laRegione
a-bordocampo-uno-scaricatore-di-porto-arrossirebbe
Spalti (Ti-Press)
Commento
20.09.21 - 05:300
Aggiornamento : 12:34

A bordocampo uno scaricatore di porto arrossirebbe

La deriva nel linguaggio e nel comportamento del tifo: sui campi di calcio crescono l’aggressività e il turpiloquio facile

“Non parlare come uno scaricatore di porto”, ci sentivamo spesso ripetere da adolescenti, magari anche solo per una minima parola fuori posto od oltre contesto... Oggi, se dovessimo visitare un qualunque scalo marittimo, anche il più rude manovale arrossirebbe di fronte a certi linguaggi che si sentono, nostro malgrado, a bordocampo. Nonni dall‘urlo facile, mamme, con birra alla mano e sigaretta nell’altra, dai toni sguaiati non solo verso il giovane e magari ancora inesperto arbitro, ma anche contro l’allenatore del figlio, reo di aver deciso un cambio sgradito alla ‘curva’. Lo si riscontra, purtroppo, sempre più, fin nelle competizioni e nei tornei della scuola calcio e degli allievi. Genitori ebbri di tifo avvelenato, padri che più che tifare per, tifano contro, fischiano, inveiscono contro il direttore di gara per ogni decisione, lanciano parolacce al giovanissimo calciatore intervenuto magari con foga, ma senza cattiveria, sull’avversario. Il loro è un pesante circo di offese, turpiloqui, scurrilità.

Passare così un sereno weekend sui campi da gioco, per chi vuole solo divertirsi, diventa sempre più un’utopia. Da qualche anno a questa parte non c’è sabato o domenica che non si registri un fatto increscioso. È come se quel rettangolo verde di gioco catalizzasse insofferenza, nervosismo, imparzialità. Un catino dove vomitare le proprie insoddisfazioni, delusioni, frustrazioni, senza minimamente pensare alla possibilità di ferire o scandalizzare quei 22 giovani calciatori che a fine partita sono i primi a dare una lezione agli adulti, avvicinando l’altra squadra per una stretta di mano o una pacca sulla spalla. Vinto o perso? Ci siamo divertiti, vorrebbero solo dire. Eppure quel tifo smisurato, glielo impedisce con scadenza ormai quotidiana. Quella nonna che si alza in piedi e grida ‘pezzo di emme’ per un fantomatico fuorigioco, che neppure il Var sarebbe stato in grado di decifrare, basisce. “Lo specchio dei tempi", ha commentato qualcuno, giustificando l’ultima rissa avvenuta sabato a Bellinzona fra l’Us Semine e l’Fc Locarno, in una società sempre più aggressiva e indisposta all’altro che fa brutto spettacolo di sé non solo fra un pallone e una rete, ma anche sui banchi, nella politica, sul posto di lavoro. Dobbiamo allora aspettarci un nuovo cazzotto, un nuovo litigio, nuova maleducazione? Forse è davvero tempo di replay per ricordare così, tornando indietro, il vero valore dello sport, una scuola di vita nel rispetto delle regole. A cominciare da tutti noi, lì a bordocampo.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince
Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
1 gior
Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)
Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior
Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco
La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
2 gior
Il San Gottardo senza i social
Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
4 gior
Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse
Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
5 gior
È giunta l’ora delle aggregazioni
Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
6 gior
Quelli col poster di Ronald Reagan
L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
6 gior
Per un salario certificato
Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett
Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente
Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
1 sett
Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine
Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile