laRegione
una-sinistra-che-fa-la-sinistra-con-tutto-cio-che-ne-consegue
Ti-Press
Commento
 
17.09.21 - 05:300
Aggiornamento : 15:40

Una sinistra che fa la sinistra, con tutto ciò che ne consegue

Il Piano di rilancio del Ps apre molti interrogativi sui fondi per finanziarlo, a partire dalla questione delle stime. Ma è un bene per il dibattito politico

Il Piano di rilancio presentato ieri dal Ps rappresenta una sinistra che fa la sinistra, con tutto ciò che ne consegue. Misure per la socialità, stop a ogni possibile sgravio fiscale, forte (eccessiva?) presenza dello Stato, un chiarissimo indirizzo di quello che per Riget e Sirica deve essere il socialismo oggi. Con due problemi non indifferenti, però. Perché se pare lapalissiano che quanto richiesto in queste ventiquattro misure andrà ridimensionato per trovare un compromesso, sul come reperire i fondi c’è un doppio punto interrogativo. Il primo riguarda il ripristino del coefficiente d’imposta al 100% e l’aumento delle aliquote sui grandi patrimoni: è difficile immaginare una maggioranza disposta a seguire questa via. Il secondo è la revisione delle stime: proporre di incamerare 100 milioni in questo modo significa colpire il ceto medio che si vuole aiutare, alzando il valore di stima molte persone perderebbero i sussidi. L’intenzione del Ps è animare il dibattito e uscire da un consociativismo troppo schiacciato su quanto esce dal Consiglio di Stato. Non c’è dubbio che l’intento sia raggiunto. Ed è un bene, non solo per i socialisti ma anche per tutte le altre forze: dopo il torpore pandemico la politica si deve riappropriare del dibattito. Senza dimenticare l’asse portante rappresentato dalla coesione e il fatto che non c’è risultato senza compromesso. E che se si chiede 100 si deve essere disposti ad accontentarsi di meno. Molto meno.

Potrebbe interessarti anche
TOP NEWS Opinioni
Commento
3 ore
Spesa e tagli, perché il no del Ps al referendum non convince
Il non contrastare l’iniziativa Morisoli raccogliendo le firme è un’occasione persa. Se la situazione è davvero così grave meglio l’attacco della difesa
Commento
1 gior
Sostiene Barbero (sfidando l’uragano)
Da qualche giorno il famoso medievista è bersaglio di uno ‘shitstorm’ per una sua opinione sulle disparità sociali di genere
LA TRAVE NELL’OCCHIO
2 gior
Ora sono pronto a vedere in manette Papa Francesco
La condanna di Mimmo Lucano è solo l’ultimo esempio di una giustizia sorda alla necessità di disubbidire, quando le leggi violano i diritti naturali
Commento
2 gior
Il San Gottardo senza i social
Vent’anni dopo la tragedia del 24 ottobre, che causò undici morti, una riflessione sui tempi della cronaca
Commento
4 gior
Un tonno da 475 milioni di dollari per Credit Suisse
Altra tegola sulla reputazione della banca, dopo il crack miliardario della Greensill Capital della scorsa primavera
Commento
5 gior
È giunta l’ora delle aggregazioni
Nel Basso Mendrisiotto sei Comuni si sono seduti allo stesso tavolo per parlarne. L’ultima volta, nel 2007, non era andata bene
Commento
6 gior
Quelli col poster di Ronald Reagan
L’iniziativa per contenere la spesa pubblica è l’ennesimo proclama di chi ancora crede a ricette obsolete, screditate quasi ovunque
L’OSPITE
6 gior
Per un salario certificato
Accettato in votazione popolare nel 2015, il salario minimo continua a tormentare l’opinione pubblica, i partiti, gli attori economici
Commento
1 sett
Si fa le valigie per lavorare pagati dignitosamente
Ad andarsene sono i giovani, quelli che fonderanno altrove start-up. È tempo d’investire per tenerli in Ticino
Commento
1 sett
Salvini e gli effetti del mojito a lungo termine
Batosta elettorale per il leader della Lega, a cui non viene perdonato più nulla. Eppure fino all’estate del 2019 sembrava inarrestabile
© Regiopress, All rights reserved

Stai guardando la versione del sito mobile su un computer fisso.
Per una migliore esperienza ti consigliamo di passare alla versione ottimizzata per desktop.

Vai alla versione Desktop
rimani sulla versione mobile