laRegione
matrimoni-riusciti-e-altri-da-ricucire
(Keystone)
laR
 
27.09.21 - 05:30
Aggiornamento: 08:26

Matrimoni riusciti e altri da ricucire

I diritti riconosciuti alle famiglie Lgbtq+ riflettono una società che cambia rapidamente sul piano dei diritti civili. Quanto a quelli sociali, mica tanto

Cinquant’anni fa, quando Charles Aznavour trovò il coraggio per cantare la struggente ‘Comme ils disent’, l’omosessualità era ancora ridotta a una caricatura volgare e sculettante: “Je suis un homme, oh!”, gridava il protagonista confinato tra la penombra della casa di mamma e quella d’un night club, rivendicando i suoi diritti con questa disperata omofonia. Nei tardi anni Novanta, tra liceali che si credevano illuminati e perfino alle fumose riunioni di parecchia sinistra, bastava apparire un po’ effeminati per essere oggetto di risolini ed epiteti irripetibili. Ancora nel 2005, quando in Svizzera si votò per le unioni domestiche registrate, il Ticino si disse contrario. Oggi, invece, è una mappa tutta verde quella che saluta il sì al matrimonio per tutti: segno che le cose sono cambiate alquanto rapidamente, almeno a guardarle dalla prospettiva lunga della storia. È bastato un paio di generazioni per smantellare le armature di genere e ripensare non solo il modo di concepire la coppia, ma anche l’idea che ci siamo fatti di famiglia.

Certo, quest’ultimo aspetto spaventa ancora una parte significativa degli svizzeri, soprattutto dei ticinesi: da noi il ‘no’ alle urne è arrivato al 47%, dieci punti sopra il dato nazionale. A preoccupare è l’accesso alla donazione del seme e, più in generale, l’idea che un bambino cresca con genitori dello stesso sesso. Timori comprensibili, se si considerano la rapidità del cambio di paradigma e la scarsa familiarità di tanti con la genitorialità omosessuale. Ma in Svizzera già 30mila bimbi hanno due papà o due mamme. La nuova legge serve anzitutto a proteggerli. Nel frattempo, quella mappa verde allontana ulteriormente la società da vecchie ubbie e pesanti discriminazioni. Epperò.

Però una cosa salta all’occhio: il fronte progressista vince solo quando si tratta di diritti civili. Per carità, è assai consolante vivere in una società dove “finocchio” e “negro” sono parole bandite non solo dal linguaggio pubblico, ma anche dalla cultura condivisa. Eppure analoghi balzi in avanti non si registrano da decenni sul fronte del lavoro, della socialità e della difesa dei ceti più fragili. Il riferimento non è solo alla bocciatura dell’iniziativa 99%, tutto sommato vaga e marginale, che il collega Stefano Guerra ha giustamente definito “solo un correttivo” alle disuguaglianze in crescita. Se guardiamo al ruolino delle ultime votazioni troviamo un riformismo sempre più afono nel difendere i diritti sociali, mentre la mitologica ‘classe operaia’ – o quel che ne è seguito – vota e decide guardando da tutt’altra parte. È quel ‘clivage’ che Thomas Piketty e altri economisti hanno rilevato nel loro ultimo studio, un’impietosa istantanea sulla solitudine della Bildungsbürgertum più ‘urbana’ e socialdemocratica.

L’impulso alla metamorfosi, al superamento di vecchi modi d’intendere la società inciampa insomma quando alla libertà si vuole affiancare l’uguaglianza: vuoi perché a quel punto si perde l’appoggio liberale, vuoi perché una parte dell’elettorato si sente cornuto e mazziato dalla ‘terza via’ imboccata per trent’anni dalla sinistra, e ora gira le spalle anche alle proposte più socialdemocratiche. È un matrimonio, questo sì, ancora tutto da ricucire.

Seleziona il tag per leggere articoli con lo stesso tema:
diritti civili matrimonio per tutti sinistra
Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
17 ore
L’ultimo apostolo del male social è Andrew Tate
Misoginia, sessismo, razzismo, omofobia, culto della violenza. I suoi contenuti incarnano il peggio della società, eppure è una webstar. Chi è?
il commento
1 gior
Bruce Springsteen ha perso la voce
Biglietti fino a 5mila dollari, i fan protestano, lui tace e manda avanti il suo manager. Eppure il Boss ci aveva insegnato la coscienza sociale
Commento
2 gior
Lugano senza Borradori, un anno dopo
La scomparsa dell’ex sindaco: un bilancio in chiaroscuro dell’operato del Municipio e uno sguardo verso i futuri appuntamenti elettorali
Commento
3 gior
Carlo Calenda, il guastatore
L’ego del nipote di uno dei maestri della commedia all’italiana rischia di consegnare l’Italia al centro-destra del trio Meloni-Salvini-Berlusconi
La formica rossa
3 gior
Aló Presidente, il richiamo ‘bolivariano’ di Alessandro Speziali
Se gli aperitivi in salsa elettorale iniziano già a metà agosto, come faremo ad arrivare ‘fit’ ad aprile 2023?
Commento
4 gior
Russia, teatro di uno scontro tra due generazioni
I 70enni, ubriachi di propaganda televisiva, appoggiano l’Operazione militare speciale. I minori di quaranta chiedono l’apertura di trattative con Kiev
Commento
5 gior
L’Ucraina e le ambiguità del Papa
Si sbloccano il viaggio a Kiev, l’incontro con Kirill e forse anche con Putin. Bergoglio doveva fugare alcuni dubbi dopo le sue dichiarazioni stonate
Commento
1 sett
È il carovita, bellezza!
La ricomposizione del potere d’acquisto dei salariati risulta auspicabile e priva di rischi: a trarne beneficio sarebbe tutta l’economia
Commento
1 sett
Orbán il sovranista e la ‘purezza razziale’
‘Non vogliamo diventare un popolo di razza mista’, ha detto l’autocrate ungherese che Meloni saluta come ‘leader dei sovranisti’
il commento
1 sett
Taiwan, sdraiata su una mina
La visita di Nancy Pelosi è la dimostrazione che ogni mossa eclatante non può far bene all’isola, eppure l’immobilità la condurrà allo stesso destino
© Regiopress, All rights reserved