laRegione
morisi-e-la-droga-dell-insulto-social
Luca Morisi e Matteo Salvini (Facebook)
28.09.21 - 05:30
Aggiornamento: 15:26

Morisi e la droga dell’insulto social

L’uomo che ha ideato la macchina del fango di Matteo Salvini cade per una storia di droga. E i social, che cavalcava come nessuno, non lo perdonano

Dante li faceva tagliare con una spada da un diavolo. Questo, nella Divina Commedia, era il destino dei seminatori di discordia, occupanti – loro malgrado – della IX bolgia dell’Inferno. In vita dividevano e per questo venivano letteralmente divisi. È la Legge del contrappasso, dove colpa e pena si somigliano e si confondono.

I secoli passano, ma il contrappasso – come la Divina Commedia – resta, cambiando forma e luoghi: nella bolgia dei social network, sono partiti (e non sono ancora finiti) insulti e sfottò per Luca Morisi: l’uomo che per anni ha offeso, deriso e irriso tutto pur di portare consensi all’uomo per cui lavorava, il leader della Lega Matteo Salvini. Fino a ieri non molti conoscevano il suo nome, pochi conoscevano il suo volto, eppure tutti ormai conoscevamo il suo modo di comunicare, paragonabile a un carro armato o meglio ancora a una di quelle auto blindate che nei film d’azione percorrono strade pericolose e trafficate a tutta velocità, travolgendo ogni cosa.

Morisi ampliava, distorceva, modificava i fatti e la realtà adattandoli alle esigenze del suo ingombrante committente: se c’era da guadagnarci mentendo su un avversario politico o sull’ultimo dei poveri cristi, si faceva. Se c’era da ingigantire un dettaglio o nascondere un elefante dietro a un dito, si faceva. E pazienza se il dettaglio era irrilevante o se l’elefante si vedeva lo stesso.


Un post Facebook di Morisi in cui Salvini imbraccia un mitra (Keystone)

Quando le cose erano più complicate e allo stesso tempo più semplici questo metodo si chiamava “macchina del fango”. Per lui non bastava più, e alla sua macchina e al suo fango hanno dato un nome preciso, come si fa con tutto quel che produce uno scarto, una differenza, nel bene e nel male: la macchina a tutta velocità guidata sui social da Morisi si chiamava la Bestia. Alternava placidi gattini e aggressioni verbali, serviva all’occorrenza rustiche colazioni alla Nutella o perfidi pasti avvelenati dal colore simile, ma di tutt’altro gusto. Nel tritacarne di Salvini e Morisi sono finiti presidenti della Camera e piccoli spacciatori di quartiere, calciatori e cooperanti rapite, cantanti e ragazzi ammazzati di botte dalle forze dell’ordine. La Bestia, in quanto tale, era onnivora. Non pasteggiava, grufolava. E quel che rigurgitava lo serviva sul carrello dei media. Funzionava. Crescevano i follower e la popolarità di Salvini, crescevano i voti della Lega.

Nei messaggi rilanciati sui social da Morisi, i ragazzi – preferibilmente stranieri – “spacciavano” droga, inchiodati a pene che la giustizia non prevede, ad allusioni che il buongusto non concede. Ora che è lui quello indagato per spaccio di droga, la droga veniva meno volgarmente “ceduta”, perché un social media manager in giacca e camicia al massimo cede, non spaccia. La lezione sta tutta lì, gli “amici” – come Salvini ha subito definito Morisi – sbagliano e vivono momenti bui, i nemici il buio lo portano dentro e se sbagliano una volta sbagliano per sempre.

I migliaia di messaggi social che ritirano fuori quella volta in cui un tronfio Salvini – a favore di telecamera – citofonò alla famiglia di un giovane finito nei guai con la droga sono la legge del contrappasso. Prego digerire i colpi bassi altrui, senza poter rispondere, stavolta. Piccole, meschine rivincite e un retrogusto amaro, inevitabile dopo aver ingurgitato tante schifezze per anni. Morisi ha talmente fatto bene il suo lavoro da aver abbassato il livello di tutto e tutti, anche di chi odiava il suo odio.


Morisi in primo piano con Salvini (Twitter)

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
citofono dante droga la bestia lega luca morisi matteo salvini social
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
7 ore
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
1 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
1 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
2 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
3 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
5 gior
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
6 gior
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
Locarno75
1 sett
Un Film Festival à la carte: comincia l’avventura
Oggi, in una rassegna, non contano solo i film, ma anche le comparse su più o meno rossi tappeti. Eppure, la selezione di quest’anno è degna di curiosità
Commento
1 sett
Neutralità non è star sopra un albero
Questo primo d’agosto, dopo stranieri e cittadini radical chic, la destra si è trovata un nuovo nemico: quelli che ‘tradiscono’ la neutralità svizzera
© Regiopress, All rights reserved