le sfide non mancano. Sul piano operativo, complesse inchieste internazionali in ambiti delicati come il terrorismo, la criminalità organizzata, il riciclaggio di denaro, i crimini di guerra; su quello organizzativo, ad esempio, la deteriorata relazione con l’autorità di vigilanza. Il Parlamento ha chiesto al Consiglio federale di concretizzare lo scenario ‘status quo plus’: una Procura federale indipendente, sempre sotto il controllo di un’autorità di vigilanza a sé stante ma rafforzata. Ugualmente da approfondire è l’ipotesi di una direzione collegiale, così come quella di una ripartizione delle competenze tra Mpc e procure cantonali.

Blättler ha al massimo sei anni di tempo. Sembra essere all’altezza del compito. Ha dimostrato di saper portare avanti progetti complessi, come è stato il caso della creazione di una polizia unica per il canton Berna. Non è del mestiere (è un poliziotto, figlio d’arte peraltro): non ha mai lavorato come procuratore. Ma in quanto comandante di lungo corso di un corpo di polizia (e non di uno qualsiasi), ha consuetudine col diritto penale e di procedura penale. D’altro canto, nel suo futuro ruolo, non per forza dovrà condurre di persona delle inchieste.

Dal 1975 quattro dei suoi otto predecessori se ne sono andati più o meno contro la loro volontà. Lui sarà solo un procuratore generale di transizione? L’impressione è che possa essere più di questo. Forse non lascerà una forte impronta. Ma sembra in grado quantomeno di prendere per mano un’istituzione dalla credibilità incrinata. «Prenderò delle misure, se delle misure andranno prese», ha detto. La stessa cautela in passato gli ha fatto dire che, prima di creare nuove leggi, bisogna applicare bene quelle esistenti; e oggi lo porta a indicare nel rafforzamento della collaborazione tra le diverse istituzioni di perseguimento penale, sui piani federale e cantonale, una delle sue priorità.

Consolidare il buono che c’è, piccoli passi in nuove direzioni, senza strattoni: è quanto serve a un’istituzione fragilizzata, che ancora sconta il danno di immagine procuratole dal ‘caso Lauber’ e dalla prescrizione dell’inchiesta Fifa.

Leggi anche:

Stefan Blättler eletto procuratore generale della Confederazione

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
12 ore
Plr, la candidatura di Alessandra Gianella è un guanto di sfida
Una lista forte da parte liberale radicale è uno sprone per tutte le forze politiche, perché la crisi morde e fuori dal Palazzo i timori si moltiplicano
Commento
1 gior
Troppe segnalazioni cadute nel vuoto: serve un filo diretto
Ex direttore delle Medie arrestato e molti altri casi di disagio: perché non pensare a un numero WhatsApp per gli allievi?
Commento
1 gior
L’ingrato compito di doversi accollare i costi della crisi
Senza i milioni della Bns il Preventivo 2023 del Cantone balla male: tuttavia il contesto richiederebbe un’azione agli antipodi da parte dello Stato
Commento
2 gior
Referendum grotteschi, ‘cristallini’ esempi di democrazia
Messa in scena perfetta per un leader militarmente alle strette, dopo aver sperato di occupare la capitale nemica con un blitz di una manciata di giorni
Commento
4 gior
L’arte della supercazzola, dal Mascetti a TiSin
L’associazione padronale Ticino Manufacturing si sfila dalle sue stesse oscenità, con un comunicato piuttosto surreale
Commento
4 gior
Ueli Maurer, lo statista riluttante
Da artefice dell’ascesa dell’Udc a consigliere federale e rispettato ‘tesoriere’. Il suo ritiro chiude un cambio generazionale nel primo partito svizzero.
Commento
5 gior
Quando la bomba scoppia in mano all’artificiere
Tutti i non sentito dire dei piani alti dell’amministrazione cantonale: dall’ex funzionario del Dss al direttore di scuola media
Commento
6 gior
La rivoluzione contro il velo
Le donne in piazza con coraggio dopo la morte di Mahsa Amini, colpevole di avere un hijab messo male. Il regime però ha risposto con il pugno duro
Commento
1 sett
Cassa malati, sogno (o chimera) di un pomeriggio autunnale
L’annuncio dei premi 2023 è senz’altro un brutto risveglio. Abbondano le motivazioni che spiegano la stangata, mancano le soluzioni
Commento
1 sett
Con la candidatura di Marchesi, a destra parte la bagarre
Se il presidente Udc verrà eletto in governo, sarà a scapito di un seggio leghista. La Lega dovrà difendersi anche dagli ‘amici’, che però corrono veloce
© Regiopress, All rights reserved